Cerca Hotel al miglior prezzo

Festa e Processione di Sant'Andrea Pescara

La festa e la processione di Sant'Andrea a Pescara

Evento concluso!
Attenzione, evento concluso!
Se verrà riproposto aggiorneremo le date!
L’ultima domenica di Luglio la marineria di Pescara festeggia il proprio santo protettore con una suggestiva festa sul mare, che trae origine dal 1867, dedicata a Sant’Andrea Apostolo.

A quell’epoca, a Castellammare Adriatico, comune istituito agli inizi del 1800 e nato dalla divisione dell’Universitas di Pescara, nella zona del borgo marino nei pressi del porto e dell’omonimo fiume, venne costruita una chiesa dedicata al santo che fu pescatore della Galilea, discepolo di Giovanni Battista e fra i primi apostoli di Gesù. In quello stesso 1867 venne anche smantellata la cinquecentesca fortezza borbonica e la città abbandonò il suo ruolo di bastione militare in favore di una più spiccata vocazione per il commercio e le attività economiche.

Da allora, ogni anno a fine Luglio, migliaia di pescaresi si riversano sul litorale per assistere ad una delle più caratteristiche tradizioni popolari di questa regione che richiama sul molo anche una gran folla di turisti e devoti.

Per l'occasione, la flotta peschereccia della città abruzzese si veste a festa, decorandosi di bandiere e festoni, per prepararsi alla processione in mare organizzata in onore del santo patrono.

Alle nove della mattina dell’ultima domenica di Luglio si celebra la messa nella Parrocchia di Sant’Andrea, sorta attorno ad una piccola cappella votiva nella borgata dei pescatori della Marina nord di Pescara ad opera dei Padri Missionari Oblati di Maria Immacolata, tutt’ora titolari dell’edificio religioso. L’inaugurazione dell’attuale chiesa, progettata dall’architetto romano E.Rossi, risale al 6 ottobre 1963, alla presenza del cardinale polacco Wyszynsky.

Dopo la funzione liturgica, la statua del santo protettore viene portata fuori dalla chiesa parrocchiale per essere condotta sulla riva del porto canale dove ad attendere il corteo c’è una flottiglia di barche fra cui ne viene scelta una. All’ammiraglia, così è definita l’imbarcazione prescelta, l’onore e l’incarico di trasportare la statua del patrono durante la processione sul mare. Adagiata l’effigie sulla barca, su di essa prendono posto il parroco, i procuratori della festa, i rappresentanti della corporazione dei pescatori e le autorità cittadine a cui seguono la banda musicale e i fedeli.

Il corteo esce dal porto al mattino e in processione costeggia la spiaggia sino all’altezza di Montesilvano, località situata a nord di Pescara con cui confina e forma un unico agglomerato urbano, dove viene gettata in acqua una corona di fiori in memoria dei caduti in mare. La tradizione marinara vuole che in questo giorno non ci si possa bagnare nell’Adriatico se non dopo aver partecipato alla processione.

A distanza di quasi 150 anni, ancora oggi i tradizionali festeggiamenti prendono luogo nell’antico borgo marinaro dove proprio attorno al 1867, sulla riva nord del fiume Pescara si sviluppò un consistente rione di pescatori, tale Borgo Marino, abitato da gente che viveva del mare e affidava la propria sorte alle acque e alla pesca. Fra i più antichi quartieri di Pescara, nonostante non sia possibile stabilire con esattezza quando sia sorto il borgo dei pescatori sia a sud che a nord del fiume, l’attuale Borgo Marino si presuppone che già in epoca classica fosse zona di insediamenti stabili poiché la foce del fiume Pescara era considerato scalo importantissimo, specie ai tempi di Diocleziano, per gli scambi con la Dalmazia.

Per la prima volta dalle sue origini, solo nell’edizione del 2012 non è stato possibile svolgere la storica processione in mare a causa delle condizioni del fondo del porto insabbiato per il mancato drenaggio.

Con il trascorrere degli anni la tradizione di questa festa di carattere religioso si è poi arricchita di iniziative culturali affiancate anche da appuntamenti enogastronomici con tanto di stand per la degustazione del pesce allestiti lungo il porto.

La marineria festeggia il santo patrono anche con l’ormai consueta notte degli spari di Sant’Andrea, evento, questo, molto apprezzato dagli abruzzesi che il lunedì della settimana successiva, ultimo giorno di festa, si riversano sulla spiaggia per assistere ad uno spettacolo pirotecnico che intrattiene il pubblico per circa un’ora (con inizio attorno alla mezzanotte). A notte fonda, scenografici fuochi d’artificio, sapientemente preparati da maestri pirotecnici, illuminano il cielo creando un suggestivo giochi di luci, colori e suoni sul mare.

Se quest'estate, dal 30 luglio al 1 agosto per l’edizione 2016, vi capita di essere dalle parti di Pescara non perdetevi la festa in onore del patrono dei pescatori con processione e fuochi d’artificio: rimarrete piacevolmente sorpresi da quella che si può ben definire una suggestiva epopea marinara.

Calendario delle aperture
Attenzione: evento terminato!

Luglio 2016
D L M M G V S
         
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           
Agosto 2016
D L M M G V S
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
     
Diniego di responsabilità: la Redazione cerca di mantenere sempre aggiornate le date di apertura, ma consigliamo di visionare i siti ufficiali prima di organizzare una visita.
  •  

 Pubblicato da il 07/04/2016 - 25.127 letture - ® Riproduzione vietata

loading...
close