Cerca Hotel al miglior prezzo

Potenza Picena (Macerata): visita alla cittadella medievale delle Marche

Pagina 1/2

Innalzata sul mare e verso il cielo da una collina tondeggiante, incastonata tra la Valle del Potenza e quella dell’Asola, Potenza Picena è una cittadella medievale di circa 15 mila abitanti in provincia di Macerata, lungo il litorale marchigiano. Dai suoi 235 m s.l.v. Potenza Picena lancia lo sguardo sognante verso le onde lucenti del Mare Adriatico, mentre nel centro del borgo le viuzze antiche si rincorrono in un dedalo affascinante. Dalla piazza principale, proprio al centro del paese, sino alle ultime casette pittoresche sulla spiaggia, tutto sembra raccontare con garbo una storia serena, legata al mare e alla vita dei pescatori.

Anche oggi, come in passato, l’economia del luogo si basa infatti sul mare: alle attività della pesca si è aggiunto, sempre più negli ultimi anni, un fiorente turismo balneare. Tuttavia non si renderebbe giustizia al fascino di Potenza Marittima se ci si limitasse alle spiagge e alle calette, perché nel centro del borgo c’è una miriade di gioielli storico-artistici che aspettano con ansia di essere scoperti dai visitatori. Cuore pulsante del centro è la Piazza Matteotti. Un tempo si chiamava Piazza Santo Stefano in onore di una grande chiesa, dedicata al santo, risalente al VI secolo ma demolita nel 1796. Oggi vi si possono ammirare gli edifici pubblici più importanti della città.

Tra il 1745 e il 1750 vi fu eretto il Palazzo Comunale, progettato dal ticinese Pietro Bernasconi, che in seguito, a metà del XIX secolo, venne riadattato per ospitare gli uffici comunali. Nella Sala della Giunta si possono ammirare alcune opere d’arte di alto livello, tra cui una tavola di Bernardino di Mariotto che rappresenta la Vergine con il Bambino tra due angeli e i santi Antonio e Francesco, e uno splendido dipinto di Corrado Giaquinto del XVIII secolo. Tra il 1856 e il 1863 un comitato di nobili potentini volle far aggiungere nella piazza un teatro, sfruttando un’ala dello stesso Palazzo Comunale, che viene utilizzato tuttora ed è intitolato al musicista Bruno Mugellini. Fu l’architetto Giuseppe Brandoni a progettare l’edificio, con un’ampia platea, due ordini di palchi e un loggione, per un totale di 152 posti.

Poco lontano sorge poi il Palazzo del Podestà, innalzato nel XIV secolo e ristrutturato nel corso del Settecento, con una decorazione di grande pregio sulla porta-finestra della facciata frontale. Per completare il quadro, sulla stessa piazza si affacciano anche la Torre Civica e alcuni palazzi nobiliari delle famiglie Mazzagalli, Carradori, Bonaccorsi e Marefoschi. Tra le varie chiese di Potenza Picena spicca la Collegiata dedicata a Santo Stefano, realizzata nel XVI secolo e utilizzata fino al 1773 dai Gesuiti di Monte Santo, presenti in città sin dalla fine del Cinquecento. La facciata esterna è da sempre rimasta incompiuta, mentre l’interno custodisce interessanti opere d’arte dei secoli XVII e XVIII. Il collegio annesso, risalente al 1585 ma da allora rimaneggiato più volte, è oggi sede dell’Istituto delle Suore dell’Addolorata dove, su antichi telai, vengono ancora intessuti preziosi damaschi.

... Pagina 2/2 ...Completata l’esplorazione del borgo antico ci si può spingere al di fuori del centro: dirigendosi verso il mare si attraversa un tratto di campagna, con le colline dolci e sinuose che digradano verso la costa e variopinte di coltivazioni diverse. Sarà irresistibile la tentazione di scattare fotografie lungo il percorso, stupiti dalla bellezza degli scorci panoramici e dalla varietà di colori che il paesaggio regala. Giunti al mare si potrà invece scegliere tra varie spiaggette, in prevalenza sabbiose, dotate di moderne strutture balneari e collegate tra loro da una pittoresca passeggiata lungo la costa.

Il clima è perfetto per apprezzare la vita da spiaggia: l’influsso benefico del Mare Adriatico fa sì che le temperature siano sempre miti, con inverni non troppo rigidi e estati calde ma ventilate al punto giusto, addolcite da una piacevole brezza salata. I valori medi del mese più freddo, gennaio, vanno da una minima di 1°C a una massima di 9°C, mentre in luglio e agosto si va dai 17°C ai 28°C. Le precipitazioni non sono molto abbondanti o frequenti: soltanto a partire dalla fine dell’estate fino a tutto l’autunno si superano, in media, i 50 mm di pioggia mensili.

E’ questo lo stesso clima che consente di apprezzare, oltre al mare di Potenza Picena, le numerose manifestazioni che si tengono in città durante l’anno. Tra le occasioni principali c’è la tradizionale Festa di Sant’Anna di fine luglio, che prevede vari giorni di celebrazioni religiose e divertimenti puramente ludici. Il momento più amato della festa è lo spettacolo pirotecnico notturno, che fa esplodere il cielo marchigiano di mille bagliori e getta sulla superficie marina manciate di pepite colorate.

Per raggiungere Potenza Picena ci sono diverse possibilità, a seconda del mezzo che si decide di utilizzare per gli spostamenti. Chi si muove in auto deve prendere l’autostrada A14, venendo da nord in direzione Ancona e venendo da sud in direzione Napoli, uscire a Loreto/Porto Recanati, immettersi sulla SS16 Adriatica e attraversare Porto Recanati e Lido Santa Maria in Potenza, seguendo le indicazioni fino a Potenza Picena. Chi sceglie il treno deve scendere alla stazione di Potenza Picena-Montelupone, mentre l’aeroporto più vicino è quello di Ancona, a 40 km circa. Sempre ad Ancona, per chi decide di arrivare via mare, c’è il porto, collegato a Grecia, Croazia, Turchia, Albania e Montenegro.
25 Ottobre 2014 Apre l'iceberg della Fondazione Louis Vuitton ...

Parigi, si sa, è la capitale mondiale della moda. Sulle passerelle ...

NOVITA' close