Cerca Hotel al miglior prezzo

Tour enogastronomico nel Baden-Württemberg, da Stoccarda alla Foresta Nera

Una destinazione per veri gourmet o, più semplicemente, per gli amanti della buona tavola: il Baden-Württemberg, nel sud-ovest della Germania, è ricchissimo di specialità enogastronomiche, proposte sia da blasonati ristoranti che dalle trattorie che propongono cucina tradizionale. Se è vero che il Baden-Württemberg, con l’incredibile concentrazione di ristoranti stellati in Foresta Nera e a Stoccarda, può vantare un posto privilegiato nel firmamento gastronomico internazionale, è altrettanto vero che il Land può andare giustamente fiero di una cucina tradizionale amorevolmente preparata con ingredienti a chilometro zero e servita nei numerosi locali tipici della regione. Per chi vuole scoprire i prodotti della regione, la bella stagione offre la possibilità di visitare una sorprendente Foresta Nera enologica grazie a un pacchetto soggiorno tra escursionismo e degustazioni o di visitare le tante feste enogastronomiche, presenti un po’ ovunque nel Baden-Württemberg, come il Weindorf e la Cannstatter Volksfest di Stoccarda.

STOCCARDA – DESTINAZIONE GOURMET
Stoccarda, capoluogo del Baden-Württemberg, è il luogo ideale dove provare la cucina regionale: dai negozi di delikatessen, ai ristoranti “stellati”, ai locali tipici, fino alle feste in onore del vino e della birra. Per trovare i prodotti regionali, come il prosciutto della Foresta Nera, i formaggi del Kaiserstuhl o i migliori vini della regione, non c’è che l’imbarazzo della scelta tra i tanti negozi di specialità enogastronomiche. Il più famoso è forse il Markthalle, il mercato coperto in Jugendstil nel cuore della città sveva (www.markthalle-stuttgart.de). Al suo interno si contano 37 stand che offrono il meglio della gastronomia regionale e internazionale, tutto all’insegna della genuinità. Accanto alle specialità locali, infatti, si trovano delizie da tutto il mondo (Ungheria, Grecia, Turchia, Francia, India e, naturalmente, Italia). Tra gli altri indirizzi da non perdere: il Bauernmarkhalle, con i prodotti della campana sveva, o il Wochenmarkt, il mercato settimanale che ogni martedì, giovedì e sabato sulle piazze Marktplatz e Schillerplatz, offre i migliori prodotti regionali (frutta e verdura, fiori, miele, marmellate, vino e molto altro).
I prodotti regionali sono gli stessi che arrivano direttamente nelle cucine (e sui menu) dei ristoranti cittadini. Sette sono gli indirizzi che si sono guadagnati le famose stelle Michelin (Breitenbach, Délice, olivo, Speisemeisterei, restaurant top air, Willandhöhe e Zirbelstube), senza contare i tanti locali che hanno fatto della cucina tradizionale preparata con i prodotti a chilometro zero la loro forza. Insomma, a Stoccarda si mangia bene. Non solo per la genuinità e la freschezza degli ingredienti (dalla carne alla verdura, dai formaggi al vino) ma anche per una cucina che mantiene i robusti sapori della tradizione con una strizzatina d’occhio all’innovazione. Tra i piatti da provare: i Maultaschen (grandi ravioli con ripieno di macinato), gli Spätzle (piccoli gnocchi morbidi), lo Schwäbischer Rostbraten (arrosto alla sveva) o la zuppa Gaisburger Marsch, "piatto nazionale" di Stoccarda.
Una buona cucina non può essere tale se non è accompagnata da un buon vino. La cultura enologica sveva ha una tradizione di oltre mille anni e Stoccarda è al centro di una delle regioni vitivinicole più vaste e famose della Germania. Con queste prerogative il capoluogo del Baden-Württemberg non delude gli amanti del nettare di Bacco. Per gustare il meglio della produzione enologica locale, l’appuntamento è con il Weindorf, il “Villaggio del vino” che quest’anno torna dal 24 agosto al 4 settembre ad animare il centro della città con stand colorati, che propongono circa 500 tipologie di vini del Baden, accompagnate dalle specialità della tradizione (www.stuttgarter-weindorf.de). Atmosfera di festa e divertimento caratterizzano anche la Cannstatter Volksfest, la festa della birra più grande della Germania dopo l’Oktoberfest, dove si festeggia – oggi come 200 anni fa – l’arrivo dell’autunno e del raccolto. Non c’è posto più indicato dei suoi grandi tendoni per provare le tipiche birre di Stoccarda (166esima Cannstatter Volksfest, dal 23 settembre al 9 ottobre 2011, www.cannstatter-volksfest.com).
Per maggiori informazioni sull’offerta turistica di Stoccarda: www.stuttgart-tourist.de

FORESTA NERA – L’ANGOLO DEI BUONGUSTAI
La Foresta Nera non brilla solo per l’eccellente offerta turistica legata a una natura sconfinata o a tradizioni ancora vive – questo angolo verde di Germania risplende anche grazie alle stelle Michelin, che ne hanno fatto un’apprezzata destinazione per buongustai, riconosciuta a livello mondiale. 54 dei 237 ristornati premiati dall’autorevole guida francese si trovano in Baden-Württemberg, 25 dei quali si concentrano proprio in Foresta Nera. Un nome su tutti è quello di Baiersbronn, idilliaco villaggio immerso nel verde che ospita ben due ristoranti a tre stelle (quelli degli hotel Traube Tonbach e Bareiss) e uno a una stella (Hotel Sackmann), calamitando gourmet e intenditori da tutta Europa (www.baiersbronn.de). A fare il successo di questi ristoranti sono certo l’ottimo servizio e l’arte culinaria degli chef, in grado di rivedere con sapienza e passione i piatti della tradizione, ma anche la scelta delle materie prime. Per i loro piatti, infatti, i cuochi premiati della Foresta Nera scelgono solo i prodotti tipici della regione. Una scelta condivisa anche dai circa 100 loro colleghi tra Foresta Nera e Kaiserstuhl che hanno aderito all’iniziativa „Dalla regione, per la regione“ e promettendo di utilizzare frutta e verdura a chilometro zero, ma anche solo le migliori carni, i formaggi, i funghi e le erbe della regione.
Se si pensa alla Foresta Nera le prime cose che vengono in mente sono montagne e boschi. Non molti, infatti, sanno che alla foresta tedesca per eccellenza appartiene anche gran parte della regione vinicola del Baden, che con i suoi 15.400 ettari è la terza più grande della Germania. Nella zona occidentale della foresta i circa 12.500 ettari di vigneti badensi ne fanno quasi un’area vitivinicola a sé, una sorta di “Foresta Nera enologica”. Suddivisa in nove diverse zone vinicole dal clima differente, questa parte della Foresta Nera produce vini eccellenti, i più famosi dei quali sono i Burgunder rossi e bianchi di altissima qualità, come Müller-Thurgau e Gutedel.
Per scoprire e gustare i vini della regione l’ente del turismo della Foresta Nera propone diverse formule di escursioni che prevedono percorsi, pause e degustazioni tra le colline e i vigneti della regione, con pernottamento in villaggi e tenute tipici al ritmo rilassato delle camminate. L’offerta “Escursioni senza bagagli”, per esempio, comprende cinque pernottamenti, quattro pranzi al sacco per picnic tra i vigneti e il trasporto dei bagagli da una tappa all’altra a partire da 410 Euro per persona. Per maggiori informazioni e prenotazioni: Scwarzwald Tourismus, tel. 0049 (0)761 8964693, www.schwarzwald-tourismus.info
  •  

 Pubblicato da il 14/03/2011 - 11.355 letture - ® Riproduzione vietata

close