Cerca Hotel al miglior prezzo

Lo Stabilimento termale delle Terme San Giacomo a Sarnano nelle Marche

Terme San Giacomo si trova a Sarnano in provincia di Macerata, nella zona dei monti Sibillini. E' uno tra gli stabilimenti termali pił importanti della regione Marche ed offre una terna di sorgenti minerali ideali da bere e per varie tipologie di cure.

Terme di San Giacomo è uno dei più attrezzati e meglio organizzati stabilimenti termali delle Marche per quanto riguarda le tecniche curative, che vengono effettuate con ben tre tipi diversi di acqua termale. Si trovano nel piccolo paese di Sarnano in provincia di Macerata, immerse in un vastissimo parco termale con campi da gioco e aree attrezzate per il divertimento dei bambini, ma anche per percorsi fitness in cui corroborare l’efficacia dei cicli terapeutici con una blanda attività fisica.
Sono famose nella regione principalmente per i percorsi idrotermali predisposti con appositi camminamenti in piscina termale per combattere le patologie flebologiche e le vasculopatie periferiche, integrando dei programmi dei trattamenti anche sessioni di riabilitazione in vasca.

Storia dello stabilimento termale

La storia termale di Sarnano comincia nel 1923 con la scoperta delle virtù terapeutiche delle acque minerali San Giacomo, in occasione dei lavori di costruzione di un ponte sul Rio Terro: sembra infatti che le squadre di operai incaricate del duro lavoro si dissetassero con l’acqua che sgorgava da due piccole grotte nei paraggi, meravigliandosi dei notevoli effetti benefici ottenuti nel tempo sui loro malanni.

Fu Enrico Ricciardi, eminente cittadino di Sarnano, ad esaminarne gli effetti e a dichiararli addirittura migliori di quelli già notevoli delle acque della vicina Acquasparta. Il Ministero della Salute riconobbe l’efficacia curativa delle acque di Sarnano nel 1930 su iniziativa del podestà del luogo, l’avvocato Delio de Minicis, e con la consulenza tecnica dell’eminente professore Silvestro Baglioni, docente di fisiologia presso l’Università di Roma. L’attività termale prende quindi avvio nel 1932, grazie alla predisposizione di due cannelle d’acqua provvisorie che fornivano ai malati l’acqua intitolata al santo locale morto nel 1476, in uno spiazzo nei pressi del luogo di scoperta della fonte.

Negli anni Ottanta il Comune di Sarnano porta avanti la ricerca scientifica sulle proprietà terapeutiche di ulteriori sorgenti captate nei dintorni, ottenendo la certificazione di acque termali per la sorgente Terro nel 1980 e per quella Tre Santi nel 1982.

Acque e trattamenti termali

Lo stabilimento di Sarnano è alimentato dalle acque di ben tre sorgenti termali differenti, che prendono il nome di San Giacomo, Terro e Tre Santi. L’acqua San Giacomo è oligominerale e bicarbonato e calcio-magnesiaca, e per la sua purezza ed equilibrio di minerali è ottima come bibita termale nell’ambito delle cure idropiniche. Ricca di magnesio e potassio viene assorbita rapidamente dall’organismo e, grazie al basso contenuto in sodio e alla debole mineralizzazione provoca un’efficace effetto diuretico consentendo di depurare le vie urinarie e di prevenire patologie come i calcoli e la renella, ma anche patologie del fegato e dell’apparato gastro-intestinale.

Ottima quindi nelle diete povere di sodio e anche per l’alimentazione dei bambini, può essere utilizzata tutti i giorni come acqua da tavola, favorendo la digestione e aiutando a superare situazioni di stipsi soprattutto se legati a situazioni di stress. L’acqua minerale Terro viene classificata come sulfureo-salsa, è un fattore curativo molto versatile, impiegato infatti per tutti i trattamenti tradizionali come la balneoterapia, le cure inalatorie le irrigazioni vaginali e la cura della sordità rinogena.

A causa della presenza dell’idrogeno solforato come principio attivo prevalente deve però essere impiegata alla sorgente per avere efficacia terapeutica significativa, a causa della formazione di Sali cui è soggetta una volta imbottigliata. L’acqua Tre Santi è invece oligominerale, ricca di magnesio e bicarbonati e dunque ideale per favorire la digestione e la diuresi e per contrastare le patologie del ricambio come la gotta o l’iperuricemia. Viene usata sia per le cure idropiniche che per la balneoterapia contro malattie osteo-articolari e vascolari, grazie ad appositi idromassaggi, ed infine per interventi di medicina estetica soprattutto per massaggi a getto d’acqua termale contro la cellulite.

Informazioni utili per visitare le Terme

Indirizzo, telefono, sito ufficiale
Via Alcide de Gasperi, 28, 62028 Sarnano MC

tel. 0733 657274
www.termedisarnano.it


Come arrivare
Chi viaggia in auto oppure in moto/camper può percorrere la Statale 78 Picena che parte da Macerata e arriva direttamente a Sarnano attraversando la Valle del Chienti. Dato che lo stabilimento si trova in paese, è possibile parcheggiare direttamente a pochi metri dall’impianto termale.
Coi mezzi pubblici, il tragitto più veloce è quello effettuato dai bus della Contram Mobilità che, partendo da Macerata Terminal (destinazione Civitanova MarchePerugia), prevede un cambio alla stazione FS di Sforzacosta, quindi l’arrivo a Sarnano a cinque minuti a piedi dallo stabilimento termale, per un tempo complessivo di circa un’ora di viaggio.