Cerca Hotel al miglior prezzo

Besanšon (Besancon): cosa vedere nella cittÓ sulle rive del Doubs

Pagina 1/2

  • H˘pital Saint-Jacques
  • Tour de la Pelote
Capoluogo della regione francese della Franca Contea nonché del dipartimento del Doubs, situata accanto al confine svizzero e cinta quasi interamente dal fiume Doubs, la città di Besançon (in italiano Besanzone) porta i segni di un passato glorioso e mostra al tempo stesso la vivacità di un centro in continua crescita, proiettato al futuro.

Nota per essere stata un oppidum fortificato tra i più importanti della Gallia, nel lontano periodo della conquista di Giulio Cesare, l’insediamento portava in origine il nome di Vesontio ed apparteneva al popolo celtico dei Sequani. Fu la sua posizione strategica a valerle la nomina a capitale della provincia Maxima Sequanorum sotto il regno di Diocleziano, ma dal III secolo in poi venne sottomessa dai Burgundi e in seguito dai Granchi. Soltanto nel 1282, dopo essere stata parte del Regno dell’Alta Borgogna e di quello di Arles, Besancon divenne repubblica cittadina, sottomessa esclusivamente al volere dell’imperatore.

In posizione dominante sulla città troneggia la cittadella fortificata ideata da Sebastien Vauban, racchiusa in una cintura di pietre antiche e ricca al suo interno di alcuni scorci e monumenti interessanti per chi decida di visitarla. Nel cuore della cittadella si estende infatti l’area verde del bioparco, uno dei tanti polmoni cittadini, ideale per le passeggiate all’aria aperta e per fare giocare i più piccoli. La cittadella, le mura della città e il Forte Griffon sono stati aggiunti alla lista dei Siti Mondiali dell’UNESCO nel 2008.

Non lontano si incontrano i musei più interessanti di Besançon, primo fra tutti il Musée des Beaux Arts: si tratta della più raffinata galleria d’arte di Francia al di fuori della capitale, con una collezione alimentata a partire dal 1694 e sempre rimpolpata nel corso dei secoli con la progressiva aggiunta di opere di gran pregio. Lo stesso edificio, completamente ristrutturato nel 1960 dall’architetto Miquel, allievo di Le Corbusier, è un gioiello che merita l’attenzione dei visitatori, fondendo in un’impeccabile armonia le forme più moderne alle linee antiche e raffinate di un tempo. Oltre agli artefatti Egizi e ai reperti archeologici, il museo custodisce numerosi dipinti del Bellini, del Tintoretto, di Rubens, Tiziano, Goya, Picasso e molti altri maestri internazionali.

... Pagina 2/2 ...Ma la vera signora di Besancon è la Cattedrale di St.Jean, in gran parte costituita dalle parti originali del XII secolo e custode del capolavoro pittorico di Fra Bartolomeo, artista del rinascimento italiano, raffigurante una splendida Vergine con i santi. Altre attrattive sono certamente il palazzo Granvelle, del XVI secolo, fatto costruire dal Cardinale Granvelle sotto l’ipero di Carlo V, e moltissimi resti di origine romana come la Porte Noir, un imponente arco di trionfo nella piazza Castan. Dalla strada principale, la Gran Rue, si scorre verso nord sino a una incantevole piazzetta, su cui si affacciano le dimore natali dei fratelli Lumière, celebri inventori del cinematografo, e degli scrittori Victor Hugo e Charles Nodier.

Oltre alle bellezze storiche e artistiche Besancon offer ai visitatori e agli abitanti del luogo una lunga serie di divertenti e appassionanti manifestazioni, che si susseguono durante i diversi mesi dell’anno: uno degli eventi più noti è il Festival de la Musique de Besancon Franche-Comté, che si tiene in settembre e costituisce uno dei più prestigiosi e antichi festival di musica classica. Altri eventi musicali sono il Festival de la Musique de Rue, dedicato agli artisti di strada, che si svolge in ottobre; il Festival Country Francais che si tiene in agosto; il Festival du Jazz en Franche-Comté che si ripete ogni anno nel mese di giugno.

Rggiungere Besançon non è difficile, essendo situata tra due importanti linee di comunicazione: la strada che da nord-est a sud-ovest segue la valle del fiume Doubs e collega la Germania e il Nord Europa con Lione e l’Europa meridionale, e quella che da nord a sud unisce la Francia settentrionale con la Svizzera. Il TGV, poi, unisce la città con Parigi, con l’aeroporto internazionale Charles de Gaulle e con Lille. Diversamente da quanto accade di solito per le città delle sue dimensioni, Besancon non possiede un aeroporto commerciale, ma gli aeroporti internazionali di Basel-Mulhouse-Freiburg e di Lyon Saint-Exupéry si trovano a circa due ore di auto.

Una volta giunti a destinazione i visitatori vengono accolti da un clima particolare, con alcune caratteristiche oceaniche e altre continentali: da un lato si deve far fronte a precipitazioni abbastanza frequenti e abbondanti, dall’altro si hanno inverni gelidi e estati calde e secche. Il mese più caldo è luglio, con i suoi 19°C di temperatura media, e quello più freddo è gennaio, con un valore medio di 1,6°C. La città è colpita annualmente da circa 1108 mm di pioggia e il mese più umido è maggio, che ne totalizza ben 111 mm. Foto wikipedia, cortesia: B. Sherman, Wikipedro,

News più lette

29 Luglio 2014 Speakeasy a New York: i locali segreti come ...

Se l’America è da sempre la terra delle opportunità, ...

NOVITA' close