Cerca Hotel al miglior prezzo

Torre Mileto, vacanza nella localitą balneare di Sannicandro Garganico

Pagina 1/2

Per quanto il territorio sia bello, con i suoi colori e profumi mediterranei, gli ulivi nodosi e il rosso bruciato della terra, l’elemento dominante è certamente l’acqua: Torre Mileto, località balneare del comune di San Nicandro Garganico (Puglia), è infatti incastonata tra i Laghi di Lesina e Varano e di fronte a sé, prima dell’orizzonte, si estende un Adriatico incredibilmente limpido che esplora ogni sfaccettatura del verde e del blu.

Qualcuno potrebbe pensare che non ci siano grandi cose da vedere qui, in questa cittadella di mare pugliese, nell’assolata provincia di Foggia. In effetti a Torre Mileto la vera ricchezza sta nell’assenza di opere umane invadenti: un semplice borgo dal sapore accogliente, qualche casetta e le barche ormeggiate, e soprattutto un paesaggio paradisiaco che si ha la sensazione di non meritare, troppo perfetto per essere turbato.

Nei dintorni, poi, si ha l’imbarazzo della scelta tra i borghi da visitare e le meraviglie naturali da esplorare: facendo parte del Parco Nazionale del Gargano, Torre Mileto non è che una perla in un forziere colmo, che attende di essere scoperto. Camminando per le sue stradicciole tranquille e raggiungendo la spiaggia, si può lanciare lo sguardo a destra e a sinistra e seguire con gli occhi la linea sinuosa del litorale: un lunghissimo nastro d’oro glassato di sabbia fine, abbagliante di giorno e umida di bagliori dove il mare la invade. A interrompere la fascia sabbiosa c’è qualche caletta rocciosa o accenni di scogliera, dove si infrangono i flutti con sospiri romantici.

Ma il nome della località, Torre Mileto, ci dice che oltre al mare e al paesaggio qualche testimonianza storica c’è. Il toponimo infatti, impropriamente usato per riferirsi anche all’istmo che separa il Lago di Lesina dal mare, si riferisce alla bella torre costiera che un tempo difendeva il litorale dagli attacchi via mare.

Proprietà del comune di San Nicandro Garganico, la torre è una massiccia costruzione a base quadrata, coi quattro lati disposti verso i quattro punti cardinali. Una scalinata, aggiunta successivamente alla struttura originaria, sul lato sud dell’edificio conduce il visitatore all’ingresso antico, mentre la parte superiore della torre ospita la piazza d’armi. Dalla cima si gode un panorama unico, e nelle giornate più terse si può lanciare lo sguardo davvero lontano: a circa 17 km si trovano le Isole Tremiti, mentre lungo la costa si ergono impettite tante altre torri di avvistamento, fino alla costa del Molise.

Tutt’intorno si estende un territorio molto interessante, sia da un punto di vista culturale che naturalistico: la macchia mediterranea, che al solletico del vento spande un profumo fresco e pungente nell’aria, è punteggiata di reperti archeologici antichi, risalenti al Medioevo o addirittura al Neolitico. Verso il mare, dove la macchia si dirada e lascia nuda la roccia, le insenature tra gli scogli ospitano innumerevoli specie biomarine, o danno origine a sorgenti d’acqua dolce.
... Pagina 2/2 ...
Ma il segreto più affascinante è custodito dal mare, proprio al largo della penisola su cui si erge la torre. Si tratta dell’antico relitto di una nave, la Poma Santa Maria, che affondò nel 1607 in circostanze misteriose durante il trasporto, a quanto pare, di armi illecite tra cui alcuni cannoni. Tre di questi sono stati portati alla luce nel 1975 e sono tuttora custoditi all’interno della torre.

Torre Mileto è dunque la meta ideale per chi ama assorbire il sole, sentire il sale sulla pelle, ascoltare i gabbiani e il fruscio delle onde. Con il corpo disteso sulla sabbia soffice o sulle rocce argentate, all’ombra fresca della torre centenaria, si potrebbero trascorrere ore e ore cullati dal frinire delle cicale.

Anche il clima mediterraneo è perfetto per le giornate in spiaggia: le temperature sono miti tutto l’anno, infatti i valori medi del mese più freddo, gennaio, vanno da una minima di 3°C a una massima di 12°C, mentre in luglio e agosto si passa dai 18°C ai 31°C. Anche il sole è quasi onnipresente, infatti le precipitazioni sono scerse in estate e si concentrano maggiormente solo tra ottobre e dicembre, quando cadono i media 53-57 mm di pioggia.

E dopo il riposo, quando si ha voglia di vita e divertimento, ci si può spingere nel centro di San Nicandro Garganico: qui si trovano i negozi, i locali e i ristoranti, e nel corso dell’anno si svolgono manifestazioni interessanti legate alla tradizione. Tra le feste religiose ci sono i festeggiamenti del periodo pasquale e la festa dei santi patroni Nicandro, Marciano e Daria, mentre i più golosi potranno deliziarsi in occasione de “La Piazza dei Sapori Garganici” che si tiene nelle prime due settimane di agosto.

Per arrivare a Torre Mileto ci sono diverse possibilità. Chi viaggia in auto deve prendere la A14 e uscire a Poggio Imperiale-Lesina oppure a San Severo, per poi seguire le indicazioni fino a San Nicandro Garganico e, da qui, fino alla località balneare. Chi preferisce il treno può raggiungere San Severo coi mezzi delle Ferrovie dello Stato, poi continuare con le Ferrovie del Gargano fino a San Nicandro. Per finire, gli aeroporti più vicini sono quello di Pescara e quello di Bari, rispettivamente a 155 km e 172 km.
25 Ottobre 2014 Apre l'iceberg della Fondazione Louis Vuitton ...

Parigi, si sa, è la capitale mondiale della moda. Sulle passerelle ...

NOVITA' close