Cerca Hotel al miglior prezzo

Una nuova isola emerge dal mare del Giappone a causa di una eruzione vulcanica

Aggiornamento del 9 aprile 2014 - La piccola isola di Niijima è cresciuta tantissimo in questi mesi, e sta fagocitando quella vicina di Nishinoshima! In paritica le due isole si sono fuse assieme, quindi il Giappone ha di fatto perso l'isola in più, ma comunque aumentando di 3 volte quelle dell'isola già esistente.
--------------------
Il Giappone è un grandissimo arcipelago, che i libri di geografia indicano possedere ben 6.852 isole! Da oggi però le isole sono diventate una in più, 6.853, dato che una nuova eruzione vulcanica sottomarina ha creato un nuovo isolotto a circa 1.000 km a sud della capitale Tokyo, al largo della costa di Nishinoshima, una piccola isola disabitata che fa parte della catena di isole di Ogasawara , anche conosciute come le isole Bonin.

Non a caso queste isole, che contano una trentina di elementi, fanno parte della cintura del cosiddetto "Anello di Fuoco" (Ring of Fire). La nuova isola ha al momento un diametro di circa 200 metri, che non è poco dato che si è formata praticamente in una sola giornata! Si chiama Niijima, ma bisognerà aspettare la fine degli eventi per capire se il nuovo vulcano potrà diventare parte della geografia permanente del Giappone, oppure un po' alla volta diventare vittima della subsidenza e sprofondare nuovamente sotto il livello del mare.

Certo che il Giappone, con una elevatissima densità abitativa, gioisce sempre quando nuovo territorio si rende disponibile alla colonizzazione, ma in questo caso la nuova terra si trova ben lontano dalle coste dell'isola di Honshu, praticamente a metà strada con le isole Marianne. Ciononostante le isole rappresentano una zona strategica per la nazione del Sol Levante, con questo arcipelago che si estende prossimo ad una zona contesa dalla Cina, quella delle isole di Okinotorishima.

Per il momento l'eruzione non è osservabile dai turisti, dato che il viaggio per raggiungere l'isola di Nishinoshima è piuttosto lungo e costoso, ma tutto dipenderà da quanto sarà lunga questa fase parossitica, e quanto crescerà in altezza il vulcano. C'è anche la possibilità che la nuova isola si unisca a quella vicina, e in questo caso i libri di geografia potranno continuare a mantenere invariato il loro numero di isole per il Giappone!

Il fenomeno però non è una novità: sulla terra ogni tanto possono crearsi nuove isole, che spesso vivono per un periodo limitato. E' il caso della recente isola comparsa quest'anno a sud del Pakistan, dopo un violento terremoto, ma ciò accadde anche in Italia, quando nel 19° secolo (1831) si formò l'isola Ferdinandea in Sicilia, che però dopo un certo tempo è ritornata nuovamente sotto il livello del mare (- 6 metri), in attesa di un futuro ritorno, se il vulcano deciderà di riprendere la sua attività eruttiva...
  •  

 Pubblicato da il 09/04/2014 - 5.401 letture - ® Riproduzione vietata

loading...
close