Cerca Hotel al miglior prezzo

In battello sull'acquedotto di Pontcysyllte in Galles

Pagina 1/2

Girando per l'Europa è facile incontrare resti di antichi acquedotti, opere lasciateci in eredità dai romani, di cui molte ancora sono, magnificamente, in funzione. I romani giunsero anche in Gran Bretagna, ma l'acquedotto più famoso del Regno Unito non è così antico: data autunno 1805 e rappresenta un opera d'Ingegneria dal grande valoro storico e culturale, che non è passata inosservata alla stessa UNESCO.

Il 26 novembre 1805 si inaugurava a sud di Liverpool, nel nel nord-est del Galles, l’acquedotto navigabile di Pontcysyllte, destinato a traghettare il canale Llangollen lungo la valle del fiume Dee, e che incanta a tutt'oggi i visitatori per l’imponenza dei suoi archi, eleganti e slanciati verso il cielo un po’ malinconico della Gran Bretagna. Chi ha la fortuna di attraversarlo si sente partecipe di un viaggio surreale, attorniato da panorami fiabeschi. Ecco perché l’UNESCO, nel 2009, ha deciso di includere l’acquedotto di Pontcysyllte tra i siti Patrimonio dell’Umanità.

A concepire una simile opera ingegneristica sono stati, tra la fine del XVIII e l’inizio del XIX secolo, Thomas Telford e William Jessop, che vi si dedicarono per una decina d’anni ed ebbero bisogno di più di 47 mila sterline, una cifra da capogiro per quei tempi. Il risultato, in effetti, toglie il fiato: un colosso lungo esattamente 1.007 piedi (307 metri), largo 11 (3,4 m) e profondo 5,25 piedi (1,6 m) ma soprattutto alto 126 piedi, pari a ben 38 ,etri totali, sostenuto da una elegante e interminabile sequenza di pilastri in muratura coronati da arcate di ferro. I pilastri sono 19 e ogni campata è ampia 16 metri.

Calce, acqua ed un additivo naturale come il sangue di bue, erano gli in ingredienti utilizzati per la preparazione della malta, e le placche di ferro necessarie vennero forgiate nella fonderia Plas Kynaston, fondata in zona, apposta per l’occasione. Queste placche non erano però rettangolari ma irregolari, modellate come pietre naturali per meglio inserirsi nel paesaggio. Prima di inaugurare un’opera di questa portata vennero effettuati degli attenti controlli: per sei mesi l’acquedotto fu riempito d’acqua per rilevare eventuali perdite, ma presto divenne navigabile e ancora oggi rappresenta uno splendido percorso acquatico, che fa parte del cosidetto Llangollen Canal, sospeso nel cielo.

... Pagina 2/2 ... Grazie alla presenza di un tappo centrale, il flusso del canale può sempre essere deviato nel letto del fiume Dee, nel caso si dovessero fare delle riparazioni a Pontcysyllte, ma per il resto del tempo il canale è solcato da speciali imbarcazioni allungate: chi viaggia a bordo di esse lancia lo sguardo nel verde della campagna gallese, e vive la stessa emozione che provavano i primi utenti di duecento anni fa. In alternativa si può semplicemente passeggiare lungo la passerella dell’acquedotto, protetti da un parapetto su di un solo lato dell'aquedotto.

Tour in Barca sul Pontcysyllte Aqueduct
Andare in barca sul Acquedotto di Pontcysyllte è un po' come rimanere sospesi a mezz'aria, una sorta di giostra adrenalinica di 200 anni fa! Se un lato è protetto da un parapetto in ferro, dall'altra parte c'è solo il piccolo bordo in ghisa della vasca, ed un salto di quasi 40 metri. Non sorprende quindi che che molte persone tengono gli occhi chiusi durante la traversata, ma questo è un vero peccato perché i panorami sulla vallata sono magnifici! Per prenotare un viaggio in barca dovete recarvi nella cittadina di Llangollen dove vengono proposti vari tour, sia di 2 ore sull'acquedotto, che altri percorsi fluviali con piccole barche trainate da un cavallo, molto caratteristici. Da visitare anche alcuni tunnel che fanno parte delle opere di ingegneria ideate dallo stesso Thomas Telford. il costo di un tour è pari a 12,5 sterline a persona. Per prenotazioni online, cliccate qui.

Per arrivare a Pontcysyllte
La grandiosa struttura – la più alta del mondo di questo genere – si trova a 6 km circa dalla città gallese di Llangollen, cui è collegata mediante la strada A539. Le stazioni ferroviarie più vicine sono quelle di Chirk, Ruabon e Wrexham General, e l’aeroporto di Liverpool è a una sessantina di chilometri di distanza.

 Pubblicato da il 13/03/2013 - 3.751 letture - ® Riproduzione vietata

loading...
close