Cerca Hotel al miglior prezzo

Le cinque città più alte del mondo, vince La Rinconada in Perù

Pagina 1/2

  • Namche Bazar
  • Lhasa
  • Potosi
  • El Alto
  • La Rinconada
Chi non ha mai sognato di volare, di sentirsi leggero come una nuvola e guardare il mondo da un’angolazione tutta nuova, sospesa tra la terra e il cielo? Allontanarsi un poco dalle cose terrene e avvicinarsi il più possibile al mistero degli astri: forse proprio per questo motivo, da sempre, l’uomo ha scalato montagne imponenti e vi ha costruito villaggi e città stupende, capaci di suscitare una vertigine sublime. Chi cerca un’emozione e non teme l’alta quota non può trascurare il consiglio di Bootsnall.com, che ha stilato una classifica delle cinque migliori città situate ad altitudini spettacolari.

Ad occupare il quinto posto c’è la città di Namche Bazar, in Nepal, abbarbicata alle montagne a un’altitudine di ben 3.500 metri. Fondata come stazione commerciale per gli abitanti della zona, oggi è anche una tappa prediletta dagli scalatori che si dirigono alla conquista dell’Everest: la città si trova proprio all’incrocio di tanti percorsi escursionistici, è il polo commerciale più importante della regione del Khumbu, possiede una propria banca, un ufficio postale e di polizia. Chi vi trascorre qualche notte può provare l’Everest View Hotel, con camere ossigenate per facilitare la respirazione a chi viene da quote minori, vista l’aria molto rarefatta dell’alta montagna.

Segue Lhasa, capitale del Tibet, che si erge a 3650 metri ed è indubbiamente la più famosa delle città ad alta quota. Con oltre 250 mila abitanti se ne sta incastonata nella catena dell’Himalayas, e tradizionalmente era un luogo molto amato dal Dalai Lama. Tenzin Gyatso venne però forzato a lasciare il Tibet nel 1959 dal regime comunista cinese, e ora vive in India. La città è sempre stata la meta di numerosi pellegrini, e non a caso è protetta dall’UNESCO: sono molti i templi buddisti dell’abitato, estremamente eleganti e suggestivi, come il famoso Potala Palace.

Arriviamo al terzo gradino del podio con la città boliviana di Potosi, a ben 4.090 metri di quota. Anche stavolta si tratta di un gioiello protetto dall’UNESCO, dichiarato Sito Patrimonio dell’Umanità, che un tempo era noto per l’estrazione dell’argento e per essere uno dei centri abitati più grandi di tutta l’America. La fortuna ininterrotta nel campo minerario ha influenzato notevolmente l’identità attuale di Potosi, infatti è nominata nel Don Chisciotte di Cervantes come luogo simbolo di una ricchezza sfrenata.
... Pagina 2/2 ...
Al secondo posto c’è un’altra città boliviana, con un nome che è tutto un programma. El Alto, che significa proprio “alto”, se ne sta a 4.150 metri di altitudine con i suoi 650 mila abitanti. La città venne costruita contemporaneamente alla ferrovia, che collegava il Lago Titicaca alla capitale La Paz. Ancora oggi molti viaggiatori hanno familiarità con la città poiché vi si trova l’aeroporto della vicina La Paz.

Al gradino del podio più alto – anzi, davvero altissimo – c’è La Rinconada, che batte ogni altra città con un’altitudine di 5.100 metri. La bella città peruviana è in realtà, per la maggior parte dei comuni immortali, un luogo davvero invivibile per i disagi dati dalla sua posizione e la composizione dell’aria, povera d’ossigeno. Riconosciuta ufficialmente come città più alta del mondo dal National Geographic nel 2003, oggi ospita circa 30 mila abitanti che in gran parte lavorano nelle locali miniere d’oro.

Fonte: Tourism Review - Copyright Orbinet.cz
Visita Tourism-review.com
 

 Pubblicato da il 29/01/2011 - - ® Riproduzione vietata

15 Dicembre 2017 Il Presepe Vivente di Sutri

Il Presepe Vivente di Sutri è pronto a regalare il proprio incanto ...

NOVITA' close