Cerca Hotel al miglior prezzo

Annaberg-Buchholz: matematica, tesori artistici e folclore

Annaberg, una volta, era un'importante città: nel 16° secolo era ancora più grande di Lipsia. Segni di queste dimensioni di un tempo si trovano nella Chiesa di Sant'Anna, un capolavoro di architettura e arte. Qui, nella più grande chiesa a navata unica in Sassonia, sarete impressionati dalle volte a coste e centinaia di rilievi artistici sulle balaustre della galleria.
La Bella Porta (Schöne Tür) di Hans Witten, responsabile anche della fonte battesimale e di una delle chiavi di volta, originariamente si trovava in un convento francescano.
L'imponente organo di Walcker è uno dei più grandi in Europa.
Oltre all'impressionante Altare Maggiore del primo Rinascimento premuratevi di ammirare l'unico altare della gilda dei minatori che ritrae la storia della cultura mineraria. Sempre in tema di minatori non perdete poi la bella Marienkirche che contiene un originale presepe, a tema minerario.

In verità furono le miniere a recare benessere alla città, che solo nel 1945 venne unita alla sua contendente Buchholz. L'industria mineraria in tutta la Germania fece uso dei regolamenti minerari di Annaberg fin dal 1509. Molti siti in città ne recano ancora testimonianza. Il Maglio Metallifero Hammer (Erzhammer) vecchio di 500 anni è oggi un centro culturale. Il Museo dei Monti Metalliferi (Erzgebirgsmuseum) è sede di una propria miniera per i visitatori, grazie ad un vecchio tunnel minerario che fu casualmente riscoperto in questo luogo. Nella vicina Frohnau si trova il più famoso monumento tecnico in Sassonia, il Maglio di Frohnau Hammer (Frohnauer Hammer) del 1657 che veniva utilizzato per realizzare oggetti in ferro, tuttora pienamente funzionante.

Benché le ultime 380 miniere abbiano smesso di lavorare nel 1892, le antiche tradizioni minerarie continuano a sopravvivere. Questo è visibile soprattutto a Natale. Come anche altrove nei Monti Metalliferi, l'intaglio del legno è inseparabilmente collegato alle miniere e per questo è fortemente presente. Ma Annaberg-Buchholz è specializzata anche nella lavorazione dei pizzi e nella produzione di passamaneria per vestiti. Certamente non c'è penuria di souvenir.

La città ha legato in modo indissolubile il suo nome al grande matematico tedesco Adam Ries, e la sede di una storica scuola matematica è diventata il luogo del museo a lui dedicato. Da vedere in città trovviamo anche un bel teatro (Eduard von Winterstein Theater) ed il notevole Markt, un mercato coperto in stile baroccheggiante.

Quale risultato della grande storia della città, anche le architetture storiche non mancano. In tutto ci sono pressappoco 800 edifici conservati. Ma più di tutto Annaberg-Buchholz vi affascinerà con il suo particolare charme di una idilliaca città sassone che si esalta durante il periodo natalizio, quando la piazza centrale diventa sede di uno dei più importanti Mercatini di Natale.

Fonte: Ente Nazionale Germanico per il Turismo
Per maggiori informazioni: Tel. 02-2611.1730
Visita Vacanzeingermania.com
 
  •  

 Pubblicato da - 07 Aprile 2009 - ę Riproduzione vietata

close