Cerca Hotel al miglior prezzo

Un parco divertimenti ad Abbottabad, la città dove è stato ucciso Osama Bin Laden

Abbottabad, è un nome che suscita qualche brivido, e non è certo oggi un sinonimo di meta turistica o di divertimento: era qui che si trovava l'ultimo rifugio segreto di Osama Bin Laden, e dove si concluse forse la caccia all'uomo più lunga della storia, il 2 maggio 2011, quando il capo di Al Qaeda fu ucciso da forze speciali americane.

Proprio per togliersi questa aurea di località tetra che evoca un periodo oscuro della storia mondiale, è stato presentato un progetto per un enorme Luna Park, proprio a Abbottabad, con varie attrazioni, campo da mini golf, zoo e centro sport acquatici. Il parco non sarà, ovviamente, a tema Bin Laden ma semplicemente sarà un tentativo di ricostruire l'immagine della regione.

Il parco avrà un costo di tre miliardi di rupie, e si tratta quindi di un investimento di circa 25 milioni di euro, che verranno spesi in 8 anni tra finalizzazione del progetto ed esecuzione. Il Luna Park si svilupperà su di una superficie di poco più di 200 ettari alla periferia della città e dalle prime indiscrezioni sembra che ospiterà anche un rettilario, ma ci saranno anche trampolini da sci e sicuramente vari ristoranti. Tra le varie attrazioni sembra sarà inclusa un casa di pappagalli, uno spazio dedicato alla storia e cultura locale (heritage centre) ed un laghetto per fare escursioni in barca e forse sport acquatici.

Ovviamente non potrete vedere l'ultimo rifugio di Osama Bin Laden, dato che il suo nascondiglio di tre piani è stato demolito, per evitare che diventasse un santuario per gli estremisti. I suoi mattoni sono stati venduti o ceduti per nuove case. Ricordiamo che Abbottabad venne chiamata così in onore del Maggiore James Abbott, un ufficiale ed amministratore dell'esercito britannico.

Un tempo Abbottabad era una famosa destinazione turistica, e attirava migliaia di visitatori ogni anno, richiamati dal clima fresco e le sue spettacolari colline. Ma il numero di turisti era drasticamente diminuito negli ultimi anni, vuoi per i problemi di terrorismo, che per la grave crisi economica che sta colpendo tutto il Pakistan. Le autorità sperano che il nuovo parco darà un contributo importante per uscire da questo stallo produttivo della regione.
  •  

 Pubblicato da il 06/02/2013 - 2.263 letture - ® Riproduzione vietata

loading...
close