Cerca Hotel al miglior prezzo

Il Castello di Montegiove in Umbria: la visita al maniero di Montegabbione

Il Castello di Montegiove in Umbria risale al 13 secolo e si trova nel comune di Montegabbione. E' possibile visitarlo con guida e questa struttura si presta come location di eventi, cerimonie e matrimoni. Da non perdere la cantina del maniero.

L’Umbria si dimostra nei secoli una regione che non finisce di stupire e tuttora, nonostante la sua ridotta superficie, raccoglie così tante perle da rendersi una delle terre “più densamente apprezzabili” d’Italia: dopo la splendida Assisi, il suo magnetico santuario, l’incantevole capoluogo e la Scarzuola con la sua Città ideale buozziana, a far parlare di sé è il solitario Castello di Montegiove (frazione di Montegabbione, provincia di Terni).

Il maniero giace immerso nei boschi che delimitano il confine fra Orvieto e Perugia e reca testimonianza di un periodo – quello medievale – florido per le cosiddette “città stato” (XII secolo): venne infatti fatto costruire precisamente nel 1280 dall’influente famiglia Bulgarelli, prima di passare nei secoli successivi ai Monadelschi della Vipera e definitivamente ai Misciattelli dal 1780. Il di loro marchese, Lorenzo Misciattelli, iniziò il restauro della costruzione verso la fine dell’800 al fine di infondere all’edificio i connotati di residenza abitativa e va al nobile il merito dell’ottimo stato in cui attualmente versa, esempio di cura e attenzione che andrebbero in vero riservate a qualunque monumento nazionale.

Quella che si palesa agli occhi dei visitatori oggi è una tenuta che beneficia di un'opulenta flora circostante ricca di funghi e tartufi, 1200 ettari di campagna popolata da cinghiali e caprioli nonché contraddistinta da poetici querceti, campi, pascoli, feconde vigne e antichi uliveti che rappresentano la base per una copiosa produzione di gran prodotti di qualità come il vino rosso Orvietano D.o.c. e Umbria i.g.t., olio extravergine d’oliva rigorosamente non filtrato ma perfettamente decantato, cereali e la prelibata carne chianina.

Il vino, in particolare, si evince dalla fermentazione di un mosto puro, derivato da grappoli d’uva sceltissimi depositati e poi vinificati nella cinquecentesca cantina del castello, fiore all’occhiello di quella che si configura roccaforte principe del territorio in materia di nettare di Bacco: oltre ai già menzionati Orvietano d.o.c. e Umbria i.g.t., la tenuta di Montegiove si diletta brillantemente nella produzione di Sagrantino, Merlot, Cabernet Sauvignon, Montepulciano, Sangiovese e persino Barbera, inserendosi perfettamente nel territoriale contesto della “Strada dei vini etrusco romana”, arteria di collegamento fra i migliori centri vinicoli dell’intera area regionale ed extraregionale.

A livello turistico, il castello si è reso negli anni ampiamente ricettivo, tanto che la foresteria duecentesca è stata completamente restaurata in modo da ospitare due splendidi quanto grandi appartamenti confortevoli, denominati “Moraiolo” (156 mq) e “Leccino” (155 mq), siti abitativi dotati peraltro di tv satellitare, internet, riscaldamento autonomo, cucina e lavanderia, tradizionalmente ammobiliati e altresì provvisti di spazio esterno concernente giardini dai quali godere di una vista incantevole sulla valle. L’intrattenimento per chi sceglie di soggiornarvi è garantito dalle interessanti visite guidate comprendenti lunghe passeggiate e squisite degustazioni contestualizzate opportunamente da spiegazioni inerenti le varie fasi della produzione enologica.

Ciò che finora non si è detto, sebbene risulti fondamentale, è che il castello si rende location ideale per l’organizzazione di eventi particolari come cerimonie, feste e matrimoni grazie a un ambiente da sogno e uno staff specializzato la cui professionalità si palesa assolutamente impeccabile. Il personale del castello riserva inoltre al cliente la pianificazione di opportuni itinerari per fruire al meglio della bellezza umbra fuori dalle mura del maniero: tutta la zona si presta a camminate all’aria aperta, escursioni lungo sentieri avviluppati dalla placida natura, percorsi ciclistici, cavalcate di gruppo o in solitaria, con il surplus di lezioni culinarie, relax alle terme e shopping liberatorio. Un ulteriore vantaggio è rappresentato dalla vicinanza alla Toscana, che alletta i visitatori con i suoi gradevoli paesini in territorio campestre.

Castello di Montegiove
Indirizzo: via Beata Angelina, 27 – frazione Montegiove 05010 Montegabbione (TR)
Come prenotare: chiamare il numero 0763/837473 o mandare mail a info@castellomontegiove.com
Quando: tutto l’anno e tutti i giorni, dalle ore 10 alle ore 18 su appuntamento
Modalità di visita: prenotazione obbligatoria con inizio visita al raggiungimento di un minimo di 8 persone e un massimo di 50
Tempo di visita: 1 ora (con guida)
Costo del biglietto: 10 € per persona
Sito ufficiale: www.castellomontegiove.com

Come arrivare: da Roma, seguire la direzione per Firenze lungo la A1; da Pisa, seguire prima la direzione per Firenze lungo la SGC FI-PI-LI e poi per Roma lungo la A1. In tutti i casi occorre uscire dalla A1 a Fabro e svoltare a sinistra per Montegabbione, proseguire per ca. 8 km, attraversare Faiolo e girare a destra per Montegiove, dove si necessita seguire le indicazioni per il centro prima di accedere alla strada che porta al castello.

 Pubblicato da il 02/12/2016 - 1.363 letture - ® Riproduzione vietata

16 Dicembre 2017 La Mostra del Radicchio Rosso a Mogliano ...

Nel cuore della marca trevigiana, nel comune di Mogliano Veneto, dal 16 ...

NOVITA' close