Cerca Hotel al miglior prezzo

Danneggiato il Tempio II di Tikal in Guatemala, durante la festa di fine del mondo

Oltre ad averci tormentato con assurde previsioni catastrofiste di fine del mondo, puntalmente disattese, la sindrome da calendario Maya ha prodotto un grave danno: durante uno dei vari party di fine del mondo in Guatemala, ed esattamente sul sito Maya di Tikal, Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO, semi nascosto nella giungla, a poco meno di 60 km a nord di Guatemala City, un gruppo di turisti ha infranto il divieto di salire sul Tempio II, una delle piramidi di Tikal, provocando seri danni alla struttura.

I turisti avevano affollato il Guatemala proprio in occasione della "fine del mondo", e una delle feste più attese si soveva svoglere a Tikal uno dei siti archeologici più grandi, considerato come uno dei centri più significativi della civiltà Maya. Secondo uno dei custodi del sito molti turisti saliti sul Tempio numero due (Temple II). Anche se al momento non si sa con esattezza ciò che è successo, secondo la testimonianza di Osvaldo Gomez, un consulente tecnico presso il sito archeologico di Tikal, i danni arrecati sono irreparabili.

La piramide del "Temple II", è circa 38 metri di altezza e si affaccia sulla piazza centrale di Tikal, ed è sicuramente una delle migliori strutture note del sito, ed è stata una delle ragioni della designazione Unesco. La festa di venerdì scorso voleva celebrare la fine di un'era che era durata 5200 anni, il cosiddetto "Lungo computo" del calendario Maya, che alcuni credevano avrebbe segnato la fine del mondo, come credevano di interpretare da alcune iscrizioni.

Per questa "pubblicità ingannevole" sono state iù di 7.000 persone che hanno visitato Tikal lo scorso venerdì, attirati dal desiderio di vedere i pronipoti dei sacerdoti Maya tenere una colorata cerimonia, che prevedeva l'accensione di fuochi, mentre il sole sorgeva in occasione della nuova era prevista. Purtroppo l'evento si è rivelato come una trappola per turisti, con poco di rituale, ed addirittura con un disdicevole assalto alla piramide che ne ha provocato il grave danneggiamento.

Ricordiamo che circa il 42 per cento della popolazione del Guatemala,che conta oltre 14 milioni di abitanti, aè di origine Maya, e la maggior parte di loro vive in condizioni di povertà e di discriminazione.
  •  

 Pubblicato da il 24/12/2012 - 5.271 letture - ® Riproduzione vietata

loading...
close