Cerca Hotel al miglior prezzo

Lo Stabilimento termale delle Terme di Torre Canne in Puglia ( pagine)

Posizionate a pochi metri dalla spiaggia sul mare Adriatico le Terme di Torre Canne offrono acque ipotermali ricche di minerali ed anche trattamenti con fanghi naturali e possibilitÓ di balneoterapie.

Il centro termale di Torre Canne, detto anche Terme di Fasano, è uno degli impianti curativi e wellness della Puglia che si trova in provincia di Brindisi.
Rilevato di recente dal prestigioso gruppo ricettivo BluSerena, che raggruppa prevalentemente villaggi vacanze a quattro stelle, Terme di Torre Canne è uno dei tre stabilimenti della regione ad utilizzare sorgenti di acqua medicinale naturale.

Lo stabilimento termale è comodissimo da raggiungere in quanto sorge direttamente sulla via Appia, ed è servita da un apposito svincolo della Statale 379 Egnazia e delle Terme di Torre Canne. Posto ad una decina di kilometri dall’importante centro di Fasano famoso in tutta Italia per il suo Zoosafari, e poco più di sessanta da capoluogo di provincia Brindisi e da Bari, lo stabilimento termale di Torre Canne è, al pari degli altri centri termali pugliesi, una meta ideale per quanti amano coniugare il benessere o la salute che deriva dalle acque minerali sorgive con una vacanza estiva fatta di mare, sole, spiaggia e divertimento. In effetti Terme di Torre Canne, e l’annessa struttura alberghiera a quattro stelle sorgono in una grande tenuta verde che si affaccia direttamente sul mare della costa adriatica e possiede addirittura una propria spiaggia attrezzata dedicata ai soli ospiti della struttura. E’ quindi possibile ogni giorno alternare comodamente cicli di terapie termali, oppure trattamenti wellness spa, con la classica “tintarella” oppure un bagno nelle cristalline acque di questo tratto della costa pugliese.

Terme di Torre Canne è uno degli stabilimenti termali migliori, in Puglia e in Italia, da visitare con tutta la famiglia. All’interno della vasta gamma di servizi aggiuntivi proposti a chi è ospite della struttura alberghiera GranSerena Hotel, infatti, particolarmente interessanti sono le attività riservate ai bambini di ogni età, con parco giochi e Junior Club per l’animazione dei più piccoli mentre i genitori si gustano le terme oppure si rilassano in spiaggia, per non parlare degli acquascivoli presenti nella grande piscina.

Storia dello stabilimento termale

La storia dell’insediamento stesso di Torre Canne è strettamente legato alle acque minerali che vi sgorgano copiose. L’antica torre di guardia del XVI secolo eretta come punto di avvistamento dei predoni turchi deve infatti il nome ad un vasto canneto costiero, in parte ancora esistente che sorge proprio in virtù della presenza di due fiumiciattoli, il “Fiume Grande” e il “Fiume Piccolo”, alimentati dalle numerose fonti termali della zona.

Costruita nel 1928, la borgata costiera era frequentata tuttavia sin dalla metà dell’Ottocento dagli abitanti di Cisternino e Pezze di Greco non solo per usufruire della spiaggia, ma soprattutto per venire a curarsi con le cosiddette “Acque di Cristo”, nome con cui venivano designate le acque sorgive della zona per le loro sperimentate qualità terapeutiche.

Per il vero e proprio stabilimento termale si deve però attendere il secondo Dopoguerra, quando, grazie soprattutto al contributo di un pioniere del moderno termalismo in Italia come il dottor Giambattista Punzi, sorge un complesso curativo in riva al mare

Acque e trattamenti termali

Gli impianti termali sono alimentati da 11 falde acquifere termali sotterranee, delle quali le più importanti sono le due denominate “Torricella” e “Antesana”. Le acque di queste due sorgenti sono classificate come minerali fredde ovvero ipotermali, e in base ai minerali disciolti, salso-solfato-bromiche.

Possiedono una spiccata azione antinfiammatoria, mucolitica, rilassante e immunostimolante e vengono impiegate per combattere le malattie delle vie respiratorie e dell’orecchio sotto forma di inalazioni, nebulizzazioni, irrigazioni nasali, docce micronizzate e politzer crenoterapico e contro le malattie vascolari nell’ambito della terapia balneoterapica che si avvale sia di idromassaggio ozonizzato in vasca che di un trattamento ispirato al classico metodo Kneipp, ed effettuato all’interno del cosiddetto “Camminatoio”, cioè un percorso controcorrente attraverso due vasche di acqua calda e fredda con getti idromassaggio ozonizzati posti a diversi livelli per stimolare la riattivazione della circolazione sanguigna.

Molto efficace anche contro le patologie ortopediche e reumatiche, le acque termali vengono in tal caso associate ai fanghi nell’ambito di un percorso di fango-balneoterapia indicato contro osteoartrosi, esiti di ernie, periartriti, reumatismi, fibromialgia, tendiniti e fibrositi. Il fango impiegato allo scopo è particolarmente efficace e pregiato quale fattore curativo in quanto estratto da un deposito millenario creato nel corso dei secoli dai sedimenti che le abbondanti acque termali hanno rilasciato all’interno dei laghetti in cui si raccolgono spontaneamente.

I fanghi naturali di Torre Canne sono ricchi di silicato di calcio, allumina, ferro e piccole quantità di magnesio e iodio, il tutto mescolato con la pasta d’argilla che dona la specifica consistenza al limo curativo.

Informazioni utili per visitare le terme

Indirizzo, telefono, sito ufficiale
Via Appia Antica, 2, 72016 Torre Canne BR

tel. 080.48251
www.bluserena.it/


Come arrivare
Chi viaggia coi mezzi pubblici può prendere Bari come punto di riferimento da raggiungere con l’aereo, il treno o il bus, e poi utilizzare il treno regionale che in poco meno di un’ora e mezza porta da Bari Centrale alla stazione di Cisternino, che dista pochi passi dallo stabilimento termale. Chi viaggia con un mezzo di trasporto autonomo, ugualmente, percorre la Strada Statale litoranea che collega Bari a Lecce bordeggiando la costa adriatica fino all’apposito svincolo “Torre Canne” In entrambi i casi ci vuole poco meno di un’ora per arrivare a destinazione.