Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Alghero

Alghero, vacanza nella riviera del Corallo in Sardegna

Tra le più belle cittadine sarde, affacciata sul mare, è una città dalle molte radici: Catalana, Genovese, Romana. Una vacanza qui, significa tuffarsi in uno zibaldone di storie e tradizioni: dalle misteriose Domus de Janas (case delle fate) e i complessi nuragici, alle antiche costruzioni romane e catalane. Cornice di questa poliedrica cittadina la Riviera del Corallo che unisce scenari naturali aspri e dolcissimi con la stessa armonia con cui l'architettura romana si è unita a quella catalana. Fatevi cullare dai profumi che arrivano dalla terra e dal mare e date inizio alla visita.

Da vedere i resti di alcune mura medioevali: le torri di S. Giovanni, di S. Giacomo, di Porto Terra e dello Sperone. Nelle antiche vie del centro storico si trova il Duomo di S. Maria con la sua stupenda torre campanaria gotica e la facciata neoclassica aggiunta nel 1820. Inoltre la Chiesa della Misericordia e la Chiesa di S. Francesco che, con il chiostro romanico ed il campanile in pietra arenaria, rappresenta il monumento più importante della città.

Per godere appieno della stupenda vista verso nord, ricordiamo i bastioni settecenteschi dominati dai promontori di Punta Giglio e Capo Caccia; da qui il bellissimo spettacolo della Riviera del Corallo. Dal porto si possono vedere il bastione della Maddalena e la Torretta della Polveriera. A nord del territorio si incontra Capo Caccia, un promontorio calcareo con altissime rocce a strapiombo sul mare (170 m. il Capo e oltre 300 m. Punta Cristallo), mentre uscendo da Porto Conte (porto naturale formato dalla Punta Giglio e dal Capo Caccia), oltre Fertilia, troviamo il Nuraghe Palmavera a doppia torre con adiacente il villaggio nuragico.

La penisola, sotto protezione dell’azienda forestale, è ricoperta dalla macchia mediterranea con esemplari rari di flora (palma nana e centaura orrida) e fauna (grifoni, falchi e gabbiani) e dove è possibile una visita a piedi dalla caserma Arca di Noè. In vetta al promontorio una scala detta Escala de Cabirol (1950) con i suoi 656 scalini, permette l’accesso a piedi o in barca (dal porto di Alghero) alle Grotte di Nettuno.

Nella parte meridionale si stende, invece, la costa di Villanova Monteleone (raggiungibile tramite la scala Piccada) con la spiaggia della Speranza collocata nella strada per Bosa-Capo Marargiu. Il paese offre un bel panorama su tutto il Logudoro e tra le case si incontrano le chiese di Santa Croce, di San Leonardo, la Madonna del Rosario e, verso Padria, della Madonna di Interrìos.
  •  
loading...
close