Cerca Hotel al miglior prezzo

Santa Teresa di Riva, Sicilia. La cittÓ, il mare e la Torre dei Saraceni

A nord e a sud è delimitata dal corso di due fiumi, il Torrente Savoca e la Fiumara d’Agrò, mentre alle sue spalle si innalzano le colline costellate di agrumi, ulivi, viti e arbusti profumati tipici della macchia mediterranea. Il versante migliore, però, è quello che guarda al mare: un blu intenso e fresco, sorvolato dai gabbiani e spruzzato di schiuma, lambisce le coste assolate di Santa Teresa di Riva.

Popolata da meno di diecimila abitanti, Santa Teresa di Riva è una cittadina siciliana in provincia di Messina, situata 15 km a nord di Taormina e 60 km a nord di Catania, che si bagna con eleganza antica e riservata nelle acque cristalline di un Mar Ionio incontaminato. Se la bellezza è degna della migliore meta balneare, infatti, la natura incontaminata è quella dei luoghi selvaggi e ancora sconosciuti: il turismo è una risorsa recente, che nasce in questi anni con grande successo, e che ancora non ha sottratto alla città il suo fascino un po’ timido.

Oltre alle spiagge e alle calette splendide di Capo S. Alessio, Santa Teresa di Riva regala ai visitatori un ricco repertorio di testimonianze storico-artistiche tra cui spicca il Santuario di Santa Maria del Carmelo. Realizzato nel 1929 su di un’antica chiesa del 1507, inaugurato nel 1934, l’edificio è un impeccabile esemplare di stile neo-romanico, con un interno suddiviso in tre ampie navate sormontate dal soffitto a cassettoni e decorate da varie opere d’arte di pregio. Tra queste c’è la statua lignea della Madonna del Carmelo del XIX secolo, restaurata recentemente.

Accanto alla chiesa principale si erge una delle tante torri che costellano il tessuto urbano. Si tratta della Torre dei Saraceni, eretta nell’XI secolo per difendersi dalle scorrerie piratesche: costituita da tre piani e affiancata da una palazzina merlata della stessa epoca, la torre presenta inoltre due piani interrati di cui uno soltanto agibile tuttora. In epoca medievale, con oltre 15 metri di altezza, l’edificio doveva essere molto imponente. Tra le torri più belle della città si ricordano poi la Torre di Catalmo, oggi monumento nazionale, la Torre dei Bagli e la Torre di Avarna.

Una seconda chiesa che merita l’attenzione dei visitatori, oltre al Santuario della Madonna del Carmelo, è la Chiesa di santa Maria di Porto Salvo. Eretta nel 1952 sopra una chiesetta preesistente, la costruzione è a croce latina, a navata unica e in austero stile neo-romanico, vivacizzato da uno splendido mosaico che occupa l’interno del catino absidale. Ma passeggiare per le vie tranquille di Santa Teresa è in sé un’esperienza un po’ magica, aldilà degli edifici storici più importanti: ovunque, nel centro cittadino, si possono infatti ammirare i variopinti murales e le sculture, collocate nelle piazzette più suggestive.

Anche uscendo di poco dal centro abitato si scoprono alcune perle di rara bellezza, tra cui la chiesa dei Santi Pietro e Paolo d’Agrò e Savoca, pittoresco borgo medievale, membro del prestigioso Cleb dei Borghi più belli d’Italia. Come in tutti i villaggi dal sapore antico, anche a Santa Teresa di Riva non mancano le manifestazioni popolari che si susseguono di mese in mese nel corso dell’anno, quasi tutte a carattere religioso. Il 16 luglio, ad esempio, si celebra ogni anno la festa patronale in onore di Santa Maria del Carmelo, con la processione per le vie del paese della statua lignea a lei dedicata.

L’ultima domenica di luglio, invece, nella Parrocchia della Sacra Famiglia si fa festa in nome dei Santi Cosma e Damiano. Infine, la prima domenica di agosto, si tiene la festa in onore di Santa Maria di Porto Salvo, con una suggestiva processione via mare di barche a remi: il simulacro della Vergine, a bordo della barca principale, costeggia il litorale seguita dalle altre imbarcazioni, dove ai fedeli si aggiungono i turisti e i curiosi.

Tuttavia non sono da meno gli eventi più mondani e divertenti, come il Palio Cittadino di Santa Maria del Carnelo, che si tiene nelle prime due settimane di luglio e consiste in una grande rassegna sportiva in cui si sfidano i vari quartieri della città. Dal 2006, a metà agosto, c’è la Notte Bianca di Riva, che richiama molti visitatori dall’intera Sicilia, mentre molto amato da lungo tempo è il tradizionale Carnevale della Val d’Agrò, con i carri allegorici coloratissimi e le prelibatezze dolciarie.

Per raggiungere Santa Teresa di Riva è innanzitutto necessario conquistare la bella Sicilia. Chi arriva in aereo all’Aeroporto di Catania dovrà, una volta atterrato, prendere l’Autostrada A18 in direzione Messina, uscire a Taormina Nord e seguire le indicazioni fino a destinazione. Chi invece sbarca al Porto di Messina dovrà prendere sempre la A18 ma in direzione Catania, per poi uscire a Roccalumera e, ancora una volta, seguire i cartelli.

Una volta giunti a Santa Teresa di Riva si rimarrà estasiati dal clima mediterraneo piacevolissimo: estati calde ma accarezzate dalla brezza e inverni mai molto rigidi sono gli ingredienti perfetti per una vacanza all’insegna del relax. In gennaio, il mese più freddo, le temperature medie vanno da una minima di 8°C a una massima di 15°C, mentre in agosto si va dai 22°C ai 31°C. Le piogge, quasi assenti nei mesi estivi, si concentrano specialmente nel periodo che va da novembre a gennaio, con una portata media mensile di 63 mm.
Foto wikipedia, cortesia: A. Siderale,
  •  

 Pubblicato da - 03 Giugno 2009 - ę Riproduzione vietata

01 Novembre 2017 Halloween a CinecittÓ World: programma e ...

Le lunghe giornate estive stanno lasciando il passo alle fresche e più ...

NOVITA' close