Cerca Hotel al miglior prezzo

Ottobre, viaggi e vacanze in Messico, Brasile, Capoverde, Dubai e Australia

Ottobre, il mese giusto per godersi ancora qualche scampolo d’estate, per l’ultimo bagno di stagione prima di immergersi nelle grigie giornate lavorative di fine autunno e dell’inverno. Per tutti i ritardatari e recidivi della tintarella il Turista vi ha selezionato 5 località del mondo, dove trovare mare caldo e sole per concludere un estate davvero alla grande.

Cabo San Lucas (foto in alto) è la prima destinazione selezionata, una delle località di mare meno piovosa del Messico e situata sulla punta meridionale della penisola di California, tra alte montagne che strapiombano nel mare. Ad ottobre il meteo si prevede mediamente soleggiato, dopo tutto qui il clima è pressoché desertico lungo tutta la penisola californiana. Tra agosto e settembre aumentano in genere le possibilità di qualche temporale ed acquazzone, ma ad ottobre il clima tende a rientrare nei binari della sostanziale aridità con una media di 3 giorni di pioggia al mese. Il vantaggio è che il mare possiede ancora una temperatura elevata, intorno ai 28-29 °C l’ideale per trascorrere delle piacevoli giornate al mare.


San Josè del Cabo è un'altra località che si trova a pochi km da San Lucas e che offre possibilità d’alloggio. Tra le cose da fare in zona, oltre alle spiagge, di cui ricordiamo la fantastica fine della terra, in inglese Land's end , dove si trova il cosiddetto “El Arco” una roccia che sfide al mare con la sua forma arcuata e le sue rocce levigare dal mare e dal vento. Nelle vicinanze troviamo anche la celebre Playa del Amor, romanticissima spiaggia dove gustarsi i tramonti di Cabo San Lucas, tra i più belli del mondo.
Ad ottobre comincia il periodo dell’arrivo delle balene, ed il whale watching, specie a fine mese potrebbe essere uno dei momenti più spettacolari della vacanza, ad ammirare le megattere che compiono i prodigiosi salti del corteggiamento.

Cambiando continente, ma non tipo di vacanza, una meta perfetta per ottobre è il Brasile del nord-est, dove spiagge e rocce creano passaggio mozzafiato, che in questo periodo risultano baciati dal sole e meno affollati del solito, cosa assolutamente non da sottovalutare.
Obiettivo della vostra vacanza diventano allora le spiagge nei dintorni di Fortaleza, grandissime estensioni di arenili e rocce colorate, circondate da palme, che bordano le coste dell’oceano atlantico. Siamo nello stato di Cearà che conta dei tratti di costa pressoché desertici ma che presentano un regime quasi monsonico, con piogge concentrate in primavera, e non c’è da stupirsi se qui ad ottobre cadono solamente 12 mm di pioggia, come media climatica. Le massime giornaliere si mantengono intorno ai 30-32 °C e minime intorno ai 24 °C, valori decisamente caldi, e l’acqua dell’oceano non delude con i sui 27 °C medi.
Tra le località da non perdere, oltre alle spiagge di Fortaleza (Iracema, Mucuripe e Meireles) sono da segnalare la bella spiaggia di Jericoacoara, e presso il villaggio di Beberibe Praia das Fontes e la spiaggia di Morro Branco.

Dall'altro lato dell’oceano Atlantico, e risalendo appena al di sopra dell’equatore troviamo l’arcipelago di Capo Verde, dove il Turista vi consiglia le due isole più “balneari” e cioè Sal e Boavista. Ad ottobre il clima comincia a migliorare dopo la fase relativamente più piovosa estiva, con punte di rovesci temporaleschi tra agosto e settembre. L’acqua del mare si mantiene ancora gradevolissima, con valori medi intorno ai 27-28 °C e il vento che non manca mai da queste parti si mantiene a livelli perfetti per gli appassionati di windsurf.
A Sal, l’isola più piatta e sviluppata dal punto di vista turistico, si possono trovare spiagge di grande suggestione: Santa Maria, una spiaggia di circa 8 km di lunghezza ubicata vicino all'omonima città, sulla punta sud dell’isola. La spiaggia è ricoperta di sabbia molto fine e possiede una profondità di un centinaio di metri. Altre spiagge si trovano sempre nella parte più meridionale dell'isola, specie . dalle parti di Ponta Preta.
Boavista vi accoglie con la sua capitale Sal Rei, nelle cui vicinanze troviamo spiagge selvagge e deserte di grande suggestione. Praia de Carlota, Praia do Chave e Praia de Curral Velho vi attendono con il loro carico di sole e per le evoluzioni degli appassionati di kite e windsurf.

Variando decisamente luogo di vacanza ma sempre nell’ottica di un caldo secco, perché non contemplare di trascorrere un periodo negli Emirati Arabi, a Dubai o Abu Dhabi?
Sul clima nulla da eccepire: ottobre si presenta caldo ma senza le torride temperature di luglio e agosto quando si superano di regola i 40 °C. In questo mese la colonnina di mercurio si posiziona su dei più accettabili 35-36 °C nei valori massimi che scendono a 22-23 °C nelle ore notturne, grazie al clima desertico con forte escursione termica. Il mare mantiene una temperatura caldissima, superiore ai 30 °C e qui si possono fare splendide escursioni per fare snorkeling longo le coste degli Emirati. Gli alberghi di Dubai e Abu Dhabi propongono varie soluzioni e pacchetti per fare tutti gli sport acquatici. E grazie alle temperature meno torride è anche questo un buon periodo per compiere escursioni con il fuoristrada negli splendidi deserti degli Emirati.
In più c’è la magia di Dubai, e la sua ostentata ricchezza, tra torri, grattacieli mega centri commerciali dove fare shopping di lusso e non solo, ed attrazioni esuberanti come, ad esempio, la possibilità di fare una esclusiva giornata di sci…al coperto!

Ottobre segna poi l’inizio della primavera nell’emisfero australe, e potrebbe essere il periodo giusto per recarsi nel Queensland ed in particolare a Cairns e lungo la Grande Barriera Corallina Australiana. Molti visitano il Great Barrier Reef in luglio e agosto, durante le vacanze estive, ma in quel periodo il clima non è particolarmente favorevole, forti venti limitano l’accesso alle parti più esterne dell’outer reef, le acque sono piuttosto fresche (24 °C), e le nuvole possono un po’ guastare la magia dello snorkeling ed immersioni. Ad ottobre il quadro migliora con l’aumento della temperature delle acque che salgono a circa 26 °C e le piogge ancora scarse non vanno ad alimentare il problema delle meduse, che diventano più pericolose da novembre in poi, con l’arrivo del caldo e del monsone.
A Cairns si può quindi decidere se fare vita da spiaggia, con escursioni nelle varie isole della barriera corallina (Angicourt reef e Green Island), visitare l’elegante Port Douglas, e scoprire i paesaggi magici della foresta pluviale della zona di Daintree fino a Coocktown.
Oppure salire con il treno a Kuranda per deliziarsi dei paesaggi montani della Great Dividing Range e fare shopping tra i tantissimi negozi di artigianato.

Se avete trovato la meta dei vostri sogni e cercate una soluzione low cost, cliccate qui.
  •  

 Pubblicato da il 21/09/2016 - 55.625 letture - ® Riproduzione vietata

loading...
28 Settembre 2016 Le Giornate Medievali di Brindisi Montagna ...

Anno 1268: il francese Carlo d’Angiò, da due anni saldamente ...

NOVITA' close