Cerca Hotel al miglior prezzo

Avanos, i vasi e le ceramiche nel cuore della Cappadocia

Avanos (Venessa) è situata sulle rive del Kizilirmak, il fiume rosso, che prende il nome dal tipo di argilla che trasporta e deposita. Questa argilla ha fornito ad Avanos la materia prima per le sue ceramiche e per secoli la città ha prosperato proprio grazie a questo settore, che tutt'ora si mantiene nonostante il grande sviluppo che il turismo ha fatto nella zona.

La strada principale ha numerosi negozi e laboratori che vendono manufatti, specialmente e pentole decorate e i piatti e potrete guardare il vasai al lavoro mentro ultilizzano le ruote mosse ancora con i piedi, il cui disegno è rimasto immutato per generazioni. Molti dei negozi vi incoraggeranno ha provare voi stessi nell'arta vasaria: vi accorgerete .che è più difficile di quello che sembra!

Avanos si trava a 17 km (circa 25 minuti di strada) a nord ovest di Nevsehir, appena 8 km a nord di Göreme, 13 km a nord-ovest di Ürgüp, e circa 70 km ad ovest di Kayseri (mappa). Non è assolutamente centrale, come ad esempio Ürgüp e Göreme. ma è comunque una discreta base per la vostra visita della Cappadocia, ed essenso un po' meno turistico, e con una modesta selezione di alberghi e ristoranti, è sicuramente una meta meno affollata delle classiche destinazioni della Cappadocia.

Dal punto di vista del clima Avanos si trova in piena Anatolia Centrale, e quindi con un clima continentale, mitigato in estate dall'altitudine di 910 m sul livello del mare. La stagione estiva è essenzialmente secca, con temperature massime che in genere raggiungono valori compresi tra 26-28 gradi °C e notti fresche con temperature sugli 11-13 °C. In inverno il freddo può essere pungente, specie al mattino con minime sottozero di media tra dicembre e marzo. L'altopiano anatolico non è una zona particolarmente piovosa, ma gli apporti più intensi suno quelli della primavera quando può piovere poco meno di 60 mm come quantitativo mensile.

Cosa fare e cosa vedere a Avanos?
La città a prima vista può deludere, in realtà il suo centro storico contiene angoli deliziosi, con abitazioni ottomane in pietra, spesso decorate. Interessanti sono i laboratori di ceramica dove si possono ammirare i lavoratori all'opera, oppure di tentare voi stessi di produrre qualche vaso da tenere come souvenir.

Nella piazza principale (Ataturk Caddesi) un monumento in terracotta ricorda hai visitatori il lavoro nobile dei vasai e quello della produzione dei tappeti.
Una visita consigliata si compie fuori da Avanos, e circa 6 km ad est e si tratta del complesso di Sari Han, un bel caravanserraglio che si può visitare a pagamento.

Ozkonak una bella città sotterranea, ed è stata costruita sulle pendici settentrionali del Monte. Idis circa 14 km a nord-est di Avanos, ed è costituita da molti strati di roccia vulcanica.
Le grandi aree della città sono collegate tra di loro da gallerie. Ozkonak aveva incorporato un sistema di comunicazione e di gallerie tra ciascuno dei suoi livelli, a differenza ad esempio di Kaymakli e Derinkuyu che non hanno tali sistemi di collegamento. Ogni camera scavata era fornita di fori di ventilazione, che servivavano quando la città era cinta d'assedio. Altri fori erano invece dedicati alla difesa della città, con il lancio di olio bollente sugli assalitori.

Ozkonak èfu scoperta nel 1972 da un contadino chiamato Latif Acar. L'uomo era curioso di capire dove la sua acqua per le culture fosse scomparsa. Alla fine scoprì una camera sotterranea, che rivelò poi agli scavi successivi tutta una città sotterranea che poteva ospitare un incredibile numero 60000 persone (per un massimo di tre mesi). Anche se oggi sono aperti solo quattro piani, il complesso contiene un totale di 10 piani, per una profondità complessiva di 40m.

  •  
01 Novembre 2017 Halloween a CinecittÓ World: programma e ...

Le lunghe giornate estive stanno lasciando il passo alle fresche e più ...

NOVITA' close