Cerca Hotel al miglior prezzo

Boemia Meridionale: tour in moto da České Budějovice a Trebom

La storia dello Stato Ceco ha radici antiche più di mille anni, anche la Boemia, la Moravia e la Slesia, i tre paesi storici, che costituiscono l'attuale Repubblica Ceca, possono vantare un notevole patrimonio culturale. Una bella idea è quelle di visitare la Boemia meridionale in moto, con la libertà delle due ruote, che consente anche di muoversi meglio nei centri storici di queste splendide cittadine.

La Boemia Meridionale è una delle regioni più ricche di monumenti. L'uomo può passare intere settimane visitando tante città storiche, castelli o fortezze. Centro della regione è la città di České Budějovice con centomila abitanti, una volta sostegno del potere reale nel centro del dominio del potente casato Rozmberk, Signori della rosa, la cui residenza era però nella vicina città di Cesky Krumlov. Tra le altre destinazioni di maggior fascino figurano ad esempio le città di Jindrichuv Hradec, Trebon, Pisek e Tabor, il castello rinascimentale di Cervena Lhota, costruito al posto dell'originaria fortezza con fossato, il castello medievale di Zvikov sulla confluenza dei fiumi Otava e Moldava o il villaggio di Holasovice che come un esempio della tradizionale architettura rurale è iscritto nella lista del Patrimonio culturale mondiale UNESCO.

La piazza di České Budějovice è dominata dalla fontana Sansone in pietra situata nel suo centro e dal monumentale Palazzo del Comune in stile barocco. La fontana decorata con sculture della prima metà del XVIII secolo è la più grande costruzione del genere nella Repubblica Ceca. Originariamente funse da serbatoio idraulico per l'intera città. La piazza simmetrica quadrangolare è incorniciata dalle case borghesi con portici.

La città di Tabor fu fondata nel 1420 dai seguaci del movimento riformatore ussitico. Tabor era la loro base principale dalla quale i loro schieramenti militari partivano per combattere in Boemia e anche al di là della frontiera. Sotto la guida di Jan Zizka, capitano cieco da un occhio, la cui statua decora la principale piazza della città, gli ussiti respinsero anche alcune crociate inviate contro di loro dal pontefice e dall'imperatore. Più tardi Tabor fu promossa a città regia e nel periodo rinascimentale divenne un importante sosta dei commercianti sulla strada conducente dal sud del paese a Praga. La città fu difesa da un ingegnoso sistema di mura conservato in grande parte a tutt'oggi. Parte costituente del sistema difensivo erano le catacombe che univano le singole case nella città vecchia. Una parte di questo labirinto sotterraneo è aperta al pubblico.

Monumento di principale interesse storico di Pisek è il ponte in pietra sul fiume Otava. Si tratta del più vecchio ponte conservato a tutt'oggi nella Repubblica Ceca. Fu costruito nel periodo antecedente l'anno 1300, e cioè più di cinquanta anni fa prima della costruzione del famoso ponte Carlo. Sul ponte passava la via mercantile chiamata Sentiero d'oro che collegava i Paesi Cechi con l'Austria e la Germania. A Pisek meritano una visita ancora le altre parti della città vecchia - le mura della città, la chiesa gotica con la torre alta settanta metri o la piazza principale con il Municipio barocco. Entrando nel cortile del Municipio si passa al Museo municipale che si trova nell'ala conservata dell'ex castello gotico.

Da Pisek ci traferiamo ora a su-est, verso il confine con l'Austria. Il nome Jindrichuv Hradec (Jindřichův Hradec) significa in traduzione Castello di Enrico. Nelle sue vicinanze è stata costruita più tardi la città che è divenata presto una delle più importanti della regione. La prosperità di Jindrichuv Hradec raggiunse il suo apice durante il XVI secolo a cui risale non solo la maggior parte delle case sulla piazza, ma anche la grande ristrutturazione del castello stesso che fu ingrandito e ristrutturato in stile rinascimentale. I lavori furono eseguiti dai maestri italiani ed il cortile ad arcate all'interno dimostra che si ispirarono ai palazzi fiorentini.

La stazione termale di Trebon con la piazza incantevole ed il castello rinascimentale è situata nel centro della pianura con numerosi stagni. La tradizione della piscicultura nella Boemia Meridionale risale ad alcuni secoli fa. Gli stagni nei dintorni della città ed il sistema dei canali fluviali artificiali danno un'interessante testimonianza dell'ingegnosità tecnica dei nostri antenati. Benché si tratti degli interventi artificiali nella natura, il paesaggio di questo luogo è molto pittoresco. Gli stagni furono creati per l'allevamento dei pesci d'acqua dolce. I pesci, in particolare le carpe, fanno parte integrante della tradizionale cucina ceca. Il filetto di carpa impannato ad esempio è in molte famiglie pasto tradizionale per il cenone. Ogni anno in autunno la pesca ed il vuotamento degli stagni sono sempre un evento interessante. Inoltre le terme sono perfette per rilassarsi e godere di un meritato riposo dopo i km trascorsi sulla sella della moto!
  •  

 Pubblicato da - 25 Ottobre 2013 - © Riproduzione vietata

close