Cerca Hotel al miglior prezzo

Lund (Svezia): l'Universitą, la Cattedrale e la visita alla storica cittą

Lund, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

La storia millenaria che ha forgiato i tratti fondanti di Lund fa di essa la seconda città più antica della Svezia, laddove s’estende il territorio della Scania, a sud della nazione.


Università

Di rimando, eccezionale importanza ha guadagnato la prestigiosa università cittadina soprannominata la “Cambridge svedese”.

Difatti, fra i 77.000 abitanti molti sono studenti ergo si parla di una popolazione piuttosto giovane e molto aperta all’internazionalità. Questa università ha visto ufficialmente la luce nel 1666 ed è oggi in grado di ospitare oltre 40.000 iscritti.

E' inclusa nella lista dei 100 atenei più importanti del mondo, ed è molto ricercata dagli studenti italiani che aderiscono al progetto Erasmus. Offre 8 facoltà è numerosi corsi tenuti in lingua inglese che conferiscono un interesse internazionale a questa prestigiosa istituzione.


Storia

Lund nasce intorno al 1020 per volontà del sovrano vichingo Canuto il Grande, ma alcuni documenti di certificata provenienza smentirebbero tale data proiettando la reale fondazione indietro di alcuni decenni e per mano del re danese Sweyn I Forkbeard. Nel 1145 avviene la consacrazione della locale Cattedrale, da quel momento fulcro della vita religiosa di un borgo in rapida ascesa sia dal punto di vista politico che economico (in tempi odierni dominano il mercato grandi aziende come la Tetra Pak e la Sony Ericsson, che hanno sede qui).

Ad essa si accosta la seconda istituzione formativa del centro urbano, la Katedralskolan (ossia Scuola della Cattedrale), risalente al 1085, e un museo, il Domkyrkomuseet.


La Cattedrale di Lund

La Cattedrale si riconosce per l’imponente facciata scandita dalla presenza delle due torri laterali in arenaria grigia e massimo orgoglio dell’architettura romanica svedese concatenata ad arie stilistiche anglo-normanne. Superato l’ingresso, ecco comparire sulla sinistra il pittoresco orologio astronomico del Trecento, capace di misurare l’alternarsi dei giorni, delle settimane, del sole e della luna, mettendo peraltro in scena due volte al giorno (precisamente alle ore 12.00 e alle ore 15.00) uno spettacolo in cui le figure lignee dei Re Magi incontrano Maria e Gesù.

È soltanto il preludio a un’aula interna di mirabile splendore culminante nella magnifica abside sulla cui volta domina uno splendido e raffinato mosaico in vetro veneziano, dal quale emerge la raffigurazione della Resurrezione realizzata da Joakim Skovgaard nella prima metà del Novecento. L’organo a canne non prende polvere ed è più attivo che mai il sabato alle ore 10.00 nel contesto di un bel concerto assolutamente gratuito. Leggende, miti e favole confluiscono nell’affascinante cripta ove fan bella mostra di sé le titaniche colonne di Finn dalle linee antropomorfe, atte a rievocare la storia di Finn il gigante. Nello spazio ipogeo trovano altresì posto le spoglie del vescovo di Lund Anders Sunesen, che visse in città nel XIII secolo.


Cosa vedere a Lund

La città gode di un flusso di ragazzi praticamente inesauribile e il turismo entrante appare sempre fresco e attratto da un centro storico ben conservato, un reticolo ampio e ordinato di vie medievali cui fanno eco case coeve protagoniste di numerosi itinerari a misura di comitive interessate inoltre a immergersi nel clima paradisiaco di parchi e giardini pulitissimi e altamente attrezzati.

Gli edifici appartengono a epoche storiche diverse e tutti trasudano un’energia tipica dei paesi del nord Europa, energia che si confonde piacevolmente con un’atmosfera di perenne festa e animazione, puntualmente pronta a espandersi a macchia d’olio partendo dal cuore di Lund, ovvero la Universiterplatsen che s’incastona nel parco principale, il Lindagård. In questo accademico comprensorio si staglia fiero ed elegante il vetusto palazzo del Kungshuset, eretto nel 1578 nel fulgido periodo dei re danesi.

Lund è peraltro focolaio imperituro di vivida cultura, che esonda da varie istituzioni e una pletora incontenibile di musei, capofila dei quali è l’Historiska museet, che indaga la storia risalendo fino all’età della Pietra, cui appartiene uno scheletro umano vecchio di 7.000 anni.

È sinonimo di eccellenza il Kultern, enorme esposizione museale comprensiva di allestimenti culturali all’aperto, edifici rurali, mostre di storia e artigianato e collezioni di carrozze, ceramiche, antichi costumi contadini e incredibili manufatti d’epoca vichinga. L’arte moderna è appannaggio del Museo Konsthall Lunds, l’arte pubblica dello Skissernas Museet.

Molti edifici stessi rappresentano nella loro singolarità dei musei rivelatori di un passato non poi così lontano, nella fattispecie il XIX secolo, che reca in dote esempi limpidi come il Grand Hotel e il Botaniska tradgården, costituente in breve il giardino dell’università.


Eventi, festival e manifestazioni

Lund vive ogni quattro anni un grande evento, il Lundkarnevalen, organizzato nel mese di maggio. Nell’attesa di questa manifestazione non ci si può certamente annoiare, si calcoli che la città, come precedentemente detto, è frequentata essenzialmente da giovani in cerca di divertimento e svago.

A offrirli sono locali caratteristici aperti sia di pomeriggio che di sera, talvolta tutto il giorno, si citino il Mejeriet (vi si tengono concerti di artisti nazionali e internazionali), il Vattenhallen Science Center (funge da laboratorio e planetario), il Game Center (specializzato nel proporre videogames di ultima generazione) e il Rauhrackel. Quest’ultimo è un pub che serve tanta buona birra e porzioni abbondanti di carne.


Come arrivare a Lund

Risulta molto comodo l’aeroporto di Copenaghen-Kastrup in quanto dispone di un collegamento ferroviario con Lund; l’aeroporto di Malmö-Sturup beneficia invece di un collegamento autobus.

  •  

 Pubblicato da - 17 Settembre 2018 - © Riproduzione vietata

News più lette