Cerca Hotel al miglior prezzo

Giornata Fai di Primavera: weekend di cultura e natura in 590 siti italiani

Pagina 1/2

È l’appuntamento che da diciotto anni ormai gli italiani si danno all’inizio della primavera. Un appuntamento con le bellezze del nostro Paese, che si trasforma ogni volta in una profonda e collettiva manifestazione d’affetto, di orgoglio e di identità nazionale. Sabato 27 e domenica 28 marzo si svolge contemporaneamente in tutte le regioni italiane la 18a edizione della Giornata FAI di Primavera. È il momento dell’anno in cui il FAI – Fondo Ambiente Italiano incontra gli italiani, offrendo scenari meravigliosi e sorprendenti. Ed è una grande e ormai tradizionale festa popolare ambientata quest’anno in 590 siti particolari, spesso inaccessibili e segreti, eccezionalmente a disposizione del pubblico. Palazzi, castelli, chiese, giardini, conventi, biblioteche, aree archeologiche, teatri e persino paesaggi da attraversare in bicicletta o sorvolare col parapendio: tante esperienze e tanti linguaggi diversi, tutti legati tra loro dalla bellezza e dalla storia dei nostri territori familiari collettivi.

Il senso di appartenenza che nasce tra coloro che partecipano alle Giornate FAI - fino a oggi, oltre 5 milioni di italiani - è il segnale che nel corso degli anni la sensibilità nei confronti della difesa e del recupero dei nostri tesori ambientali e artistici – che coincide con la missione della Fondazione - è sempre più condivisa e perciò sempre più legata alla responsabilità di ciascuno. Tutti possono contribuire a questa missione, e proprio per questo le visite ai siti aperti eccezionalmente per la Giornata FAI sono a contributo libero. Non esiste un biglietto d’ingresso: ciascuno contribuisce come può e come crede.

È impossibile raccontare tutte le storie dei 590 siti aperti al pubblico nelle 20 regioni italiane - l’elenco completo è su www.fondoambiente.it e www.giornatafai.it oppure al numero 02.89780115 - 24 ore su 24 - ma come ogni anno le sorprese e le emozioni sono tantissime e di vario genere. Tra le aperture anche i Beni del FAI: dal Castello di Masino a Caravino (To) al Giardino della Kolymbetra nella Valle dei Templi di Agrigento fino al Teatrino di Vetriano (Lu), dove verrà eccezionalmente proiettato il filmato dell’opera Tosca, ripreso in occasione della rappresentazione messa in scena in collaborazione con l’Accademia del Teatro alla Scala.

Iscriversi al FAI è un gesto civile e al tempo stesso un “privilegio”: gli aderenti e chi si iscriverà durante le Giornate di Primavera godranno infatti di corsie, orari e visite esclusive.

Inoltre, visto il successo delle visite guidate per cittadini stranieri sperimentate dal 2008 quest’anno il progetto “Arte: un ponte tra culture” coinvolgerà ben 18 città - fra cui Bari, Brescia, Cremona, Milano, Perugia, Reggio Calabria, Siracusa, Torino, Udine, Venezia - diversificando le lingue utilizzate nella guida – arabo, rumeno, inglese, tagalog, albanese, ucraino, cingalese, ecc. - in base alle diverse cittadinanze di stranieri presenti.

... Pagina 2/2 ...La Giornata FAI di Primavera è l’occasione per avvicinare gli italiani alla causa della Fondazione e per sostenerne l’attività attraverso l’iscrizione o con una donazione. Itinerari, opere d’arte e luoghi storici, paesaggi e ambienti particolari, curiosità culturali: anche quest’anno il FAI ha preparato un grande teatro dove incontrarsi per ammirare le nostre bellezze e per conoscerci meglio. Lo spirito della Giornata FAI è lo spirito delle emozioni che suscita in noi la bellezza. Una giornata speciale, che gli italiani rivivono con passione e consapevolezza ogni anno, all’inizio della primavera.

L’edizione 2010 della Giornata FAI di Primavera è realizzata, per il dodicesimo anno di seguito, con il contributo di Wind e Infostrada: dal 1999 Wind ha infatti scelto di accompagnare l’iniziativa del FAI per far scoprire i piccoli e grandi tesori d’Italia. E in collaborazione con il Gruppo Editoriale L’Espresso, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, con il Patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e con la collaborazione della Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della Protezione Civile, con il concorso di numerose Regioni Italiane e il contributo di Bartolini Corriere Espresso. Con il Patrocinio di RAI Segretariato Sociale. Il progetto “Arte: un ponte tra culture” è reso possibile grazie al sostegno di Finint -Western Union.

Il FAI ringrazia Province, Comuni, Soprintendenze, Università, Enti Religiosi, FIAB – Federazione Italiana Amici della Bicicletta, CAI – Club Alpino Italiano, ANGT Associazione Nazionale Guide Turistiche, le Istituzioni Pubbliche e Private, i privati cittadini e tutte le aziende che hanno voluto appoggiare la Fondazione, oltre alle 110 Delegazioni e ai 7.000 volontari che con il loro lavoro capillare e la loro collaborazione rendono possibile l’evento.

I visitatori potranno avvalersi anche quest’anno di guide d’eccezione: saranno, infatti, oltre 12.000 gli Apprendisti Ciceroni®, giovani studenti che illustreranno aspetti storico-artistici dei monumenti. La loro presenza è stata resa possibile grazie alla collaborazione di Alleanza – Marchio di Alleanza Toro. Quest’anno, in premio, fantastici voli: chi si iscrive online al FAI dall’1 al 31 marzo 2010 e partecipa al concorso “Cara Italia ti scrivo…” potrà vincere un volo per New York. Per informazioni su altri premi e modalità di partecipazione www.giornatafai.it. I biglietti aerei sono offerti da Volagratis, che ha anche contribuito alla realizzazione del minisito www.giornatafai.it.

 Pubblicato da il 25/03/2010 - 2.379 letture - ® Riproduzione vietata

loading...
close