Cerca Hotel al miglior prezzo

Winnipeg (Manitoba), città tra laghi, boschi e praterie del Canada

Pagina 1/2

  • Esplanade Riel - Winnipeg
  • Esplanade Riel - Winnipeg
  • Lago Winnipeg
Ai margini orientali delle Praterie canadesi sorge Winnipeg, capoluogo del Manitoba, nodo fondamentale del traffico autostradale e ferroviario tra il Canada orientale e occidentale, per questo spesso chiamata “Porta Ovest”. La città è collocata alla confluenza del Red River del Nord e del fiume Assiniboine; in più, il territorio circostante è costellato di centinaia di laghi di tutte le dimensioni, tra cui il Lago Winnipeg (il più grande specchio d’acqua interamente compreso entro i confini del Canada meridionale), il Manitoba e il Lago dei Boschi.

Il cuore di Winnipeg è l’incrocio formato dalle due vie principali, Portage e Main, intorno al quale sono affiorati numerosi isolati residenziali, in un originale accostamento di moderni grattacieli di vetro e edifici novecenteschi in pietra e mattoni. Nata come avamposto della Compagnia della Baia di Hudson, per il commercio con le prime Nazioni locali, che cacciavano nelle praterie, nel 1738 ospitò l’insediamento della Società rivale North West Company. In seguito, nel 1821, alcuni terreni furono acquistati dal conte di Selkirk, e la zona venne colonizzata dagli scozzesi emigrati dalle Highland. Nel 1873 fu dichiarata centro cittadino e la costruzione della ferrovia trans-Canada inaugurò il suo ruolo fondamentale per l’accesso all’Ovest. L’età dell’oro di Winnipeg coincise con il fortunato trentennio 1900-1930, periodo della costruzione del Legislative Buillding.

Tra le mete da non perdere in città c’è l’Exchnde District, un sito storico nazionale costituito da vari edifici interessanti. Ad esempio il Confederation Life, un grattacielo eretto nel 1912, o la British Bank of North America, la più antica banca della “via dei banchieri”, risalente al 1903. Questo quartiere, oggi, è un vero gioiello, essendo stato recentemente dotato di gallerie d’arte, boutiques e ristoranti notturni.

Il Centennial Center, ad esempio, è la prestigiosa sede del Winnipeg Royal Ballet, dell’Opera Company e della Symphony Orchestra.

Il Manitoba Museum è una spettacolare collezione che accompagna il visitatore lungo la storia della città, per poi illustrare i vari ecosistemi del Manitoba attraverso una bella serie di diapositive ed esemplari ben conservati di animali e uccelli del luogo. Una delle gallerie della mostra spiega lo sviluppo della Hudson Bay Company, con una bellissima riproduzione della nave a due alberi che dall’Inghilterra navigò verso la Baia di Hudson nel 1668, per dare l’avvio al commercio con il Canada.

Racchiuso da un’ansa del fiume Winnipeg sorge un interessante quartiere, risanato per poter essere agibile, oggi meta preferita degli abitanti di Winnipeg e dei turisti: si tratta del Forks, che, nei cantieri navali ristrutturati della Canadian Pacific Railway, presenta parchi alberati, percorsi piacevoli e tranquilli lungo il fiume, un sito storico nazionale, un mercato, ristoranti, negozi e gallerie d’arte. Dalla parte opposta del fiume rispetto al Forks, sorge la cattedrale di St. Boniface, costruita nel 1968 sui suggestivi resti dell’originale chiesa neo-gotica del 1908, distrutta da un terribile incendio.

Uno dei simboli "fotografici" della città è l'Esplanade Riel (o Provencher Bridge) un ponte pedonale che attraversa il Red River.

... Pagina 2/2 ... Il Dalnavert National Historic Site è una tipica residenza aristocratica di epoca tardo vittoriana, con mobili e decorazioni in linea con lo stile raffinato di quei tempi. Dotata di ogni lusso immaginabile all’epoca, come tubature interne, riscaldamento centralizzato e illuminazione elettrica, sorge accanto un bel parco alberato. Qui, sulle sponde del fiume Assiniboine, domina il neoclassico Legislative Building.

A nord del Legislative Building fu costruita, nel 1912, la Winnipeg Art Gallery, dall’originalissima struttura a forma di nave che le consente di ergersi sull’acqua. La collezione vanta oltre 22.500 opere che spaziano dall’età romana a documenti novecenteschi, oltre alla più vasta raccolta di arte inuit contemporanea del mondo.

In occasione del Taste of Manitoba Food Festival, che si ripete a luglio di ogni anno, trenta fra i migliori ristoranti del Manitoba si riuniscono nel Memorial Park di Winnipeg, per deliziare gli ospiti con fantasiosi piatti di loro creazione, accompagnati da spettacoli dal vivo e concerti.

Ad agosto, invece, la città diventa lo scenario del più grande e popolare festival multietnico del Canada. Durante due intensissime settimane, una nutrita rassegna di eventi mette in mostra le culture e le traduzioni di oltre 40 etnie diverse.

Il clima della zona è di tipo continentale, con inverni freddi (le minime possono scendere fino a -20°C in dicembre, gennaio e febbraio) e estati piuttosto calde, specialmente nel mese di luglio, in cui la temperatura massima si aggira intorno ai 25°C, con precipitazioni concentrate nei mesi di giugno e luglio.

Il Winnipeg International airport sorge a circa 20 minuti di auto dalla città, variabili ovviamente a seconda del traffico. Da qui, per raggiungere il centro, si rivelerà comodo ed economico il ricorso all’autobus. Più caro, invece, prendere il taxi.

Fonte foto, cortesia: Winnipeg Tourism, Attractions and Economic Development

 Pubblicato da - 01 Novembre 2008 - © Riproduzione vietata

22 Aprile 2014 Itinerario in Nicaragua tra città coloniali, ...

Il Nicaragua, maggiore tra i cinque paesi del Centro America (grande quanto ...

NOVITA' close