Cerca Hotel al miglior prezzo

Lockheed Stratoliner: l'aereo futuristico ispirato da un uccello migratore

La natura è stata spesso musa ispiratrice di invenzioni che hanno cambiato la nostra vita, pensiamo ad esempio al velcro, letteralmente “copiato” dagli uncini dell'Arctium o Bardana, una pianta. Ora è stato presentato un concetto per un nuovo aereo, che chissà mai se verrà effettivamente sviluppato, ma che si dimostra molto interessante anche perché ispirato dal più tenace uccello migratore del mondo: la pittima minore o Limosa lapponica.

Si tratta di un uccello dalle dimensioni medie, di circa 40 cm di lunghezza con però una notevole apertura alare che può raggiungere gli 80 cm. La sua caratteristica più nota è la possibilità di volare lunghissimi tratti senza aver bisogno di alimentarsi: è il campione mondiale del basso consumo, detenendo il record di avere percorso oltre 11.000 km in volo, senza una sosta, grazie appunto al profilo molto efficace delle sue ali. Ora questo uccello particolare è diventato l'ispirazione per un jet alimentato a idrogeno che potrà volare ovunque sulla Terra praticamente senza fermarsi, un giro un pieno. Il concetto alla base del progetto del Lockheed Stratoliner, sono appunto le caratteristiche ali della pittima minore. Il designer britannico William Brown, “copiando” quello che la natura ha selezionato così bene, crede che le ali di grandi dimensioni genereranno una grande portanza aerodinamica, permettendo all'aereo di volare ad altitudini più elevate, e con meno resistenza su lunghissime tratte.

Nella sua progettazione Brown ha anche inserito quattro motori turboventola ad idrogeno criogenico, che non producono inquinamento e consumano meno carburante. Inoltre l'idrogeno criogenico sviluppa il doppio di potenza rispetto ai carburanti tradizionali, ed è anche più leggero

Lo Stratoliner Lockheed rimane per ora solo un concetto, ma è sicuramente un aereo dalle forme affascinanti, e il fatto che sia stato ideato prendendo spunto da un uccello rende questo progetto ancora più affascinante. Vedrà mai la luce? Di certo c'è che alcuni produttori di aerei stanno sperimentando lnuovi propulsori alimentati ad idrogeno. La Boeing ad esempio presentò il suo primo aereo alimentato a idrogeno nel luglio del 2010.

Fonte:news.com.au

  •  

 Pubblicato da il 01/10/2011 - 2.488 letture - ® Riproduzione vietata

close