Cerca Hotel al miglior prezzo

Hessdalen (Norvegia), la valle misteriosa e le sue luci

Hessdalen, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

La valle di Hessdalen è lunga circa 15 km e attraversa la municipalità di Holtalen, nella contea di Sor-Trondelag, al centro della Norvegia. Situata 35 km a nord della cittadina mineraria di Roros e 120 km a sud di Trondheim, la valle è scarsamente popolata e sembrerebbe una semplice, splendida zona naturale, come ce ne sono tante in questo paese magico. Eppure è balzata agli onori delle cronache internazionali tra il 1981 e il 1984, quando gli abitanti segnalarono la ricorrente presenza di strani e apparentemente inspiegabili fenomeni luminosi in diversi punti della vallata. Da quel momento studiosi di tutto il mondo si sono precipitati sul posto, cercando una risposta al misterioso interrogativo delle luci di Hessdalen... un arcano al quale non si è ancora trovata spiegazione.

Nel corso degli anni sono state messe a referto centinaia di segnalazioni da parte di abitanti e visitatori, anche se il picco si registrò nel 1985, quando venivano registrati circa 20 rapporti a settimana. Nel 1998, per cercare di monitorare questa specie di fuoco fatuo, fu installata sul posto una stazione di misurazione automatica in grado di analizzare alcuni parametri atmosferici, e soprattutto di immortalare istante per istante i dati video del fenomeno luminoso. Allo stesso tempo chimici e fisici hanno svolto cicliche indagini sul campo, e attraverso il prelievo di campioni hanno escluso alcune delle folcloristiche conclusioni ventilate inizialmente.

Le cosiddette “luci di Hessdalen” sono formazioni di luce multiformi e multicolore, di durata piuttosto lunga e accompagnate dall'emanazione di grandi quantità di energia. I fasci luminosi si manifestano sia in cielo che sulla terra, e hanno dimensioni comprese tra il mezzo metro e i 30 m. La maggior parte degli avvistamenti si è verificata durante la stagione invernale, tra le 22 e l’1 di notte. Ci sono tanti tipi di fuochi diversi: da corpi di colori variabili a corpi di grandi dimensioni che ne espellono altri più piccoli. Gli studiosi hanno notato che in concomitanza di un avvistamento vengono liberati in aria segnali radio a bassa frequenza (VLF) con caratteristiche Doppler.

Nonostante le analisi degli ultimi 30 anni abbiano ridimensionato la portata dei misteriosi avvistamenti, attribuendo alcune di queste luci ad aerei, automobili, oggetti celesti o semplicemente a miraggi, ancora non esiste una spiegazione certa a riguardo. Tra le ipotesi più probabili c'è quella di un processo di combustione, in aria, tra nubi di polvere contenenti scandio, un elemento chimico presente in alcuni rari minerali della penisola scandinava. Ma oltre alla tesi scientifica resta diffusa una credenza più pittoresca, che considera le luci manifestazioni aliene, anche se ovviamente non ci sono prove a favore. Molti scienziati, vista la quantità di energia liberata, ritengono che una corretta interpretazione dei fenomeni potrebbe suggerire all’umanità una nuova sorgente di energia di straordinaria potenza.

Info pratiche: quando andare e come arrivare alla Valle di Hessdalen

Il clima della valle di Hessdalen è prettamente nordico, rigido e abbastanza piovoso. In inverno, dalla fine di novembre alla seconda metà di marzo, le temperature tendono a mantenersi al di sotto dello zero, con valori minimi che talvolta scendono fino a -15°C. D’estate, invece, le massime sono gradevoli, comprese tra 16 e 20°C, mentre le minime possono scendere anche sotto i 10°C. Le precipitazioni sono distribuite piuttosto uniformemente nell’arco dell’anno e si manifestano sotto forma di neve per tutto l’inverno, da dicembre a marzo, mentre in estate sono frequenti brevi ma intensi temporali pomeridiani. Statisticamente, come già detto, la frequenza dei fenomeni luminosi aumenta in inverno, ma per visitare la valle è certamente più invitante l'estate, quando il clima è più gradevole e gli spostamenti sono più agevoli.

Gli aeroporti più vicini sono il Roros Airport e l’Oppdal Airport, rispettivamente 26 km a sud e 70 km a sud-ovest della valle. Comodi e veloci sono i collegamenti tra Hessalen a Trondheim, dotata di un aeroporto piuttosto importante, distante non più di un paio d’ore di autobus. Chi noleggia un’automobile dovrà prestare molta attenzione al manto stradale reso scivoloso dal ghiaccio.
  •  

 Pubblicato da - 15 Ottobre 2013 - Riproduzione vietata

News più lette

27 Novembre 2017 Valtellina: tour tra gastronomia, vino e ...

Si scrive Valtellina, si legge (anche) eccellenza a tavola. Sì, ...

NOVITA' close