Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Pizzo Calabro

Pizzo Calabro, vacanza nella cittą del Tartufo

Pagina 1/2

Situata sulla porzione più meridionale del Golfo di Santa Eufemia Pizzo Calabro è una ridente località costiera, che s’affaccia in modo spettacolare sulla costa tirrenica.
Un agglomerato di case appoggiato ad una piccola rupe, con due piccole baie che si aprono ai lati, così il centro storico di Pizzo Calabro si presenta a chi arriva dal mare. La città vanta una tradizione che bene s’addice alla moderna vocazione di città delle vacanze: Pizzo è infatti celebre per essere la città del gelato, e tra le varie specialità italiane più note nel campo dei dolci, è proprio il celebre gelato al tartufo, il prodotto originario più conosciuto, ed amato, di questa città.

Il centro storico mantiene un impronta architettonica medioevale, ma il colpo d’occhio più forte è dato dalle quattro torri quattrocentesche aragonesi che sembrano vegliare sul mare. Il Castello è famoso perché qui trovo la morte, per fucilazione, Gioacchino Murat nel 1815.

La chiesa di S. Giorgio, detta la Chiesa Matrice, si trova nel centro di Pizzo e presenta una discreta facciata in stile barocco.
Pizzo presenta però una chiesa molto più famosa, ma che per essere visitata richiede una passeggiata di circa 1 chilometro e mezzo verso nord: si tratta della chiesetta di Piedigrotta situata sulla spiaggia ed interamente scavata nel tufo. La sua caratteristica principale sono delle sculture databili alla fine dell’800 opere di Alfonso ed Angelo Barone (figlio e padre). All’interno della chiesa si trovano circa un centinaio di statue, tutte di grande fascino anche per via dell’illuminazione naturale della luce solare che penetra tra le fessure delle rocce rendendo gli interni di una bellezza struggente.

Per gustare i magici tartufi di Pizzo basta accedere alla centralissima piazza della Repubblica. Qui in poche decine di metri trovate una scelta di bar e pasticcerie dove concentrarvi nell'assaggio del dolce tipico della città. Il Tartufo di Pizzo è una vera istituzione della Calabria, oltre che una prelibatezza assoluta che viene servita nelle due varietà nera e bianca, come da tradizione.
... Pagina 2/2 ...
La costa che da Pizzo si apre verso sud in direzione di Troppa prende il nome di Costa degli Dei. Si tratta di alternanze di cale sabbiose a promontori rocciosi, con al largo il profilo in vista dell’Isola di Stromboli, la più orientale delle Eolie.
I lidi sabbiosi migliori si trovano invece più a nord, lungo il Golfo di S. Eufemia, con un litorale sabbioso pressoché continuo che si estende fin a Gizzeria Lido. La pianura costiera, bordata da pinete prende il nome di Pian di Angìtola.

Dal punto di vista prettamente climatico Pizzo possiede un clima mediterraneo, caratterizzato da estati calde e soleggiate, con bassa probabilità di piogge. La stagione balneare inizia solitamente a metà maggio e si prolunga fino a metà ottobre, anche se a volte le prime perturbazioni atlantiche mettono fine al bel tempo giù dalla fine di settembre.
I valori termici raggiungono temperature massime a luglio e agosto comprese tra i 28-30 °C ma sono possibili occasionalmente brevi punte di calore anche sui 35 °C. Il mare raggiunge le temperature più gradevoli ad agosto con valori intorno ai 25 °C, ma ancora ad ottobre si può fare il bagno in acque ancora sufficientemente temperate, mentre a maggio la balneazione è garantita solo ai più ardimentosi.

E’ facilissimo arrivare a Pizzo Calabro: la cittadina si trova molto vicina a Vibo Valentia e si raggiunge con rapidità utilizzando l’autostrada Salerno Reggio-Calabria. Se provenite da sud, l’uscita consigliata è S. Onofrio, da qui in circa 8 km si scende a Pizzo, mentre per chi proviene da nord, cioè dalla direzione di Cosenza, conviene uscire a Pizzo e da qui seguire la strada costiera che conduce in 6 km a destinazione.
close