Cerca Hotel al miglior prezzo

Il Museo Archeologico della Battaglia di Gergovia in Francia

Un viaggio fantastico nella storia dell'Alvernia e del suo eroe pių grande: Vercingetorige! Questo modernissimo museo č una occasione per conoscere il luogo dove venne sconfitto Giulio Cesare.

Sapete che Vercingetorige, re degli Arverni, militò nell’esercito romano come ausiliario? E che secondo alcuni fu addirittura un agente segreto di Giulio Cesare che gli avrebbe affidato l’incarico di scatenare la rivolta fra galli e romani per poterla reprimere e consolidare così il proprio potere? Se le gesta del famoso capo gallico vi hanno sempre affascinato e volete sapere tutto, ma proprio tutto, della sua vittoria, unica peraltro, sull’armata di Cesare durante la guerra gallica non perdetevi il Musée de Gergovie ovvero il Museo Archeologico della Battaglia di Gergovia, altopiano dell’Alvernia, presso La Roche-Blanche, nel cuore della Francia e dei suoi magnifici paesaggi vulcanici.

Inaugurato nell’ottobre 2019, questo spazio museale di oltre 600 metri quadrati d’esposizione accompagna alla scoperta della storia del mondo celtico e delle origini geologiche di uno dei territori più autentici di Francia e dei suoi paesaggi, in particolare la Catena dei Puys e la Faglia di Limagne, iscritte entrambe dal 2018 nell’elenco dei patrimoni mondiali dell’Unesco.

Dimenticato per centinaia di anni, il sito di Gergovia è stato portato alla luce nel XVI° secolo da un italiano, il fiorentino Gabriel Simeoni: il museo archeologico illustra la storia dell’area da allora sino ai giorni nostri oltre che quella degli accurati scavi condotti sull’altopiano nel XIX° secolo.

La visita al Musée de Gergovie

L’interessante percorso didattico, fatto di grafici, plastici, modellini, reperti archeologici e attività multimediali, permette al pubblico di immergersi nella celebre battaglia che oppose galli e romani nel 52 a.C.: proprio a Gergovia Giulio Cesare riportò infatti l’unica sconfitta contro i galli di Vercingetorige. In quell’anno il condottiero arverno si ribellò al console, già impadronitosi di una parte della Gallia, attirando le 6 legioni nemiche (con 36 mila uomini) verso Gergovia. Nell’avanzata, Cesare riuscì però a occupare un accampamento sulla collina di Roche Blanche simulando un attacco verso ovest per ingannare le truppe dei galli. Ma allertata da messaggeri, la cavalleria di Vercingetorige ebbe la meglio sugli avversari romani. Cesare abbandonò il campo di battaglia dopo aver perso più di 700 uomini e Vercingetorige venne eletto capo supremo dei galli (tutti i dettagli li potete scoprire di persona a Gergovia).

Nella sala centrale del museo uno spettacolo audiovisivo proietta immagini su uno schermo gigante e su un plastico per accompagnare nel vivo delle peripezie della battaglia e, attraverso l’esposizione di oltre 250 fra reperti e vestigia riportate alla luce dagli scavi dell’oppidum arverno, si può prendere coscienza della vita quotidiana di questa cittadina della Gallia. Una parete di 50 metri espone armi, monete, oggetti d’arte, gioielli e utensili di ogni genere e utilizzo.

Una trentina fra plastici e modellini e 40 animazioni video accompagnano inoltre il visitatore in una full immersion della battaglia mentre un’opera digitale su 5 schermi coinvolge nella formazione e nell’evoluzione del paesaggio dell’Alvernia nel corso delle varie ere geologiche a partire dalla preistoria. A completare l’area museale ci sono poi splendide ricostruzioni di tenute militari e fortificazioni gallo-romane.

Il Museo Archeologico della Battaglia è la prima tappa di un più ampio progetto che vuole valorizzare l’intero altopiano per far sì che questo sito naturale si faccia conoscere meglio con la sua storia: l’obiettivo, ambizioso, è quello di diventare – assieme a Alesia e Bibracte - uno dei luoghi francesi più importanti dedicati alla storia dei galli.

Informazioni utili: orario, tariffe e indirizzo

Il museo è aperto al pubblico dal mercoledì alla domenica dalle 11 alle 18; nei mesi di luglio e agosto, per le vacanze scolastiche, è aperto tutti i giorni dalle 11 sino alle 19. Chiuso il 25 Dicembre e il 1° Gennaio. Per aperture straordinarie consultare il sito internet.

Il biglietto intero è di 8€ mentre il ridotto (studenti, ragazzi dai 6 ai 25 anni, portatori di disabilità e disoccupati) è di 6€. Pass annuale 20€, gratuito sino ai 6 anni, famiglia (2 adulti e 2 ragazzi) 20€, gruppi (minimo 10 persone) 5€ ciascuno, scolaresche (minimo una classe) 3€ a persona. Visite guidate di gruppo (forfait 25 partecipanti – durata 1 ora): 130€ (+ biglietto d’ingresso 3€ persona).

Indirizzo: Plateau de Gergovie, 63670 La Roche-Blanche (Francia) – telefono +33 04 73601693. Il museo si trova a 15 chilometri da Clermont-Ferrand nelle vicinanze dell’autostrada: accesso tramite l’A75, uscita numero 4 e poi seguire “Plateau de Gergovie”.

Sito ufficiale www.musee-gergovie.fr

 Pubblicato da il 11/04/2020 - 976 letture - ® Riproduzione vietata

06 Aprile 2020 Scandola, Corsica: escursioni in mare nella ...

Chi l’ha vista ha detto che assomiglia moltissimo all’idea ...

NOVITA' close