Cerca Hotel al miglior prezzo

Capo Verde: clima, temperature e quando andare

Pagina 1/2

L'arcipelago di Capo Verde (o Cabo Verde) coincide geograficamente con il punto più occidentale del continente africano. L’area è dominata decisamente dall’aliseo di NE convogliato dalla fascia anticiclonica subtropicale facente capo alla cella circolatoria di Hadley, il quale aumenta d'intensità fino al mese di luglio pur mantenendo caratteristiche di buona costanza e senza particolari eccessi.

La circolazione oraria propria della cellula anticiclonica subtropicale, che particolarmente nel periodo aprile-ottobre spinge i suoi massimi a latitudini più settentrionali, determina questi costanti venti tipici che tra l’altro sono all’origine di una navigazione alquanto tranquilla. Capo Verde usufruisce in genere di condizioni climatiche più favorevoli rispetto a quelle dei paesi del vicino continente africano situati alla medesima latitudine grazie all’Oceano che circonda l’arcipelago, con benefici effetti termici (mitigazione degli eccessi tipici del continente) e con ventilazione maggiormente apprezzabile.

Si tratta quindi di un clima di tipo tropicale secco, con una temperatura media che oscilla intorno ai 26°C; l’escursione termica non supera in genere i 10°, mentre la temperatura superficiale delle acque oscilla fra i 21°C e i 26°C con valori minimi in febbraio/marzo e massimi in settembre/ottobre.

I mesi più freddi sono individuabili in gennaio e febbraio (qualche influenza dell’inverno boreale esiste sebbene assai attutita), mentre l’anno può essere sostanzialmente suddiviso in due macro stagioni: la stagione secca, che va da fine ottobre a giugno e quella umida compresa tra luglio ed ottobre.

Le precipitazioni caratteristiche della stagione umida, sono spesso di carattere temporalesco ed assai violente, ma non durano in genere mai più di un giorno, mentre nelle isole più vicine alla costa africana come Sal , Boavista e Maio sono quasi assenti. I temporali sono generalmente innescati dal transito alle quote medioalte di piccole onde depressionarie di origine tropicale che evolvono da est verso ovest colmandosi di aria molto umida ed instabile, mentre nel contempo raccolgono parecchia energia dal basso rifornendosi sull’oceano. Qualche volta queste onde si trasformano in modeste tempeste tropicali (tropical disturbance) sufficienti però ad originare grappoli di temporali con piogge torrenziali e venti intensi, mentre allontanandosi verso ovest, se sussistono le condizioni termodinamiche, degenerano in veri e propri uragani che si dirigono verso il golfo del Messico.

Può capitare, in prevalenza tra dicembre e marzo, di assistere nell’arcipelago ad un fenomeno assai particolare, detto Bruma seca: si tratta di una densa caligine originata dalla finissima sabbia del deserto sahariano alzata e trasportata dall’aliseo qualora abbia una maggiore componente di moto da est.
La stagione delle piogge si estende durante i mesi di agosto, settembre e ottobre con accumuli mensili e stagionali alquanto irregolari, specie in senso spaziale.

Nonostante si stia parlando di un arcipelago, la particolare circolazione determinata dalle figure bariche a macroscala, favorisce bassi valori di umidità relativa, la quale in genere va dal 20% al 60%, con minimi in caso di ventilazione orientale, pertanto, a fronte di temperature complessivamente e costantemente elevate, il grado di disagio fisico raramente raggiunge soglie di pericolo rilevanti.

Di seguito i dati climatici più rappresentativi di due località dell’arcipelago:

... Pagina 2/2 ... Praia (Capitale)
Temperature massime medie: si va dai 25.0°C di gennaio ai 29.4°C di settembre.
Temperature minine medie: oscillano tra 19.0°C di gennaio e 25.0°C di settembre.
I valori minimi assoluti scendono raramente sotto i 15.0°C (record storico 13.3°C), mentre durante le più intense ondate di caldo si avvicinano i 40°C (record 37.2°C).
Precipitazione media annua: 211.0 mm, con massimi in settembre (55 mm in 4 gg) ed agosto (35 mm in 3 gg); mesi più secchi giugno (3 mm, in 1 gg); maggio (4 mm, in 1 gg); aprile (7 mm in 2 gg), minimo quindi sostanzialmente primaverile-estivo.

Sal (Amilcar Cabral)
Temperature massime medie: si va dai 24.0°C di gennaio ai 29.2°C di settembre.
Temperature minine medie: oscillano tra 18.0°C di gennaio e 24.0°C di settembre.
I valori minimi assoluti scendono raramente sotto i 15.0°C (record storico 10.0°C), mentre durante le più intense ondate di caldo si toccano i 35°C (record 35.2°C).
Precipitazione media annua: 70.0 mm, con massimi in settembre (33 mm in 4 gg) ed agosto (14 mm in 3 gg); mesi più secchi giugno (0 mm); maggio (0 mm); aprile (0 mm), accumuli quindi davvero scarsi con minimo primaverile-estivo e trimestre aprile-giugno che in genere trascorre completamente secco.

Cosa mettere in valigia
Si consiglia un abbigliamento comodo e informale con abiti leggeri ed un maglioncino per la sera. Un k-way può tornare comodo in caso di periodi ventosi o con temporali.
Non scordate i medicinali che vengono usati normalmente e qualcosa contro i disturbi intestinali, collirio, repellenti per zanzare, creme protettive per il sole, scarpette di gomma, occhiali da sole e cappellino.
29 Ottobre 2014 10 parchi divertimento che apriranno prossimanente ...

Chi può dire cosa ci riserverà il futuro? Quali saranno ...

NOVITA' close