Cerca Hotel al miglior prezzo

La Penisola del Sinai, dove il deserto incontra il Mar Rosso

Sinai, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Luogo conteso da sempre, dal fascino immutabile preservato dall'ambiente desertico, la Penisola del Sinai offre ai turisti paesaggi di una spettacolarità disarmenate, tra montagne imponenti. rocce colorate e con lo sfonfo turchese del Mar Rosso e delle sue barriere coralline. Dopo decenni di conflitti, sono circa venti anni che queste terre hanno acquisito una relativa tranquillità, consentendo la scoperta di luoghi straordinati per il turismo globale, che in pochi anni ha trasfarmato questi solitari lidi di pescatori in una fiorente industria turistica, i cui limiti sono ancora, in gran parte, da definire.

Le offerte di volo migliori per arrivare sul Sinai sono sicuramente quelle che conducaono a Sham El Sheik, collegato praticamente con la maggior parte degli aereoporti europei, con possibilità di voli di linea e charter. Il tempo di volo dall' Italia si aggira sulle 3 ore e mezza e vi conduce all'areoporto di Sharm situato nei pressi di Ras Nasrani. Da qui in pochi chilometri si giunge a Naama Bay e a Sharm El Sheik.

Dal punto di vista geografico la penisola del Sinai è un area desertica compresa tra il golfo di Suez e il golfo di Aqaba, con un territorio prevalentemente pianeggiante a nord e montuoso nella sua parte meridionale dove le cime più alte superano i 2.500 m di altitudine. Grandi campi di dune di sabbia sono presenti lungo la costa mediterranea nella parte nord-orientale del Sinai, per il resto si ha un ambiente desertico di tipo prevalentemente roccioso.

Quando andare nel Sinai? Certamente i mesi estivi di luglio e agosto sono quelli meno indicati per chi vuole muoversi all'interno della penisola, dove le temperature possono raggiungere valori decisamente elevati. Sul mare la situazione è mitigata dalle brezze, ma il più elevato tasso di umidità è comunque fastidioso, La tarda primavera e l'inizio dell'autunno possono essere i mesi migliori per conciliare mare ed escursioni nell'interno, mentre in inverno le acque hanno temperture più basse, e la notte il termometro può scendere a valori piùttosto bassi.

Da vedere sicuramente la zona di Sharm, soprattutto per chi vuole provare a fare un po' di snorkeling ed immersioni subacquee. Il reef intormo al parco nazionale di Ras Mohammed (vedi foto dell'ingresso) è davvero bello e ricco di pesci e di coralli. Dalla zona di Sharm sono possibili escursioni all'interno, molto gettonata è quella che conduce all'antichissimo monastero di Santa Caterina, alle pendici del Monte Sinai.
Altro luogo interessante è l'Oasi di Feiran con testimonianze Paleocristiane (monastero delle sette sorelle).
Per gli appassionati di archeologia segnaliamo Serabit El Khadim e il sito vicino a Ein Khudra dove si possono ammirare le enigmatiche costruzioni dei Nawamis.
Nel golfo di Aqba si può invece visitare la Fortezza dell'isola del Faraone (Geziret Faroun) un isola con una suggestiva fortificazione di origine crociata, di grande impatto scenico.

  •  

News più lette

close