Cerca Hotel al miglior prezzo

Il Centro Benessere di Villa delle Ortensie a Sant'Omobono Terme

Un piccolo centro termale associato all'hotel Villa delle Ortensie: qui trovate un percorso ispirato alle terme degli Etruschi oltre che acque adatte alla cura delle vie respiratorie.

Lo stabilimento delle terme di Sant’Omobono è uno dei minori centri termali della Lombardia, ma tuttavia uno dei più prestigiosi e conosciuti all’interno della provincia di Bergamo, assieme alle Terme di San Pellegrino e di Trescore.

Il piccolo centro termale è famoso soprattutto per l’efficacia delle terapie curative che vengono somministrate principalmente sotto forma di inalazioni e di cure idropiniche, ma risulta oggi annesso all’interno del resort spa e wellness Villa delle Ortensie, che comprende al suo interno anche un modernissimo e lussuoso spa thermarium, in grado di soddisfare anche chi preferisce un concetto di termalismo ludico e votato al relax ed al benessere.

Fiore all’occhiello della sezione Wellness delle terme di Sant’Omobono è il percorso termale ispirato alla tradizione etrusco-romana, il bio-lago termale interamente costruito con materiali naturali, e la “vasca fangosa”, in cui è possibile godere di una piacevole via di mezzo fra i tradizionali bagni termali in piscina e gli impacchi lutoterapici.

Il centro termale si trova a circa 25 km dal capoluogo Bergamo, nel cuore della Valle Imagna, in un contesto paesaggistico prealpino contraddistinto da un clima fresco e ventilato anche d’estate, splendidi paesaggi e aria salubre ma, soprattutto grande pace e tranquillità grazie all’assenza di rumori e stress, in modo da consentire ai visitatori di poter effettivamente “staccare la spina” dai ritmi frenetici della vita quotidiana.

Grazie alla relativa comodità rispetto alla città di Bergamo, ed al clima fresco e piacevole, è meta termale ideale per una visita soprattutto nel periodo estivo, in cui la collocazione della località di Sant’Omobono, posta a 500 metri di quota, consente di sfuggire la canicola estiva, anche nell’arco di un semplice week-end. Per questo motivo è consigliato a chi viene da più lontano di evitare in quanto possibile i fine-settimana del periodo estivo, dato che sono senza dubbio quelli in cui gli impianti del thermarium risultano in assoluto più affollati.

Storia dello stabilimento termale

Le virtù terapeutiche di queste acque sono citate in forma scritta per la prima volta nel 1772 ad opera dell’illustre medico Giuseppe Pasta, protofisico dell’Ospedale di Bergamo, in una sua monografia che parla delle fonti di Sant’Omobono. Dopo aver approfondito i propri studi in materia dal 1774 al 1794, il dotto studioso ne parla più diffusamente in un ulteriore volume edito proprio nel 1794, descrivendono l’efficacia curativa rispetto a numerose patologie.

Molti sono gli scienziati che le descrivono negli anni successivi, lodandone le notevoli proprietà curative: nel 1803 ne parla il professor Maironi da Ponte, celebrandole come notissime al pubblico per le prodigiose guarigioni che riescono a procurare, tornando sullo stesso argomento in suo scritto del 1820; nel 1840 è la volta del padre Ferrario, che la analizza e ne illustra i benefici in un opuscolo; nel 1864 poi viene edito il volume “Delle acque minerali e delle loro applicazioni” da parte di Giovanni Garelli, che descrive le acque termali della zona come le migliori acque sulfuree in Italia; infine, il dott. Barbieri ne illustra le proprietà nel suo volume “Dell’acqua minerale sulfurea di S. Omobono” del 1883.

Acque e trattamenti termali

Lo stabilimento termale di Sant’Omobono risulta alimentato da acque sulfuree impiegate principalmente per la cura delle patologie a carico delle vie aeree superiori ed inferiori e per le malattie otorinolaringoiatriche in generale, tutte trattate nell’ambito delle cure inalatorie quali insufflazioni endotimpaniche, politzer crenoterapico, nebulizzazioni e inalazioni a getto caldo/umido; per la cura delle malattie dermatologiche viene invece somministrata la balneoterapia, così come la cura idropinica rappresenta la terapia d’elezione contro le patologie dell’apparato gastro-enterico e renale.

Le acque di Sant’Omobono risultano efficaci a livello terapeutico soprattutto nel lungo termine, in quanto sono particolarmente valide per evitare ricadute o riacutizzazioni delle sintomatologie dolorose e patologiche. Le principali proprietà documentate di queste acque medicamentose sono l’azione sedativa/calmante sul sistema nervoso, quella regolatrice della secrezione ormonale da parte del sistema endocrino e quella antiallergica, che inibisce la produzione di istamine da parte dell’organismo riducendo notevolmente gli effetti fastidiosi degli episodi acuti in queste patologie croniche.

Lo stabilimento termale è annesso al complesso wellness denominato Villa delle Ortensie, che rappresenta oggi la sezione spa thermarium del resort di benessere, ispirato alla concezione termale degli antichi Etruschi. Esso comprende il vasto specchio d’acqua termale denominato Bio-lago, alimentato con acqua ricca di potassio e magnesio e dotato di idromassaggio e cascate massaggianti, la piscina con doccia cervicale e idromassaggio e soprattutto tutto il complesso percorso spa di ispirazione etrusco-romana.

Questo comprende infatti il laconicum a 70 gradi, per i bagni a calore secco tipo sauna, il calidarium per i bagni di vapore con acqua sulfurea, il frigidarium con docce termali emozionali e cromoterapia, e lo spazio relax ispirato al tradizionale tepidarium. Molto piacevole anche la cosiddetta vasca fangosa, per il bagno in acqua termale arricchita con fanghi naturali che apporta sia effetti curativi in caso di dolore cronico ma anche un generale beneficio all’organismo nel suo complesso che si esplica con l’azione antinfiammatoria, antiossidante, drenante, gastroprotettiva, apportando notevoli benefici all’apparato muscolare, osteoarticolare, al metabolismo cellulare ed alle cartilagini.

L’acqua impiegata per i trattamenti termali scaturisce dalla Fonte della Salute ed è classificata come solfata, bicarbonata e calcica, oltre che mediominerale e ipotermale in quanto sgorga in superficie ad una temperatura compresa fra i 10 e i 15 gradi.

Informazioni utili per visitare le terme

Indirizzo, telefono, sito ufficiale
VIALE ALLE FONTI 117 -  SANT'OMOBONO TERME BG

tel. 035 851114
www.villaortensie.com/

Come arrivare
Molto più facile e veloce arrivare in auto o con altro mezzo proprio quale moto/camper: in tal caso si percorre la Statale 470 per poi deviare sulla SP14 in località Alme; successivamente si sale diretti fino al Viale delle Fonti di Sant’Omobono dove si trova lo stabilimento. Coi mezzi pubblici, l’unica alternativa a disposizione è effettuare il medesimo tragitto della macchina, ma con il bus locale della linea B00a che, con partenza ogni ora, consente di raggiungere una fermata del bus a poche centinaia di metri dallo stabilimento (Selino Basso) senza necessità di effettuare cambi e con un viaggio di circa un’ora.

27 Novembre 2017 Valtellina: tour tra gastronomia, vino e ...

Si scrive Valtellina, si legge (anche) eccellenza a tavola. Sì, ...

NOVITA' close