Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Fermo

Fermo e il suo lido, vacanza nella costa marchigiana

Pagina 1/2

Sorge attorno a un colle dominato dalla mole del Duomo, tra le valli dei fiumi Tenna ed Ete Vivo, a 319 metri d'altezza e vicino al litorale adriatico. Già abitata in età preistorica, appare circondata dai ruderi di imponenti mura preromaniche. Colonia romana col nome di Firmum Picenum. Conquistata poi da Totila nel 545, passa via via ai Longobardi, ai Franchi, alla Chiesa. Nel secolo X è al centro della Marca Fermana. Governata da diverse signorie, nel 1445 si ribella a Francesco Sforza ed è costretta a subire la tirannide di Oliverotto Euffreducci. In epoca napoleonica è capoluogo del Dipartimento del Tronto, passa quindi a Gioacchino Murat, all'Austria, di nuovo alla Chiesa. Annessa al Regno d'Italia nel 1860.

Da vedere a Fermo:
Il Duomo. Eretto nel 1227 da Giorgio da Como su preesistente Basilica paleocristiana del V secolo, della quale rimane il bellissimo pavimento a mosaico. La facciata è in pietra d'Istria, sul portale spicca un rosone del Trecento. Modifiche e rifacimenti del Settecento.
La chiesa di Sant'Agostino. Del XIII secolo, più volte modificata.
La chiesa di San Pietro. Del 1251, più volte rimaneggiata.
La chiesa di San Domenico. Del XIII secolo; facciata in cotto e bel portale del 1455: notevoli l'abside e il campanile.
La piazza del Girfalco. Panorama magnifico, circolare dai monti al mare.
La Piazza del Popolo. Lunga e stretta, fiancheggiata nei lati maggiori dai portici eretti nel 1569. Qui sorgono il palazzo Comunale compiuto nel 1525, con la monumentale statua di Sisto V; il barocco Palazzo degli Studi, sede della Biblioteca civica; il Palazzo Apostolico del XVI secolo.

Visitate inoltre:
Chiesa di San Francesco. Iniziata nel 1240, nel vasto interno basilicale a tre navate, ha, tra varie opere importanti, il famoso monumento funebre di Lodovico Euffreducci, del Sansovino.
... Pagina 2/2 ... La Pinacoteca civica. Situata all'interno del Palazzo Comunale, custodisce tra l'altro una preziosa Natività del maestro fiammingo Pieter Paul Rubens (1577-1640).
La Piscina romana. Costruzione tra le più imponenti del genere, è formata da trenta ambienti sotterranei a tre file parallele che comunicano a mezzo di archi longitudinali o trasversali. Ogni ambiente, sei dei quali sono tuttora adibiti a serbatoio d'acqua potabile, misura 9 metri di lunghezza per 6 di larghezza e 8 di altezza: occupano un'area complessiva di 2180 metri quadrati.
Il Museo civico. Custodisce materiale archeologico e di epoca medievale, tra cui: armi litiche, bronzi provenienti dalla necropoli di Fermo, marmi, vasi, oggetti ornamentali; vasi, lucerne, frammenti fittili di epoca romana con iscrizioni e monete.
La Biblioteca civica. Comprende 350.000 volumi, 122 codici, 643 incunaboli, 200 manoscritti, 5.000 stampe e 4.500 disegni.

Eventi e manifestazioni:
Festa patronale. Si celebra il 14 e 15 agosto. Il clou dei festeggiamenti è costituito dal Palio dell'Assunta, che ha caratteristiche simili al più famoso Palio di Siena. Sfida in costume tra cavalieri in rappresentanza delle dieci contrade cittadine. Inizia con la sfilata in Piazza del Popolo; la gara si svolge poi lungo la strada per San Giorgio.
Mercatino dell'antiquariato e dell'artigianato. Ogni giovedì durante i mesi di luglio e agosto.
Stagione sinfonica e lirica. Tra novembre e primavera, al teatro dell'Aquila. Il mercatino del Villaggio di Natale, il weekend prima del 25 dicembre.

Da visitare nei dintorni: Monterubbiano. Escursione a 13 chilometri verso sud, altezza metri 463, abitanti 2484. Moresco. Pittoresco paesino a due chilometri verso est. 405 metri d'altezza e 656 abitanti; cinto di mura e dominato da due torri dei secoli XII e XIV. Paesaggio interessante.

 Pubblicato da - 21 Febbraio 2009 - © Riproduzione vietata

loading...
18 Gennaio 2017 Il Festival dell'Oriente a Bologna

La città di Bologna si prepara ad ospitare nei due weekend ...

NOVITA' close