Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Lodz

Lodz (Łódź): visita alla cittą, al ghetto e ai suoi festival

Pagina 1/2

Łódź, in tedesco Lodsch, Litzmannstadt durante gli anni di occupazione nazista, è una città di poco più di 760.000 persone situata nella parte centrale della Polonia, capoluogo dell’omonimo vovoidato di Lodz. L’insediamento è il secondo del paese per numero di abitanti, seppure le stime più recenti abbiano evidenziato un progressivo calo della popolazione negli ultimi 20 anni. Lo stemma della città, che raffigura una piccola imbarcazione posta in risalto su uno sfondo metà rosso e metà giallo, è stato realizzato con la tecnica del canting, molto utilizzata soprattutto per la realizzazione di simboli araldici tedeschi, ed è facilmente spiegabile, poiché la traduzione in polacco di Lodz è semplicemente “barca”.

La prima apparizione di Lodz in un documento scritto è datata 1332, anno in cui il villaggio di Łodzia venne citato in un manoscritto consegnato al vescovo di Włocławek. Nel 1423, quello che fino ad allora era stato solo un piccolo borgo, ottenne ufficialmente i diritti di città, consegnategli direttamente dalla mano del re Władysław Jagiełło. Le dimensioni della cittadina rimasero comunque molto ridotte fino all’inizio del XIX secolo, quando Lodz intraprese una svolta tesa alla creazione di un potente apparato industriale, in grado di rilanciare l’economia di quest’area della Polonia. In pochi anni, il costante afflusso di lavoratori, imprenditori ed artigiani provenienti da tutta Europa trasformò Lodz nel principale centro di produzione tessile dell’Impero russo. Negli anni immediatamente precedenti alla I Guerra Mondiale, la città si segnalava come uno dei poli produttivi più importanti e più densamente popolati d’Europa che, superato non senza fatiche e sofferenze il primo conflitto mondiale, la grande depressione degli anni ’30, la persecuzione nazista ed il secondo ed ultimo conflitto che ha scosso l’Europa fino al 1945, ha saputo rilanciarsi in ottica internazionale, riuscendo a rinascere dalle proprie ceneri.

La via principale del centro di Lodz è la Piotrkowska, sette chilometri splendidamente restaurati lungo i quali si concentrano gli uffici degli enti governativi e le sedi delle più importanti aziende della città. La fama della strada è però legata alle numerose opere ed ai molti monumenti installati lungo i marciapiedi, fuori dai negozi e sulla stessa pavimentazione. Tra gli elementi più interessanti di questa straordinaria “galleria a cielo aperto” ricordiamo: le sculture in bronzo raffiguranti noti personaggi polacchi, tra i quali Arthur Rubinstein ed il Nobel Władysław Reymont; la Aleja Gwiazd Walk of Fame, una camminata in stile hollywoodiano su un percorso costellato di stelle; ed il cosiddetto "Mounumento dei 500 cittadini lodziani al cinquecentenario della città", un tratto di strada pavimentato in maniera quantomeno originale, che reca tra l’altro le incisioni dei nomi degli autori che hanno contribuito alla sua realizzazione.

Tra le attrazioni culturali più importanti di Lodz non si può non ricordare la Państwowa Wyższa Szkoła Filmowa,Telewizyjna i Teatralna PWSFTviT, una delle più prestigiose scuole di cinema d’Europa. Il complesso, inaugurato nel lontano 1948 e che presenta anche qualche corso dedicato al teatro, ha lanciato sui più importanti palcoscenici cinematografi mondiali maestri del calibro di Roman Polanski, Andrzej Wajda e Zbigniew Rybczynski, solo per citare i tre che hanno coronato la propria carriera aggiudicandosi l’Oscar di miglior regista. All’interno della scuola sono inoltre conservati i lavori e le opere di tutti gli artisti che hanno frequentato il corso, anche di quelli più famosi.

... Pagina 2/2 ...Da non perdere anche il Vena Festival Lodz, festival musicale molto famoso. Rinomati anche il Tatoo Festival Łódź e quello del fumetto.

Per rimanere a stretto contatto con la natura ci si può recare all’immenso Łagiewniki, il più grande parco urbano d’Europa, mentre il Lunapark, situato nella vicinanze del giardino, offre la possibilità di svagarsi su una delle molte attrazioni presenti, dalle montagne russe alle giostre per bambini. Per quanto riguarda i musei, il più importante e conosciuto è indubbiamente il Muzeum Sztuki, lungo via Więckowskiego. Il Sztuki è uno dei migliori musei d’arte moderna dell’intera Polonia, che raccoglie capolavori di artisti polacchi vissuti nell’ultimo secolo, oltre a sculture e manufatti che, per mancanza di spazio, sono stati posizionati nel seminterrato, divenuto a tutti gli effetti una vera e propria ala espositiva del museo. Il ramo chiamato MS2, per lo stesso problema di metratura, è stato trasferito presso i saloni messi a disposizione dal centro commerciale Manufaktura.

Il clima è continentale, freddo ed umido per buona parte dell’anno, anche se in estate le giornate sono spesso gradevoli. L’inverno, che generalmente si protrae da novembre fino all’inizio di aprile, è molto freddo, caratterizzato da temperature spesso al di sotto dello zero e da precipitazioni che nella maggior parte dei casi sono nevose. L’estate invece, seppur breve, è un periodo particolarmente gradevole, con massime che raggiungono anche i 27/28 gradi ed il sole che splende spesso nel cielo. I fenomeni non sono infatti molto abbondanti nell’arco dell’anno, dato che difficilmente superano i 600 mm di pioggia.

Per quanto concerne i trasporti, l’Aeroporto internazionale di Lodz Lublinek (LCJ) è il nodo più importante della città, pur essendo uno scalo di dimensioni ridotte. Per muoversi all’interno del centro urbano sono disponibili numerose linee di autobus, economiche ed abbastanza efficienti. Foto wikipedia, cortesia: El-042, Lestat, Polimerek,
loading...
close