Cerca Hotel al miglior prezzo

Great Green Wall: progetto contro la desertifcazione in Cina e Africa

Pagina 1/2

Per migliaia di anni, i deserti sono apparsi sulla terra, sono avanzati ma anche ritirati. Queste terre aride in cui è scomparsa la vegetazione sono più comuni nelle aree sub aree tropicali. Tuttavia, l'aumento delle attività umane ai margini dei territori aridi stanno causando non solo l'espansione dei deserti, ma anche la loro comparsa in aree in cui non erano prima presenti. Oggi quasi un terzo della superficie terrestre è stato desertificato, e il totale delle terre trasformate in deserto continua a crescere.

La maggior parte dei processi di desertificazione attivi oggi sta accadendo in Africa e in Asia. Il Deserto del Gobi in Cina si sta espandendo ad un ritmo allarmante, e ora occupa, insieme con altre terre desertiche, più di un quarto della superficie totale della Cina. A cavallo del 21 ° secolo, più di 10.000 chilometri quadrati di terra arabile sono andati persi al degrado del deserto che tra l'altro provoca feroci tempeste di sabbia conosciute come il Drago Giallo che assalgono le città poste più ad est fino ad arrivare a Pechino e Seoul in Corea.

Attualmente sono in corso progetti a sventare la marcia di desertificazione. Per quanto riguarda la Cina il gruppo Kwon's Future Forest intende creare una "Grande muraglia verde" nel deserto Kubuqi nel tentativo di fermare l'invasione del deserto. Lavorando assieme alla Corea del Sud e agli studenti cinesi, il gruppo ha provveduto a piantare fino adesso quattro milioni di alberelli e mira ad avere miliardo di alberi piantati entro la fine del progetto.

Questo degrado è però più evidente in Africa, che sta vivendo una desertificazione a grande scala, soprattutto in una zona tangenziale al deserto del Sahara, conosciuta come il Sahel. A tal proposito un gruppo di ambientalisti, durante un incontro recentemente tenutosi a Bonn, in Germania, hanno approvato un piano veramente ambizioso per costruire un "muro verde" una foresta che misurerà circa 16 km di larghezza e 8.000 km di lunghezza, larga tutta l'Africa. I gruppi si sono impegnati ad investire più di 3 miliardi di dollari nel piano. L'opera prenderà il nome di Great Green African Wall (GGW), la grande barriera verde africana, una striscia lussureggiante di vegetazione in grado di sostenere gli uccelli e altri animali, che si estenderebbe da Gibuti, ad est nel Corno d'Africa, spingendosi ad ovest fino a Dakar, nel Senegal, seguendo il bordo meridionale del Sahara.

... Pagina 2/2 ...Il progetto è stato approvato la scorsa settimana dal Global Environment Facility in una conferenza per la revisione della attuazione della Convenzione delle Nazioni Unite contro la desertificazione (UNCCD). Il Global Environment Facility, formato da 182 governi membri, numerose istituzioni internazionali, organizzazioni non governative e il settore privato, fornisce sovvenzioni ai paesi in via di sviluppo ed ai paesi con economie in transizione per i progetti relativi alla biodiversità, cambiamenti climatici, le acque internazionali, il degrado del territorio e simili applicazioni.

Il Great Green African Wall è stato concepito dagli 11 paesi situati lungo il confine meridionale del Sahara, con l'obiettivo di contenere la desertificazione del Sahel, che è la zona di transizione tra il Sahara a nord e le savane africane, nel sud, e comprende una parte delle nazioni del Senegal, Mauritania, Mali, Burkina Faso, Algeria, Niger, Nigeria, Ciad, Sudan, Somalia, Etiopia ed Eritrea. Durante l'incontro di Bonn, il Global Environment Facility si è impegnato per 115 milioni di dollari a sostegno della costruzione del muro verde. Altri gruppi internazionali, hanno promesso di investire fino a tre miliardi di dollari nella costruzione del muro verde.

Questo però potrebbe non essere sufficiente, come ci insegna la storia del lago Ciad. Questo grande lago si trova sul bordo del Sahel, la prateria che divide il deserto del Sahara a nord e la savana più umida a sud. Nel 1963, il lago Ciad copriva circa 3.700 km quadrati. Alla fine degli anni 1960, la regione ha subito un periodo di siccità da cui deve ancora riprendersi. Le precipitazioni nel Sahel negli ultimi tre decenni del ventesimo secolo sono state 25-40 per cento inferiori a quelle del trentennio precedente, tra il 1931 e il 1960. Oggi, il lago copre solamente una superficie interiore agli 80 kmq.

 Pubblicato da il 10/03/2011 - 2.803 letture - ® Riproduzione vietata

loading...
25 Agosto 2017 Il Cinema sotto le Stelle a Cinecittą World ...

In questa caldissima estate 2017 solo di sera si può trovare un ...

NOVITA' close