Cerca Hotel al miglior prezzo

Vacanza sulla costa meridionale di Mauritius

Sud: il nome evoca già luoghi caldi, spiagge e palme da cocco.. si, a sud di Mauritius trovate spiagge di rara bellezza, come Blue Bay e Souillac, ma anche zone che in questo periodo dell’anno sono gremite dai piumini argentei della canna da zucchero, come Bel Ombre, sede di un’antica dimora coloniale, o la zona di Le Morne, un villaggio sovrastato da un omonimo monte, patrimonio UNESCO dal 2008 per il suo legame con gli anni della schiavitù, quando fungeva da rifugio per gli schiavi in fuga. Nelle vicinanze, il Ganga Talao, o Grand Bassin, come è comunemente chiamato: il lago sacro per gli hindu, luogo suggestivo da sempre meta di pellegrinaggi e sede delle celebrazioni hindu durante feste come l’Holi e il Cavadee.

A sud dell’isola si trova la cittadina storica di Mahébourg dove visitare il Museo Navale che ospita la famosa campana della fregata Saint Géran, che suonò durante la battaglia napoleonica di Marengo. Mahébourg è un ottimo punto di partenza per diverse escursioni: gli isolotti di Mouchoir Rouge e Ile aux Aigrettes, e interessanti riserve naturali facenti parte della Mauritian Wildlife Foundation, come la Vallée de Ferney e le Domaine de l’Etoile, parchi ricchi di piante endemiche, le cui valli sono popolate da uccelli, cervi e le altre specie animali tipiche di questi luoghi. Qui è possibile praticare varie attività sportive tra cui tiro con l'arco, escursioni a piedi, circuiti in quad o in 4x4 per permettere a chi ama la natura di esplorare al meglio il cuore verde dell’isola e apprezzarne la ricchezza.

Verso est, oltre alla natura, si può scoprire una delle tradizioni più antiche dell’isola, visitando il Domaine des Aubineaux, dimora coloniale immersa fra le piantagioni del tè Bois Chéri. Qui si trova l’omonima fabbrica e il museo del tè, entrambi visitabili con una guida che spiega le diverse fasi del ciclo di produzione del tè e della sua storia.

Risalendo la costa est, nella zona di Trou d’Eau Douce, piccolo villaggio fondato dagli olandesi, in pochi minuti di barca si può raggiungere l’Ile aux Cerfs. L’attrattiva principale dell’isola è costituita dalla laguna e dalle sue spiagge ombreggiate da alberi di casuarina, pianta tipica di Mauritius. Oltre che per le sue bellezze naturali, l’isola è un vero paradiso per chi ama rilassarsi al sole grazie alla tranquillità delle sue spiagge isolate. Continuando a salire, la striscia di costa che si stende a nord di Trou d’Eau Douce comprende alcune delle più belle spiagge di sabbia immacolata che si stendono dolcemente: è questa la zona di Belle Mare. Ma non aggiungiamo altro, e lasciamo a voi la magia della scoperta…

Dove mangiare?
Presso i domaine di questa zona dell’isola è possibile gustare le migliori prelibatezze delle table d’hote di Mauritius. Le Chateau de Bel Ombre, le Domaine de l’Etoile, le Saint Aubin offrono tutte questo tipo di ristorazione declinandolo secondo il proprio stile.
Per chi invece ama i ristoranti in un contesto più classico, da tener presenti due indirizzi scelti in questa zona dell’isola: Le Four à Chaud, a Trou d’Eau Douce (tel +230 480 1036) è l’indirizzo dedicato ai buongustai di pesce. Immerso nella natura e con ventaglio di piatti tipici delle zone montuose, il ristorante panoramico Varangue sur Morne (tel +230 483 6610)

Vita notturna - Nella zona fra Mahébourg e Pointe d’Esny, La Belle Kreole (tel +230 6315017) alla sera ospita musicisti locali che fanno musica dal vivo, da ascoltare degustando piatti tipici della tradizione creola o il buon rum prodotto sull’isola.

Soggiorno esclusivo? Come nelle altre zone dell’isola, l’offerta alberghiera offre numerose sistemazioni di diverso stile. Grandi strutture nelle vicinanze di Le Morne, come il Dinarobin del gruppo Beachcomber e Les Pavillions del gruppo Naiade, o l’unico Relais & Chateaux di Mauritius, Le Prince Maurice della catena mauriziana Constance Hotels Experience o il St Géran One & Only, Le Touessrok, The Residence sono solo alcuni dei nomi dei resort in queste aree dell’isola. Fra i boutique hotel, le case coloniali e i lodge a sud e ad est dell’isola, si può pernottare presso presso L’Exil e L’Andrea Lodge, cottage immersi nel verde con veduta sull' oceano, nella zona di Bel Ombre. Realizzati con materiali naturali come paglia e pietra, i lodge sono ideali per gli amanti dell'ecoturismo. Se avete nostalgia di casa la Asso Villa una struttura semplice e accogliente, gestita da italiani, è quello che fa per voi. Infine, anche i Ti-Vilaz sono ideali per chi è alla ricerca di un luogo dove è possibile riposare immersi nel silenzio della natura. Si tratta di 7 lodge di montagna perfetti per chi ama fare passeggiate nella foresta alla scoperta di piante endemiche e rare essenze, tour in quad, battute di caccia e pesca.

MTPA - Mauritius Tourism Promotion Authority
Ufficio stampa AIGO
Visita Mauritius-turismo.com
 

  •  

 Pubblicato da il 10/06/2009 - 2.519 letture - ® Riproduzione vietata

loading...
24 Maggio 2017 La Mostra di Steve McCurry al Forte di Bard ...

L'opera di Steve McCurry, uno dei più grandi fotografi contemporanei, ...

NOVITA' close