Cerca Hotel al miglior prezzo

Pilio (Pelio), il monte (penisola) dei centauri. Magnesia, Grecia

Tessaglia, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Pilio (Pelio), il monte dei centauri, era stato scelto dai dodici Dei dell'Olimpo per farne la loro residenza estiva. Oggi viene scelto da decine di migliaia di turisti durante tutti i mesi dell'anno. La montagna è sinonimo di giorni di riposo e di divertimento. Tutte le forme di turismo alternativo si possono trovare qui: passeggiate a cavallo, percorsi in mountain bike, passeggiate a piedi, alpinismo, immersioni subacquee, vela e pesca. Il monte dei centauri è bello ed affascinante durante tutte le stagioni dell'anno. Qui i visitatori potranno assaggiare i famosi dolciumi canditi, l'ottima frutta, le mele, le pere e le ciliegie, e resteranno affascinati dal profumo della gardenia.

Le pendici di Pilio (Pelio o Pilion) sono ornate da paesi di rara bellezza architettonica, costruiti in mezzo ai boschi e alla vegetazione polimorfa della zona, ricca di acque che sgorgano in ogni dove. Raggiungere i paesi di Pilio è piuttosto agevole servendosi della rete stradale, che è buona, nonché attraverso sentieri e stradine che costituiscono la vera soddisfazione degli amanti del turismo di passeggiata. Gli alberghi di lusso e le camere in affitto, dotate di ogni comfort, invitano a trascorre giornate indimenticabili. Il Centro per gli sport invernali di Pilio è il luogo delle vacanze bianche che si trova a pochi chilometri di distanza dalle acque dell'Egeo e del golfo Pagassitikos. Due sono le strade principali che conducono il visitatore dalla città di Volos al massiccio montuoso di Pilio. La prima si dirige verso est e, dopo avere attraversato i paesi litoranei del golfo Pagassitiko, sale verso la parte meridionale di Pilio per terminare a Trikeri. La stessa strada si biforca in prossimità di Neochori per dirigersi verso la parte orientale di Pilio, sino a Pourì.

La seconda strada, che parte da Volos in direzione nord-orientale, conduce a Chania (a 1200 metri sul livello del mare) per poi proseguire verso la parte orientale di Pilio. Nella parte occidentale di Pilio si possono incontrare la maggior parte dei paesi e villaggi: Aghios Onoufrios, Anakasià, Alli Merià, Staghiates, Katochori, Portarià, Makrinitsa, Agrià, Drakia, Chania, Aghios Laurentios, Kato Lechonia, Ano Lechonia, Aghios Vlassis, Aghios Georgios, Pinakates, Kala Nerà, Visitza, Milies, Afetes e Neochori. Nella parte meridionale di Pilio incontriamo Sikì, Argalastì, Sinovrisi, Metochi, Lafko, Promiri, Platanià, Liri, Kastrì, Katigiorghi, Milina e Trikeri. Percorrendo la parte orientale di Pilio ci troveremo a Kalamaki, Lampinoù, Xourichti, Tsagarada, Mouresi, Kissos, Aghios Dimitrios, Anilios, Makrirachi, Zagorà e Pourì, mentre nella parte settentrionale di Pilio incontriamo Glafires, Kato Kerasià, Ano Kerasià, Kanalia, Veneto e Keramidi.

Un treno storico, il trenino di Pilio, attraversa una delle zone più belle d'Europa; partendo da Lechonia sale tra gli ulivi ansimando e fischiando come ai vecchi tempi, passa dalle stazioni di Ano Gatzeas, Aghia Triada, Aghios Athanassios Pinakaton, Arghireika di Visitza per concludere il suo tragitto a Milies. Il trenino di Pilio per 76 anni, dal 1895 sino al 1971, si arrampicava sulle montagne di Pilio trasportando persone e merci e contribuendo in maniera decisiva al grande sviluppo della zona. Il suo costruttore fu l'ingegnere italiano Evaristo De Chirico, padre del famoso pittore Giorgio De Chirico.

La vegetazione di Pilio giunge a sfiorare le onde del mare Egeo, incorniciando meravigliosi litorali che offrono numerose opportunità di praticare sport marini e di frequentare i locali della vita notturna che... non consentono di annoiarsi. Qui troviamo Choreftò, Aghioi Saranta, Pourì, Ai lannis, Papà Nerò, Fakistra, Milopotamos, Lampinoù, Potistikà, Paltsi, Katighiorghis, Platanias. Il mare azzurro e la vegetazione verde scuro rappresentano l'abbinamento perfetto delle vacanze piacevoli.

Accanto alle antiche case nobiliari troviamo diverse chiese, cappelle e monasteri che invitano il visitatore ad accendere una candela ma anche ad ammirarne la splendida architettura. I sentieri scoscesi e le stradicciole di montagna conducono a luoghi di culto che ci riportano ad altri tempi; chiesette e antichi monasteri con splendide iconostasi, preziosi cimeli ed icone metabizantine di valore inestimabile. Nelle chiese di Pilio, alla luce emozionante delle candele, le persone mutano d'aspetto, perdono la loro fisionomia semplicemente terrena per innalzarsi ad un'altra dimensione.

Pilio possiede una ricca tradizione popolare, rimasta intatta col passare degli anni e incontaminata dallo sviluppo del turismo. La vita degli abitanti di Pilio è stata resa in maniera espressiva dalla pittura di Theofilos, l'artista le cui opere si possono ammirare nella casa Kontos ad Anakasià, che è stata trasformata in museo. I "Maides", usanza del primo maggio che si continua a praticare a Makrinitsa, le cui radici risalgono all'antichissimo culto della germinazione, o il tradizionale rito matrimoniale di Pilio, sono memorie di una storia affascinante che si ripete ogni volta e ogni volta seduce.

Le splendide case nobiliari nei bellissimi paesi di montagna, le stradine sapientemente lastricate, le fontanelle in pietra, i ponti ad arco sono tutti elementi di una ricca tradizione di eccezionali forme di architettura popolare. Le coltivazioni di ulivo dominano la parte centrale e meridionale di Pilio e producono il loro frutto prezioso, una vera benedizione per gli abitanti. Parallelamente, nella zona orientale di Pilio la coltivazione del melo e di altri alberi da frutta si è sviluppata, contribuendo in maniera decisiva all'economia locale.

Si tratta di coltivazioni che caratterizzato la vita e la cultura delle persone che vivono nella "montagna orgoglio delle montagne". Nella natura di eccezionale ricchezza e bellezza, gli apicoltori continuano la tradizione del luogo, propiziata dai profumi e dalla vegetazione della montagna che danno un miele divino. Sulle coste del golfo Pagassitikos e dell'Egeo le barche da pesca continuano a percorrere le stesse rotte del lontano passato, per poi ritornare con il pescato del giorno.

In ogni angolo di Pilio, tranquillo o selvaggio che sia, dal mare alle vette, la natura è stata magnanima donando una bellezza che ha segnato e ancora segna la vita degli abitanti, per offrire anche momenti da sogno ai visitatori. Foto wikipedia, cortesia: Thfasis, Mblekas, H. Casselmann

Fonte: National Tourism Organisation of Greece
  •  
close