Cerca Hotel al miglior prezzo

La mostra Klimt Experience al Mudec di Milano

Evento concluso!
Attenzione, evento concluso!
Se verrà riproposto aggiorneremo le date!
Se amate l’Art Nouveau (o, se preferite, lo “Stile Liberty”) allora sicuramente amerete le opere di Gustav Klimt, che ne fu uno dei più celebri esponenti, cogliendo appieno il cuore di questo stile artistico dalle forme delicate e sensuali. Dal 26 luglio 1017 al 7 gennaio 2018 potrete immergervi nelle atmosfere dorate del maestro viennese grazie alla mostra multimediale “Klimt Experience”, al Mudec, il Museo delle Culture di Milano.

Ideato da Cross Media, la mostra-spettacolo, oltre che al Mudec trova spazio anche presso la Reggia di Caserta (la mostra su Klimt dura fino al 31 ottobre). Si tratta di una mostra-non-mostra, in quanto non sono presenti le opere “in carne ed ossa” ma, grazie a proiezioni ad altissima risoluzione, suoni e musiche, lo spettatore viene accompagnato nell’universo pittorico, culturale e sociale di Gustav Klimt.

La mostra “Klimt Experience” fa seguito a quelle su van Gogh (“Van Gogh Alive”) e Caravaggio (“Caravaggio Experience”), accolte con entusiasmo nelle principali città italiane.

La mostra-spettacolo su Klimt a Milano

Come detto, non sono presenti le opere dell’artista, i cui originali sono perlopiù custoditi presso la Osterreichische Galerie Belvedere di Vienna, ma gli organizzatori si avvalgono dell’innovativo sistema Matrix X-Dimension per mostrare i capolavori di Gustav Klimt in quella che viene definita “Experience Room”. Si tratta di una sala in cui 30 proiettori laser, in grado di trasmettere sui megaschermi dell’installazione oltre 40 milioni di pixel, proiettano su pareti, soffitto e pavimenti le più importanti opere dell’artista, permettendo allo spettatore di immergersi completamente nel mondo dorato di Klimt.

Musiche e suoni completano il percorso, coinvolgendo i sensi del visitatore. In particolare, per la mostra “Klimt Experience” sono state scelte le melodie di Strauss, Mozart, Wagner, Lehár, Beethoven, Bach, Orff e Webern, compositori fondamentali per comprendere la società nella quale operava l’artista, padre della Secessione. Klimt infatti, insieme ad altri giovani artisti, creò scompiglio nell’establishment artistico della capitale austriaca fondando un movimento in aperto contrasto con il mondo delle Accademie, la “Secessione”, appunto. Ad essa aderiranno artisti di talento come Egon Schiele e con essa nascerà l’Art Nouveau che, come un fiume in piena, si diffonderà in tutta Europa. Per saperne di più sulla Secessione artistica in Europa vi consigliamo di visitare la mostra al Palazzo Roverella di Rovigo.

La mostra “Klimt-Experience” dura circa quarantacinque minuti durante i quali lo spettatore avrà la possibilità di ammirare, su soffitto, pareti e pavimento, circa 700 immagini che raccontano l’artista, le sue opere, la sua vita e la società nella quale è vissuto. Oltre a capolavori come Il Bacio, Giuditta o il Ritratto di Adele Bloch-Bauer I, il visitatore potrà ammirare fotografie d’epoca, ricostruzioni della Vienna di inizio Novecento

Accanto all’arte di Klimt è possibile ammirare anche le fotografie d’epoca, gli abiti o la moda del tempo, fino alle ricostruzioni della Vienna dei primi Novecento con le sue innovative architetture, come ad esempio il Palazzo della Secessione.

“Klimt Experience” in definitiva, è una “mostra-spettacolo” che racconta l’artista senza tuttavia mostrare l’opera vera, l’oggetto unico e inimitabile che, oltre che all’arte appartiene alla storia. È un’ottima occasione per emozionarsi, lasciarsi travolgere e, al contempo, approfondire la storia di uno degli artisti più importanti del Novecento.

Tre curiosità su Gustav Klimt

Klimt e le donne
Nessuno come Klimt è riuscito a cogliere la tenerezza, l’erotismo e la sensualità del corpo femminile. Pare che l’artista pretendesse che delle modelle nude fossero presenti nel suo studio anche quando non era impegnato a dipingere perché le considerava una fonte di ispirazione.

Sempre a proposito di donne, pare che Klimt fosse un “Dongiovanni”. C’è chi sostiene che abbia avuto quattordici figli illegittimi, ma c’è chi arriva a contarne quaranta!

Klimt e i gatti
Oltre che modelle poco vestite, nello studio di Klimt erano presenti anche molti gatti. Pare infatti che l’artista amasse i felini. Celebre è la foto che lo ritrae con uno dei suoi amati animali.

Il film
Un altro modo per conoscere la vita di Klimt è attraverso il film Klimt, diretto da Raúl Ruiz nel 2006. A vestire i panni dell’artista austriaco è l’attore John Malkovich.

Informazioni utili, date, orari, prezzo dei biglietti

Mostra: "Klimt Experience"
Dove: MUDEC – Museo delle Culture di Milano, via Tortona 56
Date: dal 26 luglio 1017 al 7 gennaio 2018
Orari: lunedì 14.30-19.30; martedì e mercoledì; venerdì e domenica 09.30-19.30; giovedì e sabato 9.30-22.30
Biglietti: € 12 intero; € 10 ridotto - Acquista online il biglietto
Maggiori informazioni: sito ufficiale

Per saperne di più su Gustav Klimt leggete anche, su Due Minuti di Arte: Gustav Klimt, vita e opere riassunte in 10 punti

Calendario delle aperture
Attenzione: evento terminato!

Luglio 2017
D L M M G V S
           
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         
Agosto 2017
D L M M G V S
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
   
Settembre 2017
D L M M G V S
         
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
             
Ottobre 2017
D L M M G V S
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
       
Novembre 2017
D L M M G V S
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
   
Dicembre 2017
D L M M G V S
         
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           
Gennaio 2018
D L M M G V S
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
     
Diniego di responsabilità: la Redazione cerca di mantenere sempre aggiornate le date di apertura, ma consigliamo di visionare i siti ufficiali prima di organizzare una visita.
  •  

 Pubblicato da il 01/09/2017 - - ® Riproduzione vietata