Cerca Hotel al miglior prezzo

Good France: Il 19 marzo, la cucina francese, nei migliori ristoranti italiani

Good France, o Goût de France in lingua madre, che si svolgerà in varie località del mondo il 19 marzo 2015, sarà la conclusione di un percorso enogastronomico esclusivo che ha coinvolto più di 1000 chef internazionali, che in queste giornate hanno avuto il compito di valorizzare e far conoscere agli ospiti in sala la cultura enogastronomica francese e il suo spiccato senso di convivialità.

Il paese che ha dato i natali ad alcuni degli chef che hanno segnato la storia dell'alta cucina, da Guillaume Tirel a Marie Antoine Caréme, da George Auguste Escoffier a Paul Bocuse sino ad Alain Ducasse, ha studiato un'azione di valorizzazione unica al mondo che richiederà a tutti i 1000 partecipanti di servire nei rispettivi locali disseminati negli angoli più disparati del pianeta, durante la sera del 19 marzo, un menu francese identico.

La manifestazione enogastronomica nata su iniziativa del Ministero degli Affari Esteri e dello Sviluppo Internazionale in collaborazione con Alain Ducasse, si svolgerà anche in Italia, ed è stata realizzata dall'Ambasciata francese in Italia e dell'Istitut Français Italia, ai quali si sono aggiunte le collaborazioni di Atout France e dell'Ente per il Turismo Francese. Qui trovate la lista di tutti i ristoranti italiani che parteciperanno all'evento di Good France in Italia.

L'evento principale in Italia, che si svilupperà invece in 4 distinte giornate, dal 16 al 19 Marzo, prenderà vita a Roma dove chef francesi ed italiani potranno incontrarsi e confrontarsi su tematiche importanti, tutte incentrate sulla creazione di una cucina più sana, sostenibile e consapevole.

Saranno quattro giornate molto stimolanti dal punto di vista culinario, in cui oltre numerosi convegni, si contrapporranno anche workshop, masterclass e degustazioni: un’opportunità interessante soprattutto per gli chef francesi ai quali è stato concesso di seguire il percorso della filiera gastronomica italiana, partendo dalle visite ai produttori locali sino alla selezione dei prodotti all'interno dei mercati della capitale. Dal produttore, al distributore gli chef approdano in cucina: è qui che 3 chef francesi lavoreranno a quattro mani con 3 chef italiani, per realizzare dei menù da proporre in 3 ristoranti della capitale.

Good France e l'Italia
Quando si parla del buon cibo, non si può non parlare di Italia, e difatti, al “Goût de France/Good France”, gli chef italiani partecipanti saranno circa 100, tra bistrot e ristoranti. Tra tutti non potevano mancare alcuni dei nomi più illustri della cucina italiana noti al panorama internazionale come Andrea Berton, Giancarlo Perbellini, Andrea Fusco, Anthony Genovese e Roy Caceres, per continuare con Angelo Troiani, Davide Scabin, Claudio Sadler e Danilo Ciavattini. All'appello non mancano nemmeno Cristina Bowerman, Davide Oldani, Simone Rugiati, Valentino Marcattili e Stefano Marzetti, che hanno accolto con favore l'iniziativa.

La cospicua presenza degli chef italiani all'evento che omaggia la cucina francese del XXI secolo è probabilmente anche dovuta all'imminente apertura di Milano Expo 2015, anch'essa dedicata alla nutrizione ed al buon cibo. Sebbene Good France si concluderà il 19 Marzo, quasi un mese e mezzo prima di Expo, l'Ambasciatrice di Francia, Catherine Colonna, per omaggiare l'Italia e i valori di convivialità che condivide con la Francia ha deciso di selezionare 3 degli chef italiani partecipanti al Good France, per aprirgli le cucine di Palazzo Farnese dove, in occasione di "Cucina Aperta", potranno dar vita alle loro creazioni per 3 volte nel corso del 2015.
  •  
close