Cerca Hotel al miglior prezzo

Volare a New York a 140 euro con l'alleanza delle compagnie aeree low cost

Dopo la rivoluzione nel modo di viaggiare in Europa, portata da Ryanair alla fine degli anni 90, la nuova sfida era di estendere questo approccio “low cost” ai voli per Stati Uniti e Nord America.

Tale sfida sembra possa essere vinta grazie ad una “joint venture” di compagnie low cost europee che, dal 2017, promette di farci viaggiare dall’Europa ad entrambe le coste degli USA con biglietti a partire da 140 €. Sogno o realta?

In particolare la Norwegian Air Shuttle, compagnia low cost norvegese, si sta organizzando per effettuare voli oltre oceano grazie all’acquisto dei nuovi vettori Boeing 737 Max e Boeing 787 Dreamliner per arricchire la propria flotta, aerei che hanno nel loro DNA la capacità di sorvolare l'oceano con un unico volo.

Il loro progetto coinvolge, come detto, anche altre compagnie, in qualità di partner con la funzione di convogliare i passeggeri da tutta Europa verso gli hub principali dai quali partire per sorvolare l’Atlantico.

Così, in pratica, grazie a Ryanair, EasyJet, Vueling ed altre compagnie si potranno raggiungere gli aeroporti in Gran Bretagna, Spagna ed Irlanda da cui salire a bordo dei vettori Norwegian e volare verso il Nord America.

A dire il vero Norwegian effettua già alcune tratte negli USA ma con accesso limitato, dato che batte bandiera di un paese non comunitario, come la Norvegia. La chiave di questo accordo è stata, quindi, la conclusione della trattativa tra Bjorn Kjos, amministratore delegato di Norwegian, e Washington, che ha dato il via libera alla succursale irlandese della compagnia aerea, rimuovendo, di fatto, tutte le limitazioni sul numero di voli nei cieli a stelle e strisce.

Secondo le dichiarazioni rilasciate dallo stesso Kjos e da Micheal O’Leary, CEO di Ryainair, l’accordo tra le due compagnie è praticamente fatto e prevede che i passeggeri volino a bordo di Ryanair verso gli hub dei norvegesi (come Londra Gatwick, Oslo, Stoccolma e Barcellona) e da lì, a bordo dei già citati Boeing 737 e 787 verso gli aeroporti americani. In pole position in Italia, come scalo di partenza, l'aeroporto di Orio al Serio di Bergamo con volo Ryanair!

L’approccio low cost prevede anche in questo caso l’accesso ad aeroporti secondari, per tenere bassi i costi, per cui le destinazioni saranno per esempio Oakland per arrivare a San Francisco (costa ovest) oppure, nel caso di New York City (costa est), si atterrerà in aeroporti tipo lo “Stewart International Airport”, il “Portsmouth International Airport” (New Hampshire) o il “T.F. Green Airport” nei pressi di Providence, Rhode Island.

Oltre a Ryanair, Kjos sembra intenzionato a coinvolgere nel progetto anche Easyjet e Vueling, per rafforzare il traffico di passeggeri da ogni angolo del vecchio continente fino a Londra, Barcellona e Madrid che sono hub sia di Norwegian che delle citate compagnie.

Insomma sembra che il 2017 rappresenterà una pietra miliare nella storia dei viaggi oltre oceano e permetterà a flussi di viaggiatori sempre maggiori di andare negli USA a prezzi ridottissimi.
  •  

 Pubblicato da il 13/12/2016 - - ® Riproduzione vietata

01 Novembre 2017 Halloween a CinecittÓ World: programma e ...

Le lunghe giornate estive stanno lasciando il passo alle fresche e più ...

NOVITA' close