Cerca Hotel al miglior prezzo

Le novitÓ della stagione sciistica 2016-2017 in Trentino

La stagione sciistica è alle porte e le previsioni degli ultimi giorni lasciano ben sperare per un inverno pieno di neve. Se il meteo rimane comunque una variabile imprevedibile, non controllabile, in Trentino si sta lavorando alacremente fin dalla chiusura degli impianti nell’aprile scorso per garantire la migliore accoglienza possibile ai tantissimi turisti, italiani e stranieri, che si apprestano a visitare la regione. Per quanto riguarda i comprensori sciistici, in particolare, fioccano le novità che riguardano non solo le piste e gli impianti di risalita, ma più in generale l’intero universo di componenti che orbitano intorno alle skiaree, dai rifugi ai parchi gioco per bambini.

Partendo proprio dagli impianti, in Val di Fiemme, a due passi da Moena, la skiarea Bellamonte – Alpe Susia si appresta a inaugurare la moderna cabinovia a basso impatto ambientale Bellamonte 3.0, la nuova 10 posti che servirà le piste da sci e la pista da slittino Fraina. In Val di Sole, presso la skiarea Peio 3000, è quasi pronta la seggiovia quadriposto Saroden, il nuovo impianto di circa un chilometro di lunghezza che porterà sciatori e snowboarder da quota 2.183 ad oltre 2.500 metri lungo la dorsale “Filon dei Omeni”, da cui scendono due rosse, Saroden e Beverina. Sempre a Peio verrà inaugurato il Peio Snowpark, il nuovo punto di riferimento per gli appassionati di snowboard che si estenderà su un’area di circa 9.000 mq.

Nella stessa valle ma tra Folgarida e Marilleva è confermata l’apertura serale fino al termine della stagione della cabinovia Belvedere, così da incentivare l’apres-ski in alta quota a Malghet Aut (1.855 m). Sul versante di Madonna di Campiglio sono stati ultimati i lavori di restyling alla pista Malghette, il principale collegamento “sci ai piedi” tra i comprensori di Campiglio – Dolomiti di Brenta e Folgarida – Marilleva. Il tracciato è stato ampliato nella parte centrale, così da agevolare la discesa anche in caso di affollamento, oltre che dotato di un nuovo moderno impianto di innevamento artificiale con cannoni sparaneve di ultima generazione. Nella skiarea di Passo San Pellegrino, invece, è pronta ad aprire la nera La Volata, 2.350 metri di pista che dal Col Margherita si getta verso Passo San Pellegrino coprendo un dislivello pari a 600 metri e sfiorando punte al 50% di pendenza.

Sempre a Madonna di Campiglio sono quasi conclusi i lavori che porteranno all’apertura della prima pista da slittino della skiarea. Il tracciato, di oltre 2.700 metri di lunghezza, coprirà un dislivello pari a 340 metri tra il Monte Spinale e la stazione di partenza della seggiovia Spinale 2, attraversando nel mezzo i vasti prati di Malga Fevri. Altre piste da slittino e gommone, oltre che un ampio campo scuola, sono state incluse nel piano di rinnovamento di Cermislandia, nella skiarea dell’Alpe Cermis, mentre all’Alpe Tognola di San Martino di Castrozza si è provveduto ad ammodernare il parco giochi Baby&Fun.

Tornando in Val di Fiemme, nella skiarea Bellamonte – Alpe Lusia, in concomitanza con l’apertura delle piste sarà inaugurata anche la nuova Baita Dosso Larici, costruita avvalendosi delle migliori tecniche di progettazione e delle più recenti tecnologie nell’ottica di minimizzare l'impatto sull'intorno paesaggistico. Grazie allo sviluppo planimetrico orizzontale, al rivestimento in listelli di legno di larice e alle ampie vetrate la struttura crea un unico complesso tra ristorante, lounge bar e stazione di arrivo della telecabina, consentendo anche un miglioramento della fruizione dei vari servizi da parte dei visitatori.

Un altro moderno rifugio in legno e vetro firmato dagli architetti Peter Pichler e Pavol Mikolajcak ha visto la luce a Obereggen, presso la stazione di arrivo della seggiovia Oberholz. Il progetto, che ha ottenuto numerosi riconoscimenti non solo in Italia, consta di un unico corpo di fabbrica tripartito ad una estremità in tre braccia ciascuna delle quali termina con un’ampia vetrata panoramica da cui godere della bellezza delle montagne circostanti. Contestualmente al volume sono stati progettati anche gli spazi esterni di pertinenza, con tanto di solarium/terrazza prospiciente a un piccolo chioschetto dove acquistare snack e bevande. Infine, nella skiarea Tonale – Adamello Ski, agli oltre 2.730 metri del ghiacciaio Presena si sta per alzare il sipario sul rifugio Capanna Presena, che oltre a ristorare sciatori e snowboarder sarà dotato di 8 camere dove trascorrere la notte.

Per maggiori informazioni potete visitare il sito di Vist Trentino

Cortesia foto: Archivio Foto Trentino Sviluppo (F.Modica, P. Bisti Luconi)
  •  

 Pubblicato da il 28/11/2016 - 289 letture - ® Riproduzione vietata

loading...
09 Dicembre 2016 I mercatini di Natale a Campitello di Fassa ...

I più suggestivi prodotti artistici, i più invitanti manufatti, ...

NOVITA' close