Cerca Hotel al miglior prezzo

Meroe, il nuovo sito Unesco della Nubia, in Sudan

Proprio nel momento in cui il paese sta per separarsi in due stati autonomi, con l’indipendenza del Sud Sudan sancita per il 9 luglio, nel corso della sua ultima sessione nei giorni scorsi l’Unesco ha proclamato l’antica città sudanese di Meroe, nella regione settentrionale della Nubia a nord della capitale Khartoum, degna di fare parte del Patrimonio dell’Umanità.

L’ambito riconoscimento è andato ai resti dell’antica capitale kouscita, sulla riva orientale del Nilo presso Shendi, epicentro dall’VIII sec. a.C. fino al 350 d:C. del potente regno che con la XXV dinastia – quella dei cosiddetti Faraoni Neri – arrivò a dominare per quasi un secolo anche l’Egitto, alla vicina necropoli reale formata da circa 200 piccole piramidi dalla forma aguzza e snella, nonché dai non lontani siti religiosi di Naga e Musawwarat, sempre di epoca meroitica, composti da numerosi templi di diversa fattura in discreto stato di conservazione in pieno deserto.

Il nuovo sito di Meroe nella lista Unesco si aggiunge a quello precedente del Gebel Barkal, la montagna sacra degli antichi nubiani, e della necropoli reale dell’antica capitale di Napata presso Karima, considerati entrambi luoghi imprescindibili per un tour archeologico in Sudan. Non a caso presso entrambe le località, ed a ridosso dei monumenti, sorgono le uniche strutture turistiche ricettive presenti nel deserto nubiano, il campo tendato di Meroe e la rest-house di Karima, create e gestite dal tour operator milanese “I Viaggi di Maurizio Levi”, specialista per i viaggi in Sudan con una propria organizzazione locale.

Info: www.deserti-viaggilevi.it
  •  

 Pubblicato da il 01/07/2011 - 1.932 letture - ® Riproduzione vietata

01 Novembre 2017 Halloween a Cinecittą World: programma e ...

Le lunghe giornate estive stanno lasciando il passo alle fresche e più ...

NOVITA' close