Cerca Hotel al miglior prezzo

10 cose da vedere e fare a Mauritius: i luoghi di interesse da non perdere

Pagina 1/2

Marc Twain, dopo aver visitato l'isola, disse "Il paradiso fu creato ad immagine e somiglianza di Mauritius". E un motivo c'è. Questa isoletta incastonata nell'azzurro limpido dell'Oceano Indiano è semplicemente perfetta. Spiagge incontaminate, fauna e flora rigogliosi, shopping, mare cristallino.

E poi ancora storia, cultura, gastronomia eccellente e strutture ricettive di altissima qualità permettono di vivere tante vacanze, in un'unica destinazione. Nonostante l'isola di Mauritius non sia così estesa, tuttavia vale la pena partire con le idee chiare in mente su ciò che si desidera includere nel proprio carnet di viaggio. Ecco qui una mini-guida alle 10 esperienze top da non perdere.

Port Louis, la capitale


Di fondazione abbastanza recente (parliamo del XVIII secolo), la capitale mauriziana si trova sulla costa nord-occidentale dell'isola ed è un centro vivace, cosmopolita e ricco di luoghi da visitare e scoprire. A partire dalla Place D'Armes, nel centro storico della città, circondata da "palme bottiglia", passando per l'Aapravasi Ghat, sito Patrimonio Mondiale dell'Umanità dell'UNESCO, punto in cui gli immigrati indiani sbarcavano nel loro esodo verso l'Africa a seguito dell'abolizione della schiavitù. Dal Museo di Storia Naturale al BRIC, punto nel quale i servi a contratto provenienti dall'India sbarcavano all'arrivo dalla traversata oceanica. Qui si possono ammirare anche oggetti recuperati da scavi archeologici, oltre a reperti relativi alla tratta dei servi a contratto. E ancora il Champ de Mars dove assistere, insieme alla popolazione locale, alle seguitissime corse di cavalli, sport molto amato dai mauriziani. Infine, per gli amanti dello shopping, merita una visita l'area del lungomare di Caudan, tappa obbligatoria per i turisti a caccia di brand internazionali, a prezzi scontati, ma anche per soddisfare le richieste del palato, grazie ai numerosi ristorantini che si trovano in questa zona.

Grand Bay e le spiagge gemelle


Oramai da tempo prima tappa per coloro i quali prenotano una vacanza a Mauritius, Grand Bay è stata protagonista di un incredibile programma di sviluppo sostenibile. Un paradiso nel paradiso. Da qui si può partire in barca per l'island hopping in direzione nord, oppure si possono fare attività acquatiche, dallo snorkeling al SUP e molte altre ancora. Una delle due spiagge gemelle, La Cuvette, è il luogo perfetto per lasciarsi trascinare indietro nel tempo, quando sull'isola i turisti erano poche manciate e il tempo scorreva lento, sulle note del mare. Su questa spiaggia è inoltre possibile ammirare il raro esemplare di "tec-tec", una piccola conchiglia bianca, che viene accuratamente protetta e preservata.

Sport, animali e attività acquatiche


L'Ile aux Cerfs è uno scrigno che contiene tutto questo e molto di più. Un meraviglioso campo da golf 18 buche progettato dal famoso fuoriclasse Bernhard Langer sarà molto apprezzato dagli appassionati di questa disciplina, sessioni di spettacolare snorkeling nella laguna allieteranno adulti e piccini, crociere in motoscafo, piroga, barca con fondo di vetro permetteranno agli amanti degli abissi marini di godere appieno di questo mare splendido.

Ritorno al buon selvaggio sulle coste ad ovest


Questa parte di Mauritius è una delle meno battute dai turisti. Selvagge e aspre a tratti, la costa a ovest e a sud-ovest è perfetta per praticare sport quali le immersioni, lo sci d'acqua, il kayak e il surf (l'hot spot per questo sport è il One Eye a Le Morne, spazzato dai venti praticamente tutto l'anno). Sport, sì, ma non solo. Qui si trova anche il meraviglioso Parco Naturale del Black River Gorges dove si potranno anche ammirare i leoni africani addomesticati, le giraffe e altri simpatici animali.

Ai confini del mare, Rodrigues


Una piccola perla a nord-est dell'isola di Mauritius, Rodrigues è la destinazione perfetta per chi desidera sentirsi, per un pò, come fuori dal mondo. Spot ideale per immersioni, sport d'acqua, pesca e safari fotografici alla scoperta della meravigliosa barriera corallina.

... Pagina 2/2 ...

Coccole a cinque stelle


Sull'isola di Mauritius sono moltissimi i centri benessere e le spa che propongo pacchetti per tutti i gusti e tutte le tasche. Il bello (e ancora più total-relax) è che alcuni di questi centri permettono di usufruire delle coccole all'aperto, in zone appositamente dedicate, cullati dal rumore del mare. Nonostante i più grandi marchi di bellezza abbiano aperto qui alcuni dei loro centri benessere più frequentati, tuttavia vi consigliamo di provare il marchio locale Seven Colours, unico originario dell'isola di Mauritius, che offre mix di terapie, dall'ayurveda ai trattamenti ispirati all'oceano, ai rituali africani e creoli.

Le testuggini centenarie, gioia di grandi e piccini


Uccelli, animali, pesci, la rara colomba rosata. Ma anche le meravigliose tartarughe centenarie, ospiti di riguardo dell'isola. I bambini avranno l'opportunità unica ed incredibile di avvicinare questi maestosi rettili, dar loro da mangiare, scattare foto a distanza ravvicinata.

Imparare una nuova danza, la segà


Il ritmo è inconfondibile, il sound è tipicamente africano, il folclore di questo ballo è stato inserito dall'UNESCO nella lista dei Patrimoni Culturali Immateriale dell'Umanità. Non c'è resort, hotel, struttura ricettiva che non organizzi spettacoli di questa danza meravigliosa. Cui i turisti sono chiaramente invitati a partecipare, imparandone i passi, per portarsi a casa un pò della gioia dell'isola di Mauritius.

Natura a 360° da Chamerel a Pamplemousses


Mauritius offre al suo interno interessanti spunti naturalistici. Nella zona di Chamarel due must see: le terre dei sette colori e le Cascate Tamarind. Il primo sito un tempo era un vulcano, ora è una chicca imperdibile in cui ammirare terre di sette colori differenti che, nel corso degli anni, si sono intrecciate tra loro dando vita ad un mix unico. Le Cascate Tamarind danno il meglio durante il periodo del monsone umido, e sono una serie di salti avvolti da una straordinaria cornice di verde. Se poi vi spostate verso nord, una tappa obbligata è quella per visitare il Giardino Botanico di Pamplemousses, una delle attrazioni imperdibili dell'isola, 26 ettari di natura rigogliosa, e dove potrete anche ammirare le testuggini di cui abbiamo parlato prima.

Impara l'arte (dello zucchero, del rum e del tè) e mettila da parte


L'isola è ricca di coltivazioni, soprattutto legate alla canna da zucchero, la cui produzione è la fonte principale dell'economia dell'isola, turismo a parte. Un tempo, oltre allo zucchero, prosperavano anche la produzione di rum e le piantagioni di tè. Ritagliatevi un pò di tempo per partire alla scoperta di piantagioni, fabbriche e negozietti. Avrete così la possibilità di carpire segreti e informazioni, fare deliziose degustazioni (imperdibile il tè alla vaniglia tipico di Mauritius) e comprare un pò di tutto per riassaporarli a casa.

Per maggiori informazioni sull'isola di Mauritius, visitare il sito ufficiale dell'Ente del Turismo alla pagina www.tourism-mauritius.mu/it
loading...
close