Cerca Hotel al miglior prezzo

Il Calendario dell'Avvento vivente a Plangeross nella Pitztal del Tirolo

Pagina 1/2

PITZTAL, la vallata del Tirolo austriaco che raggiunge l’altitudine massima per lo sci in Austria (3440 m, quindi tra le più alte d’Europa), già innevatissima, è la meta ideale per vivere la magia dell’Avvento: dal 1 al 24 dicembre 2010, infatti, nel ‘paesino presepe’ di Plangeross, a 1600 metri, si può assistere al tradizionale Calendario dell’Avvento vivente. Ogni sera una sorpresa… E una finestrella che si apre in una casa ogni volta diversa, a scandire i momenti che ci separano dal Natale con leccornie speciali e doni che ‘escono’ dalla finestra. Case private, pensioni e alberghi… tutti partecipano con addobbi tradizionali, e fanno a gara a preparare vin brulè, dolcetti tipici, strudel, mele al forno o anche ricette segrete della casa da offrire agli ospiti.

Ogni giovedì di dicembre, poi, tutti a piedi con le fiaccole nella neve fresca per raggiungere magici angoli del bosco… dove accanto a un falò assaggiare i prodotti tipici dell’Avvento. E nel centro del paesino mercatini, banchetti di artigiani per comprare decorazioni e ninnoli natalizi e tante attività e giochi per i bimbi. Il programma settimanale, volendo, è poi arricchito da altre escursioni, visite ai mercatini di Innsbruck, concerti natalizi nelle chiese…

Pernottamento da 30 euro a persona al giorno compreso le attività dell’Avvento e un bicchiere di vin brulè ogni sera. Oppure pacchetto 4 giorni in mezza pensione in hotel 3 stelle da 171 euro a persona compreso una slittata notturna e da 268 euro con lo skipass 3 giorni.

Lo sci, 120 km di piste a quota ‘stratosferica’…
Plangeross si trova proprio ai piedi del ghiacciaio di Pitztal (uno dei 3 comprensori sciistici di questa valle, 120 km di piste in totale), a cui si accede con un trenino sotterraneo. Una volta in quota, tra 2800 e 3440 m, si snodano vari impianti ad alta portata fino a 3440 m e quasi 37 km di ‘autostrade bianche’ già in piena attività e che resteranno aperte fino a maggio inoltrato. E’ possibile ritornare a valle con una lunga pista in ambiente selvaggio, fino a 1800 metri, realizzando così uno dei massimi dislivelli continui delle Alpi (1640 m).

Gli altri due comprensori: Hochzeiger, 52 km di piste e ben 1000 m di dislivello continuo tra 1450 e 2450 m, con pista di slittino illuminata di 6 km e innumerevoli servizi speciali per famiglie con i bimbi (apertura con grande festa il 4 dicembre 2010). In testata della valle, collegato al ghiacciaio, c’è Rifflsee, 31 km di piste tra 1680 e 2880 m, con varianti e percorsi freeride oltre che impegnative piste rosse e nere.

Nuovo skipass generale ‘Pitzregio’, valido da 2 a 16 giorni oltre che per i 3 comprensori, anche per la zona sciistica di Imst, con 3 impianti e apertura in notturna 3 volte la settimana (3 giorni 110 euro, 7 giorni 221 euro, bambini sotto i 10 anni gratis). Skipass giornaliero Pitztal da 35 a 39 euro – in alta stagione - BAMBINI SOTTO I DIECI ANNI E ACCOMPAGNATI DA UN GENITORE CON DOCUMENTO D’IDENTITA’ SEMPRE GRATIS, 10-15 ANNI sconto circa 30%. Disponibili anche pomeridiani, e mezze giornate.

Qualche novità
... Pagina 2/2 ...A Hochzeiger, stupenda e panoramica zona sciistica su un ‘panettone’ perfetto per lo sci, 52 km di piste fino a 2450 m, si sono investiti 13 milioni di euro negli ultimi tempi e a dicembre 2009 è stata inaugurata la nuova seggiovia 6 posti coperta e riscaldata Zirbenbahn, con 2 nuove piste rosse (7 km in più). Per questo Hochzeiger è stata eletta dall’ADAC (il potente Automobile club tedesco) ‘emergente del 2010’. Tra le altre novità, sul ghiacciaio del Pitztal c’è un centro per praticare il fondo e il nuovo Fun Park in prossimità della cabinovia Mittelbergjoch, aperto fino a metà maggio e strutturato in tre aree distinte con nuovo half pipe sotto la seggiovia Gletschersee.

Al Rifflsee c’è anche la nuova architettura moderna in vetro e legno chiaro del ristorante Sunna Alm Rifflsee, ‘casa clima’ con standard climatico passivo più alta d’Europa, che utilizza geotermia e pannelli solari, risparmiando 30.000 litri di oli combustibili l’anno.In progetto, poi, per gli anni a venire, il fantastico collegamento sci ai piedi del ghiacciaio di Pitztal con Sölden e l’Ötztal.

Pitztal è una delle valli più tradizionali, autentiche e incontaminate del Tirolo – il che non vuol dire ‘chiuse’ o arretrate. Qui l’hi tech degli impianti, il livello degli alberghi e dei servizi sono di prim’ordine. Nel tratto inferiore (paesi di Arzl, Wenns, Jerzens tra 800 e 1100 m) si pratica un’agricoltura sostenibile di montagna in uno scenario da idillio, nella parte alta (Innerpitztal, con centri principali St. Leonhard a 1370 m e il paesino presepe di Plangeross) è il regno della natura potente e selvaggia. In questo contesto di montagna pura il turismo si integra con saggezza, con un equilibrato numero di posti letto rispetto al numero di abitanti, e con aree sciistiche sviluppate quanto basta, varie ma ‘concentrate’ (quindi con limitato impatto ambientale e visivo), molto ‘tecniche’ e ricche di tracciati diversi . E poi siamo vicini all’Italia: a neanche un’ora e mezzo dal Brennero o dal passo Resia (quindi 2 ore da Merano, 3 ore o poco più da Verona).

INFORMAZIONI:
Consorzio Turistico/Tourismusverband Pitztal, Unterdorf 18, A - 6473 Wenns (Pitztal), Margret Winkler, Tel. +43 5414 86999-15, Fax +43 5414 86999-88,
info@pitztal.com
www.pitztal.com


27 Novembre 2017 Valtellina: tour tra gastronomia, vino e ...

Si scrive Valtellina, si legge (anche) eccellenza a tavola. Sì, ...

NOVITA' close