Cerca Hotel al miglior prezzo

Saeby (Sæby), il villaggio dei poeti in riva al mare…e la sua donna

Saeby, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Una costellazione di piccoli soli paiono le casette di legno dipinte di giallo, che con le tegole rosse rivolte verso il cielo si lasciano accarezzare dall’aria tersa di Saeby. Situato a 12 km da Frederikshavn, il villaggio danese si sporge dalla riva orientale della penisola dello Jutland, verso le acque fredde del Kattegat.

Il maggior vanto degli abitanti è che a Saeby, semplicemente, c’è ancora tempo per vivere. Il che può essere tradotto, per chi è attirato da un viaggio nel nord del mondo, nelle diverse sfaccettature che fanno della cittadina marittima una perla preziosa della Danimarca: paese di pescatori, villaggio balneare amato per le sue spiagge, piccolo agglomerato di monumenti e scorci da fotografia.

Sul bordo del molo, tra la Chiesa di Santa Maria e la distesa d’acqua sconfinata, la Fanciulla del Mare saluta i marinai che si allontanano sulle onde e dà il benvenuto al sole che sorge dall’orizzonte: si tratta di una scultura simbolo della città, una grande donna bianca che di notte viene illuminata artificialmente e di giorno è resa abbagliante dalla luce potente di Saeby.

Quasi mille bambini della città hanno contribuito nel 2001 alla realizzazione dell’opera d’arte, applicando alla superficie disegni e decorazioni realizzate da loro.

Venendo dal mare, alle spalle della imponente fanciulla si riconosce la raffinata chiesa di Santa Maria, che dal 1460 veglia sull’accesso marittimo alla cittadina. Famosa per gli affreschi che ne decorano l’interno, raffiguranti le storie della Vergine, la chiesa custodisce anche un’originale pala d’altare che secondo una leggenda sarebbe stata lanciata in mare da un veliero come dono alla comunità. La piccola chiesa è ciò che rimane di un antico monastero del 1470, ormai scomparso.

Da vedere anche il mulino ad acqua, nella grande proprietà reale di Elisabeth Bille, un insieme di eleganti edifici del 1640; infine il Museo di Saeby, allestito in una dimora del XVI secolo con l’intento di ripercorrere le tappe che hanno costruito, anno dopo anno, la storia della città.

Affittate una tipica casa vacanza vicino alla costa e fate le ferie come gli scandinavi…sarà un’esperienza indimenticabile sia per i grandi che per i più piccoli! Dopo una vacanza estiva nella cittadina, il famoso poeta Henrik Ibsen scrisse la commedia teatrale “La Donna del Mare”, oggi simbolo di Sæby.

Tra le manifestazioni che scandiscono la vita del villaggio c’è un festival che soddisferà i palati dei buongustai: un esclusivo festival del vino, che si svolge nella cantina del castello di Saeby e durante il quale la bevanda degli dei è accompagnata da piatti di pesce fresco seguiti da torte prelibate e dessert d’alta pasticceria.

Per raggiungere Saeby sarà necessario armarsi di pazienza, ma una volta raggiunta la destinazione ne sarà valsa la pena. Chi parte dall’Italia può prendere l’aereo a Roma, Bologna, Milano, Pisa o Firenze per Copenhagen. Da qui, dovrà nuovamente decollare alla volta di Aalborg, che si trova a 54 km da Saeby ed è collegata all’aeroporto dalla rete ferroviaria.

Fonte: Ente Danese per il Turismo
Dal lunedì al venerdì, dalle 14 alle 17: tel. 02 874803
Visita Visitdenmark.it
 
  •  

News più lette

27 Novembre 2017 Valtellina: tour tra gastronomia, vino e ...

Si scrive Valtellina, si legge (anche) eccellenza a tavola. Sì, ...

NOVITA' close