Cerca Hotel al miglior prezzo



Comprensorio sciistico:
Cortina d'Ampezzo

Uno tra primi dieci posti più belli del mondo, così il giornalista e scrittore Rolly Marchi, classificava Cortina d’Ampezzo, e sicuramente non aveva torto, basta alzare lo sguardo per godere di panorami che lasciano senza fiato, forse è proprio per questo che la sua fama resta immutata negli anni.

Dal punto di vista sciistico Cortina offre due versanti principali, quello del Faloria-Cristallo e quello delle Tofane. Partiamo dal versante del Faloria, si può raggiungere dal centro utilizzando la storica ed ardita funivia che si stacca dal piazzale della vecchia stazione ferroviaria, i due tronconi raggiungono in pochi minuti i 2121 m. del rifugio Faloria, qui troviamo la sciovia Tondi che serve un pista facile utilizzata sia come campo scuola che per gare sociali, scendendo sulla sinistra ci portiamo in zona Vitelli dove tre seggiovie portano sulla cima Tondi, da dove si dipartono le piste più tecniche della zona, la discesa può continuare fino a Rio Gere dove attraversando la strada di incontrano gli impianti del Cristallo.

L’area del Faloria si distingue per due particolarità nella zona dolomitica è la prima ad aprire i battenti, in Novembre e l’ultima dove si può sciare in primavera, generalmente fini al ponte del primo maggio, questo è possibile per l’ottima esposizione delle piste e per la presenza di un potentissimo impianto di neve programmata; altra peculiarità è la pista Vitelli, dove si è corso lo slalom gigante olimpico, adesso riservata allo slow-ski, si scende godendosi la neve ed il panorama, a ritmo lento.

Gli impianti del Cristallo, consistono di due seggiovie ad agganciamento automatico e di una telecabina-seggiovia che raggiunge i 3000 m. della forcella Stauniens. La discesa che parte dalla forcella è la più ripida di tutte le dolomiti, per questo è percorribile solo in condizioni d’innevamento perfette, nelle altre giornate si può scendere alla stazione intermedia è sciare fino alla stazione a valle della seggiovia Padeon. Le piste di questo versante sono, a parte la Stauniens, molto varie e non particolarmente difficili.

Volgendo lo sguardo verso N incontro, ai piedi delle pareti del Pomagagnon nella frazione di Guargnè, le piste di Mietres, questa piccola area è dedicata alle famiglie, le piste che scendono tutte nel bosco sono facili e divertenti, la sciovia serve un baby park ed una pista di slittini completa l’offerta.

Proprio di fianco allo stadio del ghiaccio parte il primo tronco della funivia denominata Freccia nel Cielo, uno dei punti d’accesso all’area delle Tofane, i primi due tronchi raggiungono Ra Valles 2475 m. , qui tre seggiovie servono alcune piste non lunghe, ma tecnicamente interessanti e data la quota elevata con ottime condizioni d’innevamento per quantità e qualità, la pista Forcella Rossa, che scende tra due pareti verticali di roccia permette di portarsi nella zona più bassa, altrimenti accessibile da Col Drusciè, e con l’auto da Piè Tofana o da Rumerlo.

Qui la pista principale è la Olimpia delle Tofane, dove ogni inverno si corrono le discese di Coppa del Mondo femminile, le possibilità di variazione sono tante, alcune di queste non vengono battute per lasciare terreno anche agli appassionati di freeride. Se mi sposto verso la frazione di Pocol, la lunga seggiovia Olimpia serve lunghe e larghe piste facili, terreno ideale per chi sta imparando, magari sotto la guida di uno dei maestri di sci presenti a Cortina.

Se mi sposto da Pocol con un comodo servizio di skibus, in futuro con una cabinovia, verso il passo Falzarego, raggiungo Bai de Dones qui la seggiovia Cinque Torri mi porta all’interno di un’altra area sciistica di Cortina, questa seggiovia serve una serie di piste rosse che scendono sia a destra che a sinistra del tracciato dell’impianto, una seconda seggiovia biposto raggiunge il rifugio Averau, se cambio versante una bella pista rossa scende verso il passo Giau da cui si può risalire oppure deviare verso la seggiovia Croda Negra al cui arrivo uno skiweg mi permette di raggiungere le piste del Col Gallina ed il passo Falzarego.

Dal passo la ripidissima funivia del Lagazuoi mi conduce su di un panoramico balcone da dove lo sguardo spazia dall’Antelao, alle Tofane fino alla Marmolada, verso nord il pendio degrada dolcemente verso la val Badia e la lunga pista Armentarola che mi permette di collegarmi al SuperskiDolomiti, un’altra bella pista rossa riporta alla partenza della funivia.

Sul piano ricettivo Cortina d’Ampezzo offre sistemazioni di tutti i livelli, le strutture sono posizionate sia in centro che in posizioni più tranquille nelle frazioni. Gli appassionati di cinema ricordano di sicuro come questa località abbia ospitato i set di diverse pellicole sia italiane che internazionali, tra le quali spiccano “La Pantera Rosa” e “007 Solo per i tuoi occhi”, solo per ricordarne due.

I ristoranti ed i rifugi sono punti dove gustare specialità gastronomiche sia di montagna che di mare, in baite i rifugi sono comunque sempre pronti panini e piatti unici per chi desidera una sosta più veloce.
Non può mancare lo snowpark, realizzato sul versante delle Tofane in località Socrepes, qui 500 m di pista sono suddivisi in due linee, una più facile dedicata ai più piccoli ed a chi non cerca grossi brividi, mentra la linea media è più impegnativa e richiede già una certa esperienza.

Lo sci nordico si può praticare in località Fiames e spostandosi un po’ verso la val di Landro, utilizzare le piste tracciate lungo il percorso della vecchia ferrovia, su queste si corre la gran fondo Dobbiaco-Cortina.
Per chi ama il pattinaggio lo stadio del ghiaccio è disponibile sia per pattinaggio libero che per lezioni, inoltre qui si giocano le partite di hockey.

Il comprensorio Cortina d'Ampezzo è raggiungibile dalle località sciistiche:

Maggiori informazioni

WorkCortina d'Ampezzo
Via G.Marconi, 15/b
32043 Cortina d'Ampezzo
Italia
Telefono: Work++39 0436 869086

Sito ufficiale

in collaborazione con  Altre informazioni su Cortina d'Ampezzo


18 Dicembre 2017 Cosa fare a Guadalupa: una settimana nei ...

Paradiso caraibico e parte di quelle Antille che punteggiano l’oceano ...

NOVITA' close