Cerca Hotel al miglior prezzo

La Grotta della Poesia in Puglia: storia, leggenda e dove si trova

Luogo magico e spettacolare della costa adriatica del Salento la doppia cavità carsica del comune di Melendugno è famosa come luogo unico per dei tuffi indimenticabili. Per ragioni di sciurezza, però, il luogo potrebbe essere chiuso onde evitare incidenti.

E’ certamente uno dei luoghi più magici e suggestivi del Salento, oltre che di tutta l’Italia. Votata come una delle 10 piscine naturali più belle al mondo, la  sorprendente Grotta della Poesia è un piccolo bacino d’acqua di mare color smeraldo e trasparente, incastonato tra scogliere che si gettano a picco verso i fondali marini, un must tra le spiagge più belle della costa adriatica del Salento.

Molto frequentata in estate, sia dai locali che dai turisti, l’accesso a quest’area naturale è attualmente proibito, così da preservarne l’unicità e la bellezza.

In attesa che torni fruibile, ma nel modo corretto, vale la pena scoprire perché è così celebrata e amata.

La storia e la leggenda della Grotta della Poesia

Prima di tutto, perché circolano interessanti storie e leggende intorno a questo luogo incantevole. Secondo i racconti, tramandati di generazione in generazione, qui era solita fare il bagno una principessa che, per la sua bellezza quasi soprannaturale, ispirava a poeti e cantori poesie belle quasi quanto lei. In realtà, però, chi conosce bene la zona sa che le piscine (Poesie) sono in realtà ben due, una grande e l’altra dalle dimensioni più contenute. Collegate tra loro da un canale sottomarino, alla Grotta della Poesia grande si accede scendendo lungo una scalinata ricavata nella roccia, mentre alla Grotta della Poesia piccola si arriva in modo meno agevole.

Nel passato, queste due grotte erano coperte ed erano parte integrante del Parco Archeologico di Roca Vecchia. Oggi la copertura non c’è più, scalfita da onde, mareggiate e fenomeni atmosferici. Ciò che c’è ancora, però, sono le iscrizioni messapiche, latine e greche, incise sulla roccia della grotta santuario dai navigatori, che da qui partivano alla volta del mare. Alcune delle iscrizioni, insieme a simboli di varia natura e segni, sono state datate addirittura al II millennio a.C.

I tuffi e la chiusura della Grotta della Poesia

Purtroppo, a causa della forte affluenza di turisti che dalle falesie si lanciavano in acqua, da un'altezza di circa 5 metri, per tuffi spettacolari in acque meravigliose, la location è stata interdetta al pubblico per ragioni di sicurezza dopo che, la scorsa estate, una parte della falesia di origine carsica è crollata.

Come arrivare alla Grotta della Poesia

Come arrivare: Puando il sito sarà riaperto al pubblico, le soluzioni per raggiungere la Grotta sono due. Via mare, noleggiando una barca o prenotando una delle numerose escursioni che vengono organizzate dalle località vicine. Oppure si può arrivare con l’auto, partendo da Roca Vecchia. Dal paesino si procede in direzione NE, verso Via Niccolò Machiavelli, dopo 130 metri si svolta a destra alla seconda traversa e si imbocca la strada provinciale 366. Percorsa per circa 950 metri, si parcheggia l’auto (area di sosta privata a pagamento) e si prosegue a piedi. Attenzione, i posti disponibili sono pochi e lasciando l’auto fuori dagli spazi delimitati si rischia la multa. La Grotta della Poesia si trova lungo la Strada Statale San Cataldo-Otranto.