Cerca Hotel al miglior prezzo

Petra: pitture murali a Siq Al Barid, quasi completato il restuaro

Pagina 1/2

AMMAN - Dimenticate da secoli sul bordi esterni di Petra, le pitture murali a Siq Al Barid sono prossime ad una nuova vita, e forniranno un unico ed esclusivo sguardo allo stile di vita del popolo antico dei Nabatei.
Situato circa 300 metri dall’entrata sud di Siq Al Barid, detta anche Piccola Petra, la volta coperta da variopinte pitture che raffigurano intreccio di viti, fiori, uccelli e figure mitologiche, che forniscono agli esperti un'istantanea di una civiltà fiorente dal punto di vista culturale e artistico.

I dipinti, che risalgono al 1 ° secolo a.C. e adornano nicchie ad arco e le pareti di ciò che crediamo sia la sala da pranzo di una ricca famiglia, sono stati martoriati da secoli di erosione eolica e sabbia, dal tasso di umidità e dal vandalismo.

Per ripristinare i dipinti allo splendore originario, il Petra National Trust (PNT) sta completando la seconda fase del progetto di conservazione per aprire una nuova finestra sulla vita quotidiana degli abitanti della città rosa-rossa.

A lungo consapevoli del valore delle pitture, il PNT si è incontrato con il Dipartimento delle Antichità (DOA) e il Parco archeologico di Petra per discutere di come il PNT potrebbe salvare questi tesori.

La PNT aveva commissionato il restauro agli specialisti Stephen Rickerby e Lisa Shekede dal London Courtauld Institute of Art, che sono stati ben impegnati nel ripristino di dipinti murali.

In pratica dal 2006, il Courtauld Institute, la PNT e il Dipartimento delle Antichità sono stati al lavoro 24 ore su 24 per presentare i dipinti al pubblico il più vicino possibile alla loro forma originale, dimostrando che Petra è molto di più che una città di pietra scolpita.

"Questo è un vero e proprio pezzo d'arte - non solo una pittura d’interno," ha dichiarato Rickerby al Jordan Times, aggiungendo che le pitture avevano subito più di un danno cosa che ha reso una vera sfida il loro impegnativo restauro.

Secondo Rickerby, a causa dei suoi composti organici, il dipinto è stato più sensibile ai cambiamenti ambientali, come l'umidità e le variazioni di temperatura. Ma forse la più grande minaccia per le opere d’arte vecchie di 2.000 anni è stato il genere umano, con secoli di graffiti e scorie di incendi accesi all'interno della grotta nel corso degli anni, che hanno annerito la maggior parte delle superfici con la fuliggine.

In aggiunta, un precedente tentativo di conservazione negli anni ‘70 aveva utilizzato un prodotto chimico nello smalto che aveva reagito male con i composti organici della pittura, minacciandone tutta l’integrità.
"Nel processo utilizzato negli anni ‘70, le parti del dipinto erao state sigillate,con l'aggiunta di uno strato moderno che interagiva negativamente con il pezzo originale. Se fosse stato utilizzato su più ampia scala, il dipinto sarebbe ora in una forma molto diversa, "ha aggiunto l'esperto.

... Pagina 2/2 ...La più grande sfida per ripristinare l’opera d'arte di Petra, secondo il team di Coultard, è stata la pulizia dei dipinti anneriti.

"La rimozione sicura di materiali indesiderati, senza effetti negativi sui dipinti, è stata davvero una grande sfida", ha aggiunto. Rickerby e Shekede hanno impiegato mesi per l'esame delle impostazioni ambientali, dello stato di usura fisica e sulla fattibilità del restauro.

Al fine di eliminare gli strati di fuliggine senza mettere in pericolo l’opera, il team ha creato una speciale tecnica di pulizia su misura, utilizzando acqua e argilla dalle caratteristiche adsorbenti, in grado di asciugare l'umidità in eccesso e prevenire che l'acqua penetrasse l'originale strato di vernice. Usando tempi bene calcolati, è stato faticosamente rimosso lo strato annerito poco a poco, lentamente rivelando i veri colori del murale.

"C’è un elevato standard artistico esercitato dai Nabatei, e qui può essere visto in tutta la sua forma," ha detto Shekede, aggiungendo che le rappresentazioni e le vernici usate dai Nabatei indicano che la loro arte è stata molto influenzata dal mondo romano e ellenistico.

Tali materiali comprendono il blu egiziano, comune tra gli artisti romani, greci ed egiziani, e il rosso organico, le tonalità blu e i gialli ampiamente utilizzati in modo specifico nel mondo ellenistico.

Avendo recentemente completato la seconda fase del restauro, Courtauld e la PNT sperano di ultimare la stabilizzazione della pittura di gesso e la pulizia, e di terminare la terza e ultima fase, entro la fine di quest'anno.

Secondo la PNT, ci si concentrerà poi passando all’interpretazione dell’opera e per migliorare l'accesso ai visitatori, attirando pià visitatori alla Piccola e Petra, fino a ora una gemma nascosta nella settima meraviglia del mondo, e fornendo in questo modo il reddito necessario per le tribù locali Amarin che risiedono nella vicina Beida.

Nel frattempo, Shekede ha espresso ottimismo che la pittura porterà ad ulteriori sforzi di conservazione in tutte le parti del parco.

"Speriamo far diventare questa elegante pittura come un faro di sensibilizzazione, per dimostrare che vi ancora così tanto da imparare in Petra. Ciò non può che avvenire attraverso la conservazione del suo patrimonio” ha così concluso.
Fonte: Ufficio Turistico Giordano - Foto cortesia: Courtauld Institute of Art
close