Cerca Hotel al miglior prezzo

Cosa vedere e cosa visitare Museo Lamborghini

Il Museo Ferruccio Lamborghini e la visita alla fabbrica di Sant'Agata Bolognese

Pagina 1/2

La vita è correre. Il resto è soltanto attesa. Questa frase, pronunciata dalla star Hollywoodiana Steve McQueen, ben si adatta alla folgorante stella di Ferruccio Lamborghini che seppe trasformarsi da produttore di trattori (sì, avete capito bene!) a imprenditore di successo nel campo delle auto. E che auto!

La storia della Lamborghini

Altrettanto famosa era la rivalità tra gentleman che caratterizzava i suoi rapporti con Enzo Ferrari, il quale un giorno lo apostrofò dicendogli “tu pensa a costruire trattori e lascia fare a me le auto sportive”. In realtà, proprio la sua esperienza in ambito di motori gli permise di realizzare un sogno, il suo sogno, che inizialmente parve a tutti come un pericolosissimo salto nel buio.

Ma la sua tenacia gli diede ragione. Lo stabilimento super-moderno “Automobili Ferruccio Lamborghini” aprì le porte a Sant’Agata Bolognese, a 25 km da Bologna. Lì, meccanica, sudore e motori, il lavoro manuale insomma, si intrecciavano indissolubilmente alla perizia mentale degli ingegneri e del patron stesso, che aveva pensato di costruire fabbrica di produzione e uffici uniti tra loro, in modo da poter mettere in comunicazione diretta forza manuale e menti creative.

La primissima auto venne presentata in occasione del Salone dell’Auto di Torino del ’63. Mr. Lamborghini lavorò giorno e notte affinché fosse pronta (a tempo di record): la meravigliosa 350 GTV venne salutata da pubblico e critica come un vero e proprio capolavoro di design ed ingegneria. Capolavoro apprezzato da tutti, ma non per tutti. Le auto, infatti, vennero prodotte sempre in esemplari limitati, per pochissimi fortunati abbienti abbastanza da poterseli permettere. Dalla prima, unico esemplare prototipo, Lamborghini passò alla produzione di 120 esemplari della 350 GT, sino ad arrivare ai 273 esemplari della 400 GT.

In seguito, fu un’escalation di successo inarrestabile, che ogni volta portava un nome diverso, ma sempre legato ad un famoso toro da combattimento: dalla Miura alla Islero, dalla Espada alla Jarama. Fil rouge, il toro, che non manca anche nel logo del brand.

Il Museo Lamborghini

Per gli appassionati di motori e velocità, questo museo è una tappa imperdibile. Un viaggio che si sviluppa dalle origini ai successi, dai modelli alle auto da Formula 1, dall’evoluzione dei materiali usati a supporto e corredo della tecnologia ai motori, sino ad arrivare alle ultimissime meraviglie. Non solo incanto della meccanica da ammirare, ma anche esperienza indimenticabile da vivere direttamente “sul campo”.

Per i veri appassionati di telai, motori, fibre in carbonio, la visita delle linee di produzione sarà il perfetto e naturale coronamento di un sogno diventato realtà. Come vengono costruite? Quanto è importante la sapienza artigiana? Quanto pesa la tecnologia? A queste e a molte altre domande potrete trovare una risposta proprio visitando lo stabilimento, a partire da un tuffo nel passato (quello delle origini), passando per montaggio, produzione e lavorazione delle pelli (personalizzabili, così come gli interni), telaio e carrozzeria, motore, freni, cambio… Tappa finale ed emozionante di questo viaggio, l’arrivo all'automobile finita, pronta per collaudo e consegna.

Il tour organizzato: Lamborghini Esperienza

Solo per veri appassionati di velocità supersoniche, Esperienza mette insieme tutte le eccellenze che hanno reso grande, nel mondo, il brand Lamborghini: dalla visita della fabbrica al pit-stop al museo, dalla tappa alla boutique (portate con voi le vostre dolci metà, apprezzeranno sicuramente), alla visita delle linee di produzione di Huracán e Aventador.

... Pagina 2/2 ... Quindi, si passerà dalla teoria alla pratica, spostandosi all’autodromo di Imola, per fare esperienza adrenalinica diretta di guida, accompagnati dallo staff di istruttori e piloti di Lamborghini Squadra Corse. Sfreccerete in pista, proverete esercizi di abilità in aree attrezzate, comprenderete di persona perché “la Formula 1 è come tenere un uovo in equilibrio su un cucchiaino mentre si affrontano delle rapide su una canoa”, come affermò Graham Hill. Per informazioni e prenotazioni è necessario rivolgersi ad un concessionario cercandolo al seguente link.

Infine da segnalare che il Museo Lamborghini ospita anche mostre temporanee, come ad esempio quella su Ayrton Senna che si è svolta nel 2017.

Informazioni utili, orari e prezzo biglietti per visitare il museo

Il Museo Lamborghini è aperto tutti i giorni, dal lunedì alla domenica, con orari diversi a seconda del periodo. Dal 1 aprile al 31 ottobre, orari di apertura dalle 9.30 alle 19.00. Dal 1 novembre al 31 marzo, il museo è aperto dalle 9.30 alle 18.00. Chiuso l’1 gennaio, l’1 maggio, il 15 agosto e il 25 e 26 dicembre.

Costo del biglietto d’ingresso: 15 € prezzo pieno, 12 € ridotto (per studenti, over 65, gruppi di più di 20 persone), i ragazzi dai 6 ai 14 anni pagano 5 €, mentre i minori di 6 anni, gli invalidi e i disabili entrano gratis.

Dove si trova: il museo si trova a Sant’Agata Bolognese, a 25 km da Bologna.

Sito ufficialewww.lamborghini.com/it-en/experience/museo

 Pubblicato da il 29/07/2017 - 228 letture - ® Riproduzione vietata

loading...
07 Agosto 2017 Cinecittą World: biglietti per ingresso ...

Il parco divertimenti di Cinecittà World ha appena iniziato la ...

NOVITA' close